Fare un’exit da 5,5 milioni a 20 anni: le turbine di Parrotto

Il ventenne fondatore, Gianluigi Parrotto: «Con i soldi degli investitori americani farò crescere ancor di più Casarano e il Salento»

Il 2015 sarà un anno decisivo per il movimento degli startupper italiani. Lo avevamo detto presentando l’ebook delle 100 startup che saranno in grado di rivoluzionare il 2015 e sono passati solo pochi giorni per avere la prima conferma. Gianluigi Parrotto (1994, Casarano) fondatore della Gp Renewable, che produce mini-turbine eoliche, ha conquistato l’America. E non solo metaforicamente. Il fondo d’investitori statunitense “Air”,  settore petrolifero ed energetico, ha deciso di spendere 5 milioni e mezzo di euro per rilevare la startup salentina (fatturato 2014: 700mila €) e i suoi 15 tra dipendenti e collaboratori. Un risultato straordinario per un ragazzo partito con le sole sue forze e che oggi, pur avendo realizzato un sogno, continua a guardare al futuro, suo e di Casarano.

190098-thumb-full-parrotto

Confermando quest’operazione, infatti, Gianluigi ha preteso e ottenuto che la produzione delle mini-turbine non venisse delocalizzata ma rimanesse in territorio pugliese: una scelta che porterà alla nascita di “Air Italy Group” che ingloberà la Gp Renewable, mantenendo il lavoro esistente e non spogliando il territorio di una delle più belle giovani realtà imprenditoriali locali. Sarà lo stesso Parrotto a coordinare, a livello nazionale, lo sviluppo della creatura che ha fatto nascere e crescere: presto, infatti, arriverà la sua nomina a Presidente del Consiglio d’Amministrazione della neonata società.

Le nuove idee (a sostegno del territorio)

E come investirà questi soldi Gianluigi?
L’obiettivo non cambia: far crescere il Salento, generare lavoro, aiutare i giovani che abbiano voglia, talento e buone idee, far tornare a casa le aziende che avessero intenzione di scommettere sul territorio. «Acquisterò i capannoni vuoti del polo industriale di Casarano. La mia intenzione è quella di cederli in comodato d’uso gratuito alle aziende, con almeno dieci dipendenti, che vogliono tornare a produrre in zona» ha affermato ad un giornale locale «In questo modo possiamo rilanciare l’economia locale, creando posti di lavoro. Ma abbiamo bisogno dell’aiuto dell’amministrazione pubblica e della politica, di qualunque colore e schieramento, per risollevare questa città».

Come funzionano le turbine

L’impianto consiste in un sostegno (palo in acciaio per sorreggere la struttura), una turbina (le pale e gli organi meccanici di trasmissione) e apparecchiature elettroniche (generatore e inverter). Sono made in Italy il materiale e il design a tre vele (un albero centrale e i suoi cuscinetti, alti al massimo cinque metri).

4200 motivi per essere con noi a Milano il 17 Dicembre: #SIOS18

Perchè essere con noi il mese prossimo al Palazzo del Ghiaccio? I motivi sono tantissimi ma a pensarci bene e la vera ragione è fermarsi un attimo, un lunedì di Dicembre, di quelli in cui si fanno i bilanci, non solo economici, dell’anno che sta finendo e di quello nuovo che sta iniziando

Al via l’Erasmus per i giovani imprenditori europei

State pensando di avviare una vostra impresa o l’avete costituita da poco? Oppure siete imprenditori di successo alla ricerca di nuovi mercati e idee innovative? Il programma Erasmus per giovani imprenditori potrebbe fare al caso vostro

Viaggio nel mondo Pixel 3

Integrazione totale nell’universo Google. Dimensioni maxi, prezzo maxi. E una fotocamera posteriore rimarchevole. Com’è lo smartphone di Mountain View

Il forno intelligente Brava cuoce con la luce e adatta la temperatura ai cibi

Costa poco meno di mille dollari ed è stato lanciato per il momento solo sul mercato statunitense. Promette di restituire pietanze cotte in maniera uniforme con risparmio notevole di tempo ed energia

Diabete e fake news online: falsi due post su tre. La ricerca di Sanofi

Nella Giornata Mondiale del Diabete la società farmaceutica ha presentato uno studio che testimonia i rischi del web. Ma internet è anche il luogo dell’incontro e i social network possono motivare i pazienti