#HowToStartaStartup 11 | Gestire le assunzioni

Assumere persone talentuose è un processo lungo e difficile che ha bisogno di tempo per essere perfezionato. Il colloquio è la parte meno difficile e importante

Anche questa undicesima lezione di “How to start a startup” si è svolta sotto forma di panel. Sam Altman, fondatore di Y-Combinator, ha moderato una discussione a tre sui temi “Cultura e Assunzioni” nella quale sono intervenuti Patrick Collison e John Collison (fondatori di Stripe) e Ben Silbermann (fondatore di Pinterest). 

how-start-a startup

I tre startupper hanno raccontato, attraverso la loro esperienza personale, come gestire le assunzioni all’interno della propria azienda, soprattutto nella fase iniziale, e di come la cultura aziendale (della quale ho parlato nel mio precedente post) sia stata fondamentale per effettuare le scelte giuste.

Il video integrale della lezione è disponibile, con i sottotitoli in inglese, qui sotto:

Data la natura dell’intervento, in questa lezione non sono state utilizzate slide. E’ disponibile, come sempre, la trascrizione integrale della lezione. Il materiale aggiuntivo, da leggere prima di guardare il video della lezione, è il seguente:

Il primo post è di Alex Maccaw, sviluppatore Javascript, che racconta la sua esperienza di lavoro in Stripe. Un bel post con tanti “elementi noti” per chi è informato sullo stile lavorativo della Silicon Valley ma con interessanti spunti di riflessione (soprattutto sul supporto e le attività di gruppo).
Il secondo link è un post dello stesso Altman che da alcuni suggerimenti pratici su come gestire le assunzioni nella propria startup. Anche questo è un post molto utile dal quale emerge come il colloquio sia, in realtà, la parte meno difficile e importante dell’intero processo di assunzione.

Vi consiglio vivamente la visione per intero del video. In una lezione di questo tipo è difficile estrarre consigli più importanti di altri. Non credo ce ne siano.
Tutti e tre gli intervistati sottolineano, infatti, come assumere persone talentuose sia un processo lungo e difficile che ha bisogno di tempo per essere perfezionato. Gli stessi startupper e imprenditori falliscono diverse volte prima di capire quali sono le giuste skill da ricercare in un candidato e, soprattutto, come accorgersi se la persona seduta di fronte è quella giusta per la propria azienda.

Ovviamente non esistono regole univoche che si applicano in tutti i casi. Tutti e tre gli intervistati fanno notare, infatti, di come sia necessario cambiare strategia man mano che la propria azienda cresce e, soprattutto, di come diventi più difficile riuscire a trovare le persone giuste quando non si è più un gruppetto di ragazzi con un’idea.
In relazione a ciò, uno dei passaggi che mi ha colpito di più è sicuramente quello di Ben Silermann che dice:

Se sei alla ricerca di persone eccellenti non puoi aspettare che vengano loro da te ma devi andare a prenderle tu!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Google, Facebook e marketing digitale: così il turismo in Portogallo fa numeri e dà lavoro

Visibilità nelle ricerche online e offerte personalizzate. Ecco come il Paese lusitano ha fatto delle proprie bellezze un business, con un fatturato 2016 di 11 miliardi (e 40 mila posti di lavoro in oltre 4 mila aziende)

Un robot subacqueo ha ispezionato i reattori di Fukushima

Per analizzare l’entità dei danni del terremoto del 2011 nella centrale nucleare di Fukushima, gli scienziati stanno usando un piccolo robot a forma di pesce che ha restituito le prime immagini del reattore

Questa startup di Wylab trova borse di studio per atleti | Usa College Sport

Selezionare borse di studio per atleti nelle università statunitensi, questa la mission del progetto di Deljan Bregasi: «Abbiamo relazioni con 2000 diverse università e possiamo comunicare con migliaia di allenatori di 14 sport diversi»