Winter Usa Tour per 7 eccellenze del gusto Made in Italy

La startup Italcheck, ma anche Albergian, Calabria Food, Fratelli Minaglia, J.Gasco, Palazzolo, Quickmill, Rizzoli Emanuelli pronte ad incontrare buyer, ristoratori e consumatori tra San Francisco, Santa Cruz e Las Vegas

Italcheck, startup nata in Italia (a Torino) nel 2014 che permette ad aziende e consumatori di tracciare la filiera del Made in Italy e di certificare i prodotti realmente realizzati in Italia, protagonista, insieme ad Agroqualità e alle aziende italiane certificate, di un tour americano lungo la West Coast. L’obiettivo è fare conoscere e apprezzare i prodotti italiani di piccole aziende del nostro Paese. Dalla pasticceria alle marmellate artigianali, dalle bibite alla pasta, saranno 7 le aziende artigianali (Albergian, Calabria Food, Fratelli Minaglia, J.Gasco, Palazzolo, Quickmill, Rizzoli Emanuelli), che si muoveranno tra San Francisco, Santa Cruz e Las Vegas per incontrare buyer, ristoratori e consumatori amanti delle eccellenze italiane.

made in italy

«Il Made in Italy vive una stagione d’oro negli Stati Uniti – ha dichiarato Marco Masselli amministratore delegato di Italcheck – lo confermano il successo dei ristoranti italiani, tra i più apprezzati in America, ma anche i dati relativi all’esportazione e al consumo dei nostri prodotti. Quando Italcheck è nata, circa un anno fa, la mia idea era di offrire un sistema innovativo in grado di verificare l’autenticità di un prodotto preservandone l’identità, tutelando sia i produttori attivi sul territorio italiano sia i consumatori di tutto il mondo che scelgono di acquistare un prodotto italiano al 100%»

made in italy

«Il mio obiettivo – ha aggiunto – era anche più ambizioso: aiutare le aziende a valorizzare il prodotto puntando all’export, facendole uscire dai confini nazionali per aprire nuovi mercati, facendo squadra per arrivare là dove una piccola azienda artigianale, da sola, non ha la struttura per arrivare. Il tour americano rappresenta l’inizio di questo percorso. L’Italia è posizionata all’ottavo posto nella classifica dei principali fornitori di prodotti agroalimentari verso gli USA e la percentuale di export cresce ogni anno di diversi punti. I consumatori americani sono sempre più attenti a ciò che acquistano e Italcheck è lo strumento ideale per guidarli a una scelta ancora più consapevole. Italexcellence è dunque il progetto di Italcheck che debutta in questi giorni per la promozione e valorizzazione dell’autentico prodotto italiano all’estero».

MADE IN ITALY IN TOUR  – LE TAPPE

Prima tappa San Francisco dove, fino al 13 Gennaio, è in programma uno degli appuntamenti più attesi sulla West Coast, il Winter Fancy Food, una mega Salone del Gusto dedicato all’agroalimentare.

Il 15 gennaio Italcheck e le aziende certificate saranno protagoniste di Italian Gala Dinner, organizzato a Santa Cruz perso la storica pizzeria italiana Tramonti (528 Seabright Avenue, Santa Cruz, CA 95062, Stati Uniti). Una cena tutta italiana preparata dallo chef Roberto Notarpietro per assaggiare, degustare e conoscere i prodotti del nostro territorio.

Dal 20 al 22 Gennaio i prodotti Italcheck saranno invece ospiti  al Kbis di Las Vegas nello stand di Bartazzoni Spa, l’azienda reggiana specializzata negli elettrodomestici per la cottura, che ha scelto di raccontare l’eccellenza italiana attraverso degli showcooking realizzati dallo chef Notarpietro durante tutto l’arco della manifestazione. Un omaggio all’Italia, alla dieta mediterranea e alle eccellenze del nostro paese.

Italcheck

Italcheck è un sistema di certificazione e tracciabilità. Le aziende interessate a tutelare e promuovere la propria produzione attraverso la certificazione Italcheck e la piattaforma di tracciabilità vengono accreditate in seguito ad un audit in grado di verificare che tutte le fasi di produzione siano corrispondenti ai disciplinari di accreditamento Italcheck. In caso di un riscontro positivo l’azienda viene inserita nel database dei produttori accreditati Italcheck.

I controlli di conformità ai parametri sono effettuati da un Ente terzo per assicurare l’assoluta oggettività delle valutazioni: in questa fase Italcheck si avvale del supporto di Agroqualità S.p.A., società di certificazione specializzata nel settore agroalimentare, controllata dal RINA Services S.p.A. e dal sistema Sistema Camerale Italiano e attiva sull’intero territorio nazionale italiano, che contribuisce al progetto Italcheck mettendo a disposizione le proprie competenze nel campo della tracciabilità e della certificazione food e non food fornendo garanzie circa la corrispondenza tra la promessa e la reale offerta.

Il bollino Italcheck autentica l’identità italiana dei prodotti. Ogni azienda accreditata potrà accompagnare i propri prodotti, oltre che con il bollino, anche con il codice di verifica IC-code e/o con un QR per rendere diretta la verifica o, a seconda del prodotto e delle necessità più specifiche, NFC, RFID. Inoltre il sistema può essere implementato con importanti servizi utili all’azienda quali tracciabilità, autenticazione e geolocalizzazione, per tenere sotto controllo eventuali contraffazioni, mercati paralleli e anomalie presenti.

Fintech italiano 2019: l’anno da incorniciare tra round, exit e IPO

Una nuova barca di soldi nel fintech britannico, ma anche nel nostro Paese il 2019 per le startup della finanza tecnologica è iniziato con il migliore degli auspici. Ripercorriamo tutti gli eventi più importanti dell’anno in corso.

Huawei contro il resto del mondo: a che punto siamo?

La faccenda sembra complicata, ma in realtà è molto semplice. La questione è sempre stata puramente economica: e tutti restano in attesa, guardinghi, di scoprire come finirà. E la Cina non starà certo a guardare

Food trend, siete pronti per i cocktail alla carne?

Per chi non si accontenta di mangiarla, la bistecca finisce anche nel bicchiere. Ecco l’ultima tendenza della mixology nata sui tavoli americani e approdata nello storico ristorante monzese Bove Lover

Torino, siglato l’accordo per un hub internazionale dell’innovazione alle OGR

Stimolare la ricerca ma anche attrarre startup e investimenti in fondi tech: questi gli obiettivi dell’accordo siglato da Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Intesa Sanpaolo Innovation Center.