Uber annuncia 50 mila posti di lavoro in Europa

Secondo quanto ha affermato l’amministratore Travis Kalanick la startup di San Francisco si espanderà ancora nel Vecchio Continente

Uber annuncia nuovi posti di lavoro in Europa. Secondo quanto ha affermato l’amministratore Travis Kalanick durante la Conferenza “Dld” sul digitare a Monaco di Baviera, promettendo l’assunzione di 50mila addetti quest’anno mediante una “nuova partnership con le città”.

Dopo mesi di attriti, che in diverse metropoli e città hanno portato alla messa al bando del servizio di ricerca di auto con conducente tramite smartphone e dispositivi mobili, la società californiana cerca dunque di ammorbidire la situazione, affermando che potrebbe diventare “un grande generatore di lavoro”. Il manager ha infatti rivendicato che Uber ha consentito di generare l’equivalente di 7.500 posti a tempo pieno a San Francisco, 13.750 a New York 10.000 a Londra e 3.750 a Parigi.

1408703332_driver-hero-1-1440-900Creata nel 2010, Uber viene osteggiata dalle associazione di taxi di mezzo mondo che vi vedono un canale di concorrenza diretta che opera fuori dalle licenze obbligatorie. Spesso sono state proprio queste associazioni ad avviare procedimenti legali contro l’attività della “app”.

Nel corso della conferenza, Kalanick ha invece voluto fare leva sul “quanti disoccupati potranno trovare in questa rete un sistema per vivere e sfruttare una opportunità economica. Vogliamo fare del 2015 l’anno in cui stabilire una nuova partnership con le città europee, per spingere verso una progressiva regolamentazione e innovazione – ha detto – mentre garantiremo cospicui benefici economici alle città e alle loro economie”.

Alibaba, Tencent, JD.com: qualche guaio per l’impero tech cinese

Dall’annuncio dell’addio di Jack Ma fino all’arresto di Richard Liu per molestie sessuali e alle difficoltà prolungate di Tencent in borsa dopo l’annuncio del nuovo più severo regolamento del governo cinese su videogame e internet. Ecco perché in questo momento, per diversi motivi, i colossi cinesi vivono un momento complesso