A Natale il regalo con la colletta online (e sicura) di Growish

Oltre 3 milioni di italiani hanno partecipato a una raccolta di soldi in gruppo per acquistare un regalo di Natale, coinvolgendo da 2 a 4 persone (75%).  Secondo un’indagine realizzata a giugno 2014 dall’Istituto di Ricerca Iterion per Growish, piattaforma per raccogliere denaro tra amici sul web e acquistare un regalo di gruppo, tramite il… Read more »

Oltre 3 milioni di italiani hanno partecipato a una raccolta di soldi in gruppo per acquistare un regalo di Natale, coinvolgendo da 2 a 4 persone (75%).  Secondo un’indagine realizzata a giugno 2014 dall’Istituto di Ricerca Iterion per Growish, piattaforma per raccogliere denaro tra amici sul web e acquistare un regalo di gruppo, tramite il metodo della colletta online. Intervistando un campione rappresentativo di italiani pari a circa 25 milioni di persone tra i 20 e i 50 anni, è emerso che l’84,7% degli italiani ha partecipato ad almeno una colletta negli ultimi 12 mesi (di cui il 52,3% donne e il 47,7% uomini).

growish

La tipologia dei regali di Natale acquistati con i soldi raccolti è rappresentata da oltre 25 categorie fra cui settore fashion (36,4%) cofanetti e giftcard (20,4%), libri (15,9%).

Ma la colletta tradizionale non è sempre efficace e priva di stress: infatti il 36,7% degli italiani ha dichiarato di aver avuto problemi per il mancato versamento della quota concordata da parte degli altri partecipanti  e addirittura 2 italiani su 3 (68,9%) hanno lamentato ritardi nel pagamento.Il 76,6% degli italiani dichiara di essere indeciso sul regalo da comprare.

Per risolvere questo problema, oggi c’è Growish, la colletta online semplice e sicura che permette ad amici, parenti e colleghi (che vivono in città, regioni e nazioni diverse) di condividere la spesa di un regalo, versando ognuno la propria quota con un semplice click e in maniera sicura, grazie alla piattaforma tecnologica e di pagamento sviluppata da Growish.

Il video di Growish

http://youtu.be/18ZDt7iA1kc

Fare business vero con i rifugiati: perché Soros investirà 500 milioni nelle loro startup

L’imprenditore di origine ungherese, fondatore delle Open Society Foundation, ha deciso di promuovere le idee di business di chi scappa da guerra e povertà. E stimola il settore privato a impegnarsi per dare loro accesso a tutti servizi e favorirne così l’autonomia nelle comunità che li ospitano

Il senso del round di MoneyFarm con Allianz, secondo Paolo Galvani

A quasi un anno dal primo grande round da 16 milioni e all’indomani dell’annuncio di un altro round con il gruppo Allianz, abbiamo intervistato il presidente di MoneyFarm Paolo Galvani. Consigli alle startup fintech? «sfatiamo il mito delle banche che cercano startup, bisogna puntare tutto sul team per impressionare gli investitori».

Questa batteria si autodistruggerà in 30 minuti. Transient Technologies

I ricercatori della Iowa State University hanno realizzato una batteria da 2,5 Volt a base di alcool polivinilico che si dissolve in acqua in 30 minuti. In futuro potrà essere utilizzata per dispositivi medici da impiantare nel corpo umano, per sensori ambientali temporanei e per dispositivi militari che non devono cadere nelle mani del nemico.