Jobyourlife chiude un round di finanziamento da 600mila euro

500 aziende iscritte, 300mila utenti e il team in crescita: “Ora siamo pronti per il grande salto”. Nel mirino Gran Bretagna e Spagna.

Il 2015 di Jobyourlife, piattaforma di job recruiting che mette in contatto in modo innovativo domanda e offerta di lavoro, inizia con la chiusura di un round di finanziamento da 600mila euro, che segue quello da 500mila chiuso nel 2013.

L’azienda fondata da Andrea De Spirt (classe ’89) nel 2012, con uffici a Milano e a Cagliari, è cresciuta nell’ultimo anno fino ad arrivare a quota 300mila utenti iscritti (con più di 1200 iscritti al giorno) e con 500 aziende che utilizzano la piattaforma per cercare i candidati migliori (tra cui Kpmg, Boston Consulting, Teddy Spa, Willis Italia).

Qui l’intervista su Forbes di Jobyourlife

jobyourlife

jobyourlife

“Continueremo a crescere”

“La chiusura di un round da 600mila euro, che ha visto protagonisti alcuni business angel, rappresenta un’ottima spinta per continuare a crescere e per puntare all’internazionalizzazione verso i due Paesi europei che abbiamo individuato per i nostri prossimi obiettivi (Gran Bretagna e Spagna). Questa è la prova che il nostro modello sta funzionando e sta dando dei risultati concreti a chi ha scelto di investire nella nostra realtà – spiega Andrea – Jobyourlife è stato soprannominato da molti “Il Google dei CV”. Grazie a un algoritmo semantico sviluppato internamente, infatti, le aziende iscritte alla nostra piattaforma possono cercare e trovare in pochissimo tempo esattamente le persone di cui necessitano in una precisa zona geografica (con la medesima logica di Google Maps).

Inoltre, in questo modo, grazie alla geolocalizzazione del curriculum, anche i candidati non devono più perdere tempo a leggere intere pagine di offerte, ma ricevono dalle aziende interessate solo annunci geo-mirati (perfettamente in linea con il loro profilo e all’interno all’area geografica selezionata).”

Qui la storia della startup. 

Nuovi posti di lavoro

Il grande salto può essere compiuto, però, solo con la crescita del team. “Il team è la nostra forza e grazie al nuovo finanziamento abbiamo la possibilità di farlo crescere – continua Andrea – Al momento siamo alla ricerca di diverse figure professionali da inserire sia nell’ufficio di Milano che in quello di Cagliari. Stiamo rafforzando l’area Commerciale e il Customer Care, senza dimenticarci degli Sviluppatori web e mobile.

Sarà un anno importante per la nostra azienda e abbiamo bisogno di risorse valide per poter affrontare tutte le sfide che si presenteranno sul nostro percorso.”

Obiettivi futuri

Per quanto riguarda i movimenti futuri della società, Gran Bretagna e Spagna sono i Paesi nel mirino di Jobyourlife. “Soprattutto in seguito alla segnalazione su Forbes, a settembre 2014, la nostra azienda ha attirato l’attenzione di alcuni investitori stranieri: stiamo lavorando per fare questo grande passo, che avverrà nel secondo semestre del 2015”.

Uno degli obiettivi principali è comunque continuare a consolidare la presenza della società in Italia. Non escludiamo, infatti, che potrebbero esserci delle importanti novità anche per quanto riguarda la collaborazione di Jobyourlife con le istituzioni dopo un incontro avvenuto qualche settimana fa con il Ministro Poletti.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chi c’è e di cosa si parla al Data Driven Innovation a Roma

24 e 25 febbraio il Dipartimento di Ingegneria dell’Università Roma Tre ospita la seconda edizione dell’appuntamento dedicato alla data driven innovation. Fra gli speaker Raffaele Lillo (Italian Digital Transformation Team) che interviene sul tema Digital Transformation of the Italian Government

«Più sei popolare su Facebook più ti facciamo risparmiare su quello che compri»

Il potere degli influencer applicato all’eCommerce: fare un post su Facebook dicendo cosa compri può valere dai 5 ai 10 euro. E’ l’algoritmo della startup italiana Worldz. Dopo il round da 150K abbiamo intervistato il founder e Ceo, Joshua Priore

Disney ha acquisito MakieLab, la startup della prima bambola stampata in 3D

MakieLab dal 2012 produce giocattoli con la fabbricazione digitale. La famosa casa di intrattenimento per bambini l’aveva già accolta nel suo programma di accelerazione nel 2015 e ora ne assorbirà tecnologia e piattaforma

Perché per un mese, ogni martedì, siamo usciti dalla nostra redazione (e non finisce qui)

Siamo bravi con le parole, ma ci piace di più fare: così è nato un format di networking “leggero” e anche un po’ “carbonaro”. Le quattro colazioni The Next Tech a Milano con le startup sono state utili? Chiedete pure feedback a chi c’era