La consulenza manageriale di The Business Game vince BeStartup

La startup (spin off dell’università di Udine) si aggiudica la terza edizione del premio di Friuli Innovazione

È The Business Game l’impresa che vince la terza edizione del premio BeStartup di Friuli Innovazione, assegnato l’11 dicembre durante il convegno Nuovi imprenditori e nuove imprese fanno rotta verso il successo al Parco Scientifico e Tecnologico di Udine.
Tra i finalisti quest’anno c’erano anche anche Dermap e e-Laser, entrambe fondate nel 2008 all’interno dell’incubatore certificato Techno Seed come The Business Game. A presentare l’impresa vincitrice e a ritirare il premio è stato l’amministratore delegato Nicola Baldissin, che è anche uno dei tre soci fondatori assieme ai professori universitari Fabio Nonino e Alberto Felice De Toni, l’attuale rettore dell’ateneo friulano. The Business Game è uno spin off dell’Università di Udine specializzato in consulenza e formazione manageriale.

business game

La startup The Business Game aveva basato il proprio business plan iniziale proprio sull’omonimo prodotto, un servizio di formazione web-based che simula la gestione di un’impresa all’interno di un mercato concorrenziale. Un business game è una specie di gioco di ruolo didattico online: si tratta di un ambiente competitivo simulato sufficientemente aderente alla realtà, che immerge i giocatori in un contesto aziendale virtuale in cui devono prendere decisioni manageriali.

L’obiettivo dei business game è quello di fornire esperienze di apprendimento che migliorino le abilità manageriali di studenti e professionisti in vari ambiti della vita d’impresa: dalla gestione di progetti complessi, alla risoluzione di crisi, passando per le decisioni finanziarie.

L’impresa, che oggi oltre ai tre soci conta anche quattro dipendenti, offre un’ampia gamma di prodotti per la formazione frontale e a distanza, lo sviluppo e la personalizzazione di business game e software di business simulation e servizi di consulenza strategica e organizzativa.

Complessivamente questi prodotti vengono oggi utilizzati da oltre cinquemila utenti all’anno, tra cui molti corsi di laurea di atenei italiani dove l’uso di questi innovativi strumenti dà diritto all’ottenimento di crediti formativi per gli studenti. 

La commissione di Techno Seed, che ogni anno sceglie un’impresa tra quelle che hanno terminato il loro percorso di incubazione da almeno tre anni, ha voluto premiare The Business Game per i positivi risultati economici ottenuti facendo leva sul proprio potenziale innovativo, per aver progressivamente consolidato il capitale umano e per aver saputo sviluppare con continuità relazioni di business, con interessanti opportunità di crescita. In premio la possibilità di avere un proprio ufficio all’interno del Parco Scientifico per un periodo di un anno gratuitamente.

Fintech italiano 2019: l’anno da incorniciare tra round, exit e IPO

Una nuova barca di soldi nel fintech britannico, ma anche nel nostro Paese il 2019 per le startup della finanza tecnologica è iniziato con il migliore degli auspici. Ripercorriamo tutti gli eventi più importanti dell’anno in corso.

Huawei contro il resto del mondo: a che punto siamo?

La faccenda sembra complicata, ma in realtà è molto semplice. La questione è sempre stata puramente economica: e tutti restano in attesa, guardinghi, di scoprire come finirà. E la Cina non starà certo a guardare

Food trend, siete pronti per i cocktail alla carne?

Per chi non si accontenta di mangiarla, la bistecca finisce anche nel bicchiere. Ecco l’ultima tendenza della mixology nata sui tavoli americani e approdata nello storico ristorante monzese Bove Lover

Torino, siglato l’accordo per un hub internazionale dell’innovazione alle OGR

Stimolare la ricerca ma anche attrarre startup e investimenti in fondi tech: questi gli obiettivi dell’accordo siglato da Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Intesa Sanpaolo Innovation Center.