+Me: ecco il cuscino per bimbi autistici (in crowdfunding su Indiegogo)

Il prototipo indossabile consiste in un’interfaccia tattile con colore e luci che cambiano che aiuta i bambini a comunicare

+Me è un cuscino per comunicare gli stati d’animo attraverso sensori che cambiano colore a seconda del tocco e del battito cardiaco. E’ dedicato ai bambini con autismo ed è stato progettato dalla designer Beste Ozcan e da Valerio Sperati  insieme al Laboratorio di Computational Embodied Neuroscience, Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione, Consiglio Nazionale delle Ricerche (LOCEN-ISTC-CNR). Il prototipo è stato citato in  Superabile Magazine  e ha partecipato a  Maker Faire 2014  e  AISC 2014. Su Indiegogo è partita una campagna di crowdfunding per raccogliere 3 mila euro e per paretcipare c’è tempo fino al 14 marzo. I soldi serviranno a creare 10 prototipi (ogni prototipo avrà un costo di circa € 300 con tutte le spese incluse) e continuare la sperimentazione. QUI per sostenere il progetto.

+me

«+Me – ha spiegato proprio Beste Ozcan – è un plug-in emotivamente sensibile per adulti e un oggetto transizionale motivazionale per i bambini con autismo per consentire loro di comunicare meglio. I bambini con autismo – ha precisato Beste – possono comunicare con il prototipo che è un cuscino per il collo morbido con integrazioni sensoriali visive, uditive e tattili.

Il prototipo indossabile consiste in un’interfaccia tattile con colore e luci che cambiano, altoparlanti con le tecnologie dei sensori e un telecomando che permette ai terapisti o genitori per regolare i feedback sensoriali reali. L’obiettivo principale del prototipo è di produrre specifici feedback sensoriali controllati da un adulto per implementare competenza sociale e la conversazione sociale tra i bambini con autismo e i loro genitori nella vita quotidiana o durante terapie con terapisti.

Dopo aver ricevuto feedback sensoriali positivi, i bambini con autismo tendono a concentrarsi maggiormente sulla comunicazione interpersonale e a raggiungere i loro obiettivi durante le attività di apprendimento. Inoltre – ha detto sempre Beste Ozcan – può essere utilizzato da adulti come un plug-in corpo per fornire meraviglioso pressione calmante profondo e un tocco morbido».

India Jackson, la ragazza che grazie al crowdfunding andrà alla Nasa a studiare i pianeti

La 32 enne laureata in Fisica (e madre single), vince uno stage alla Nasa, ma non avrebbe potuto sostenere le spese di viaggio e soggiorno. Grazie al popolo del web potrà realizzare il suo sogno: studiare la luminescenza dei pianeti

Goin, l’app dedicata ai millennials per gestire le spese e risparmiare soldi

Facilitare l’accumulo di denaro con funzioni ad hoc e opportunità di investire le cifre messe da parte sono i punti forti dell’applicazione che in Spagna è diventata presto popolare tra i giovani

Penso Parlo Posto, il libro che allena a una comunicazione non ostile

Il nuovo libro di Federico Taddia e Carlotta Cubeddu raccontato dagli autori. “Le parole sono tutto: le parole definiscono chi siamo, le parole ci raccontano agli altri, con le parole possiamo arrivare al centro di noi stessi, con le parole impariamo a pensare. Ma non siamo più abituati a usarle”

Formaggi vegani: dal tofu al fermentino di Daniela Cicioni

Per legge non possono essere chiamati formaggi se non hanno del latte di origine animale, ma quelli vegani sono ormai prodotti così raffinati da poter competere ad armi pari, muffe comprese. Ci spiega perché Daniela Cicioni

Torino, siglato l’accordo per un hub internazionale dell’innovazione alle OGR

Stimolare la ricerca ma anche attrarre startup e investimenti in fondi tech: questi gli obiettivi dell’accordo siglato da Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Intesa Sanpaolo Innovation Center.