La provocazione del FT: «Evviva le startup, ma adesso create davvero lavoro»

Creare occupazione è l’unico modo per essere davvero “disruptive” e migliorare la vita delle persone, scrive John Gapper sul Financial Times

disoccupazioneHa fatto molto discutere l’articolo pubblicato mercoledì dal Financial Times a firma di Jonh Gapper (columnist del quotidiano britannico, spesso impegnato sui temi dell’economia digitale e della sharing economy). La sua tesi è, riassumendola: a beneficiare del libero mercato e del progresso tecnologico non è stato il lavoro, ma il consumo di prodotti.

I suoi esempi? Dei classici, come Uber, Blablacar. O Amazon: una forza dirompente nel rendere più facili gli acquisti online. Meno nella capacità di trasformare un busines miliardario in posti di lavoro. A questo si aggiunge un altro tema sollevato da Gapper (ma non è la prima volta che paventa scenari distopici). La questione delle questioni della società contemporanea: la minaccia al mondo del lavoro che arriva dall’intelligenza artificiale. Come ne usciamo? Ecco la soluzione di Gapper: le startup sono piene di gente in gamba. Le migliori menti in circolazione. Mettetele al servizio del bene comune.

«Their brainpower could be applied to augmenting jobs rather than eliminating them, or to countering the long stagnation of wages»

E conclude, facendo un po’ il verso allo slang delle digital company: «Now that really would be disruptive» (da sottolineare che il titolo del commento è: Technology has to create more than disruption). Lo fa partendo da un’altro esempio, più virtuoso. Quello di Etsy, marketplace britannico di manufatti artigianali. Il suo amministratore delegato ha detto: «If we have a world in which there are drones flying around delivering packages, but no one is talking to each other, that is really sad».

Ciò che più colpisce di questo editoriale è:

  • L’aver smontato uno dei mantra che spesso si sentono nei pitch. Un’idea imprenditoriale non renderà la vita migliore a milioni di persone. Ma a milioni di consumatori.
  • Essere partito da un assunto di base che può suonare tipo così: considerato il momento storico, e il grado di penetrazione del digitale nell’economia, solo dalle stesse startup può arrivare una soluzione ad un problema creato, guarda caso, dalle startup.

Che è un po’ una dichiarazione di forza di un settore che sta cambiando il tessuto economico (ma anche il panorama del lavoro e i modi di produzione) di tanti paesi, ma anche un’ammissione di debolezza. Come se dal punto di vista del noto commentatore la strada fosse già segnata. E l’inversione di rotta (o un suo aggiustamento) può arrivare solo dagli stessi attori del cambiamento.
E da una, insperata, svolta etica.

Così l’India sta diventando la nuova patria degli unicorni

Non esiste solo la Cina. C’è un altro attore asiatico che sta diventando un vero e proprio gigante dell’innovazione. Si tratta dell’India, che nella prima parte del 2018 ha già battuto il suo record personale di startup valutate come “unicorni”

“Scuola in chiaro” cos’è e come funziona la nuova app del MIUR

Quest’anno tra l’altro le iscrizioni online alle classi prime della scuola primaria e della secondaria di I e II grado saranno aperte dalle 8 del 7 gennaio alle 20 del 31 gennaio 2019. Ma già a partire dalle 9 del 27 dicembre 2018 si potrà accedere alla fase di registrazione su www.iscrizioni.istruzione.it

Adam’s Hand la mano bionica stampata in 3D ideata da una startup leccese

Nata dall’idea di tre giovani salentini Giovanni Zappatore, Dario Pianese e Duilio Madaro: ADAM’S Hand è la protesi mioelettrica con componenti stampate in 3D che permettono di personalizzare la lunghezza delle dita per ogni utente in base alle dimensioni dell’altra mano. La startup leccese Bionit Labs