La startup italiana che ha convinto Porsche: ecco chi ha vinto Ex Machina

Il progetto Texturization si è aggiudicato il contest a H-Farm

Il 16 gennaio c’è stata la presentazione dei progetti dei team finalisti e la proclamazione dei vincitori nell’ultimo giorno di Ex Machina, il contest (powered by Porsche Italia), sviluppato a H-FARM a partire dal 13 ottobre. Il contest si è concluso con il successo del team I Soci che hanno presentato il progetto Texturization. Il progetto di Susanna Del Colle e Alessandro e Michele Leghissa prevede la sostituzione di materiali naturali, come legno, carbonio e pietra con dei display non emissivi a colori, flessibili e di forma irregolare. In questo modo diventa possibile personalizzare e modificare l’arredamento di qualsiasi luogo, utilizzando un solo prodotto, a tutto vantaggio dei costi di produzione. Questi particolari display, inoltre, possono dialogare con gli smartphone e con le tecnologie del marketing di prossimità: iBeacon, Bluetooth 4.0 e modulo GPS.

H-FARM si è occupata della selezione delle 10 idee migliori che le aziende aderenti hanno la possibilità di aggiudicarsi. Le idee sono state successivamente sviluppate dai partecipanti con il supporto di H-FARM e rese disponibili per le aziende. Tra queste 10 finaliste, una giuria eleggerà la migliore soluzione che si aggiudicherà il supporto di Porsche Consulting per l’ulteriore consolidamento in azienda. In palio c’è insomma la visibilità dei propri progetti davanti ad un panel di eccellenza composto da Porsche Italia e dalle aziende partner di Ex Machina e la possibilità di vedere il proprio valore realizzato concretamente.

h-farm

Il team vincitore di Ex Machina, il contest di Porsche Italia a H-farm

«I progetti presentati dai dieci team finalisti hanno riscosso molto interesse e troveranno sicuramente un’applicazione. Inoltre abbiamo creato un format completamente nuovo – ha detto Pietro Innocenti, direttore generale di Porsche Italia – al quale hanno aderito diversi nostri clienti che rappresentano realtà eccellenti dell’imprenditoria italiana».

TEXTURIZATION

Mediante l’utilizzo di display non emissivi a colori, flessibili e di forma irregolare, I Soci si prefiggono l’obiettivo di sostituire materiali naturali quali il legno, il carbonio e la pietra, consentendo così una illimitata personalizzazione one-to-one, pur mantenendo un unico prodotto all’origine che garantirebbe così un risparmio considerevole nei costi di produzione. Questi display dialogheranno con gli smartphone e verranno sfruttati anche nel marketing di prossimità con tecnologie iBeacon, Bluetooth 4.0 e modulo GPS.

I progetti sono stati valutati secondo nove criteri di giudizio: il grado di innovativitàl’aderenza al brief fornito, la qualità dell’approccio strategico, il grado di fattibilità, la scalabilità, la qualità completezza dell’esposizione, la qualità complessiva, il livello di partecipazione del gruppo e il livello di collaborazione all’interno del gruppo.

Il progetto Ex-Lab presentato da Gabriele Garofalo, Alessio Patron e Giovanni Fontana, si è classificato al secondo posto, mentre Plustomization, terzo classificato, è stato proposto da Andrea Roberto Botta, Andrea Forapani e da Chiara Tubini.

Ex Machina

Il 4-5 ottobre 2014 si è tenuto un hackathon, una maratona per giovani che abbiano voglia di sviluppare nuove idee basate sulle tecnologie digitali e all’interno di H-FARM. Una maratona di oltre 24 ore durante la quale i giovani hanno elaborato idee su tre temi identificati da Porsche Consulting Italia.

I temi

– Mass customization: coniugare efficienza industriale e personalizzazione tipica dell’artigianato.

– Net promoter score: come trasformare un cliente soddisfatto in un ambasciatore della marca.

– Reti d’impresa: soluzioni per superare i limiti dimensionali aziendali mantenendo la flessibilità.

La selezione

Dopo una prima fase di selezione, 10 team finalisti, composti ciascuno da tre giovani, hanno avuto la possibilità di trascorrere i mesi successivi nel campus di H-FARM, partecipando così al programma di accelerazione intensivo dedicato alle startup.

Chi sono gli alunni “plusdotati” e perchè è importante che siano riconosciuti dal Miur

Momento storico per gli alunni plusdotati in Italia. Il Ministero dell’Istruzione “ha riconosciuto”, per la prima volta, all’interno del sistema degli alunni con bisogni educativi speciali anche quelli ad alto potenziale cognitivo. L’intervista con la presidente di Aget Italia