wiMAN brinda a fine anno: 700 mila euro da Tim Ventures e P101

Fondata nel 2012 da Massimo Ciuffreda e Michele di Mauro, wiMAN è stata inizialmente supportata da Matteo Riffeser Monti come Angel Investor e dall’acceleratore Nanabianca

Milano/Bologna – 19 dicembre 2014. WiMAN, tra le reti Wi-Fi social più estese in Italia, apre il proprio capitale a un pool di investitori guidato da Tim Ventures, società del Gruppo Telecom Italia nata per investimenti dedicati alle migliori startup digitali, e da P101, operatore di venture capital promosso da Andrea Di Camillo. Tra i nuovi soci anche Club Italia Investimenti 2. L’investimento complessivo si aggira attorno ai 700 mila euro. 

wiman

Fondata nel 2012 da Massimo Ciuffreda e Michele di Mauro, wiMAN è stata inizialmente supportata da Matteo Riffeser Monti come Angel Investor e dall’acceleratore Nanabianca che ha anche seguito finanziariamente l’aumento di capitale.

La startup ha sviluppato una tecnologia che permette alle attività commerciali di condividere con i clienti la propria rete Wi-Fi, garantendo un accesso gratuito e immediato tramite l’autenticazione con l’account Facebook o Google. I router di wiMAN sono attualmente utilizzati da 2000 locali pubblici in Italia e 500 all’estero, che ad oggi hanno generato un totale di 3 milioni di connessioni e registrato 500 mila utenti unici, di cui il 50% stranieri.

“Siamo in una fase di espansione del business e queste nuove risorse saranno utilizzate in parte per ampliare la copertura del nostro servizio a nuove attività commerciali e non solo”, spiega Massimo Ciuffreda, amministratore delegato di wiMAN. “Vogliamo consolidare la nostra presenza in Italia e rafforzare progetti già avviati all’estero, soprattutto negli Stati Uniti e Brasile. Siamo soddisfatti di poter contare non solo su un sostegno finanziario ma, e soprattutto, sulle competenze e know-how di realtà come P101 e Tim Ventures per sostenere i nostri piani di sviluppo”.

“Telecom Italia collabora con wiMAN sin dalla sua fondazione: questo investimento conferma la nostra fiducia in questa azienda e il nostro impegno a supportare il suo ulteriore sviluppo”, dichiara Salvo Mizzi, Amministratore Delegato di TIM Ventures. “Chiuderemo presto altri investimenti con le migliori startup innovative in ambito digital, internet, mobile e green ICT”.

“La soluzione sviluppata da wiMAN va nella direzione delle reti wireless a basso costo che rappresenta una delle naturali evoluzioni per l’utente in mobilità”, commenta Andrea Di Camillo, managing partner P101. “La semplicità e stabilità della tecnologia di wiMAN offre all’utente finale un accesso immediato e consente all’esercente del singolo nodo di assicurare un servizio ormai indispensabile, ma soprattutto di avere un’immediata visibilità della propria base utenti e clienti, creando così un canale di comunicazione efficiente e necessario”.

Parte dell’investimento sarà destinata alla nuova release dell’app per dispositivi mobile, introdotta lo scorso anno, che permette agli utenti di connettersi automaticamente alle reti wiMAN.

“Oggi oltre il 50% delle connessioni nella nostra rete è generato dall’app”, racconta Michele di Mauro, CTO di wiMAN. “Forti dell’esperienza acquisita in questo anno e stimolati dal grande interesse mostrato dagli utenti, abbiamo deciso di svilupparne una versione completamente rinnovatacon un obiettivo ancora più ambizioso: aiutare le persone a trovare le reti Wi-Fi aperte di tutto il mondo e connettersi in maniera estremamente semplice. In breve, vogliamo diventi l’app di riferimento per la rete senza fili”.

 

L’isola green che (ancora) non c’è. Il progetto

Un progetto del Seasteading Institute prevede di creare un’isola artificiale eco sostenibile al largo di Tahiti. Si potrà muovere e si doterà di una propria cripto-moneta

Sos ÀP Biblioteca: la campagna di crowdfunding per riportare la cultura in periferia

Su Produzioni dal Basso la call to action per ristrutturare la biblioteca di ÀP – Accademia Popolare dell’antimafia e dei diritti, restituirla agli studenti dell’IIS Enzo Ferrari di Roma e aprirla alla città

È nato lo Smarterware, il contenitore che ti dice quando il cibo sta andando a male

Prodotto dalla startup di Chicago Ovie, questo sistema è un led luminoso che si colora diversamente a seconda del tempo di conservazione di un alimento e può comunicare anche con l’assistente vocale di Amazon Alexa