+Me: ecco il cuscino per bimbi autistici (in crowdfunding su Indiegogo)

Il prototipo indossabile consiste in un’interfaccia tattile con colore e luci che cambiano che aiuta i bambini a comunicare

+Me è un cuscino per comunicare gli stati d’animo attraverso sensori che cambiano colore a seconda del tocco e del battito cardiaco. E’ dedicato ai bambini con autismo ed è stato progettato dalla designer Beste Ozcan e da Valerio Sperati  insieme al Laboratorio di Computational Embodied Neuroscience, Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione, Consiglio Nazionale delle Ricerche (LOCEN-ISTC-CNR). Il prototipo è stato citato in  Superabile Magazine  e ha partecipato a  Maker Faire 2014  e  AISC 2014. Su Indiegogo è partita una campagna di crowdfunding per raccogliere 3 mila euro e per paretcipare c’è tempo fino al 14 marzo. I soldi serviranno a creare 10 prototipi (ogni prototipo avrà un costo di circa € 300 con tutte le spese incluse) e continuare la sperimentazione. QUI per sostenere il progetto.

+me

«+Me – ha spiegato proprio Beste Ozcan – è un plug-in emotivamente sensibile per adulti e un oggetto transizionale motivazionale per i bambini con autismo per consentire loro di comunicare meglio. I bambini con autismo – ha precisato Beste – possono comunicare con il prototipo che è un cuscino per il collo morbido con integrazioni sensoriali visive, uditive e tattili.

Il prototipo indossabile consiste in un’interfaccia tattile con colore e luci che cambiano, altoparlanti con le tecnologie dei sensori e un telecomando che permette ai terapisti o genitori per regolare i feedback sensoriali reali. L’obiettivo principale del prototipo è di produrre specifici feedback sensoriali controllati da un adulto per implementare competenza sociale e la conversazione sociale tra i bambini con autismo e i loro genitori nella vita quotidiana o durante terapie con terapisti.

Dopo aver ricevuto feedback sensoriali positivi, i bambini con autismo tendono a concentrarsi maggiormente sulla comunicazione interpersonale e a raggiungere i loro obiettivi durante le attività di apprendimento. Inoltre – ha detto sempre Beste Ozcan – può essere utilizzato da adulti come un plug-in corpo per fornire meraviglioso pressione calmante profondo e un tocco morbido».

Due italiani tra i migliori 11 al mondo secondo Nature

Silvia Marchesan e Giorgio Vacchiano sono tra gli undici ricercatori emergenti che “stanno lasciando il segno e hanno il mondo ai loro piedi”. Afferma la prestigiosa rivista scientifica Nature

Trapiantati sterno e costole in 3D. Prima volta in Italia

Operazione record presso l’Istituto ortopedico Rizzoli di Bologna. Un impianto in lega di titanio stampato in 3D è stato sostituito allo sterno. Un successo per la medicina italiana