Cagliari, lo Startup Weekend con un sapore particolare

Location e giudici d’eccezione: ecco perché i riflettori del fine settimana saranno puntati sulla Sardegna.

Non solo la tradizionale tre giorni per startup. Lo Startup Weekend di Cagliari ha un sapore particolare che StartupItalia! racconterà passo passo con un live tweeting. Si comincia questa sera alle 18.30 e la nostra piattaforma è media partner ufficiale dell’evento. I motivi per non perdersi alcun aggiornamento sono più di uno.

Prima di tutto la location: a ospitare la competizione sarà il nuovo Open Campus, lo spazio di coworking ed eventi inaugurato il 13 aprile da Tiscali. Si tratta di un punto d’incontro per l’innovazione sarda, da chi ha tracciato il percorso – come la Seiès – a chi sta muovendo i primi passi – la startup MyChildWorld ad esempio. Lo Startup Weekend sarà la prima occasione per mostrarsi all’intera Penisola dopo l’evento di apertura e per aprire la porte a chi ha nuovi spunti.

C’è poi una lista di giudici da togliersi il cappello. Renato Soru su tutti, Ceo di Tiscali. Il fondatore di The Net Value Mario Mariani arriva dall’esperienza della task force dell’ormai ex ministero dello Sviluppo Economico per le startup e Massimiliano Magrini, fondatore di United Ventures, è uno dei rappresentati più rilevanti del venture capital nostrano. Niccolò Sanarico rappresenta dPixel, altra società di venture. Alberto D’Ottavi, co-fondatore di Blomming, è uno degli speaker. E, ovviamente, le startup: quelle che nasceranno, quelle che lasceranno il segno e quelle che proveranno a farlo.

UXGO: la startup che crea un sito web a partire da un mazzo di carte

UXGO è un’azienda che spinge sull’innovazione in un settore considerato tutto sommato senza idee particolari, rivoluzionando il workflow del web designer e del front-end developer e favorendo un dialogo con il cliente per la costruzione di un sito con meno dispendio di tempo e denaro. 

Omnidermal Biomedics vince il Premio Leonardo Startup 2018

Il Comitato Leonardo, in collaborazione con il MISE e l’Agenzia ICE, ha assegnato il riconoscimento alla startup nata come frutto della ricerca del Politecnico di Torino. Omnidermal ha sviluppato il “Wound Viewer”, dispositivo medico capace di acquisire e processare le immagini di ulcere cutanee grazie alla Intelligenza Artificiale.