La multinazionale indiana Zomato si compra la startup italiana Cibando

Un’altra acquisizione per il gigante della ricerca dei ristoranti online: ora tocca all’Italia

Lo hanno fatto in Nuova Zelanda, in Polonia e in Repubblica Ceca. Ora Zomato ha scelto di sbarcare in Italia, terra del cibo per eccellenza, acquisendo Cibando.  La startup per la ricerca di ristoranti fondata da Guk Kim ha fatto gola al gigante Zomato, uno dei maggiori servizi online del settore a livello mondiale, presente in 20 Paesi del mondo.Cibando-01

Una vera e propria iniezione di risorse perché, secondo l’accordo tra le due aziende, nei prossimi due anni Zomato investirà 6 milioni di dollari, per la crescita del neonato team misto e del business.

“Abbiamo molto da imparare dal team di Cibando riguardo il mercato locale – commenta Deepinder Goyal, fondatore e CEO di Zomato -. L’intero team di Cibando si sta unendo a Zomato e il prossimo passo è la costruzione di un forte business in Italia. Siamo davvero entusiasti di unire le nostre forze con le loro e siamo concentrati sul diventare il punto di riferimento in Italia e nel mondo per quanto riguarda il servizio online di ricerca ristoranti.”
Con gli investimenti arriveranno anche le assunzioni. Cibando, per il momento, conta dieci persone a tempo pieno ma, nei prossimi tre mesi, se ne aggiungeranno altre 30 o 40 .

“Cibando si è affermata come il principale servizio di ricerca ristoranti online in Italia – continua Goyal -. Il loro traffico attuale e la loro base utenti rappresentano un ottimo punto di partenza per lanciare Zomato anche in questo Paese”. L’azienda, infatti, ha come obiettivo un’ambiziosa espansione in 15 Paesi durante il prossimo anno.

Un ambizione, quella dell’azienda guidata da Deepinder Goyal, che si riflette anche sull’acquisizione di Cibando perché il piano per lo sbarco in Italia prevede un’ulteriore crescita di personale e risorse. L’obiettivo è quello di avere da 150 a 200 dipendenti dislocati nelle 6 maggiori  città della penisola.zomato1

“Zomato si sta espandendo a livello globale a un ritmo rapido – commenta Guk Kim, fondatore e CEO di Cibando -. Siamo entusiasti di essere parte di questo viaggio. Insieme, saremo in grado di offrire informazioni dettagliate per un numero sempre maggiore di ristoranti, in Italia e non solo, ma anche di aiutare i ristoranti stessi a connettersi e interagire con i clienti in modo efficace”.

L’isola green che (ancora) non c’è. Il progetto

Un progetto del Seasteading Institute prevede di creare un’isola artificiale eco sostenibile al largo di Tahiti. Si potrà muovere e si doterà di una propria cripto-moneta

Sos ÀP Biblioteca: la campagna di crowdfunding per riportare la cultura in periferia

Su Produzioni dal Basso la call to action per ristrutturare la biblioteca di ÀP – Accademia Popolare dell’antimafia e dei diritti, restituirla agli studenti dell’IIS Enzo Ferrari di Roma e aprirla alla città

È nato lo Smarterware, il contenitore che ti dice quando il cibo sta andando a male

Prodotto dalla startup di Chicago Ovie, questo sistema è un led luminoso che si colora diversamente a seconda del tempo di conservazione di un alimento e può comunicare anche con l’assistente vocale di Amazon Alexa