Unica italiana in finale, poi Eco4Cloud trionfa al Tech Trailblazers

La startup calabrese ha vinto una delle più prestigiose competizioni mondiali per startup, e ora puntano ad espandersi all’estero

Era l’unica startup italiana ad essere arrivata in finale. E quella finale l’ha vinta alla grande. Eco4Cloud ha vinto il Tech Trailblazers, una dei più importanti contest mondiali per startup innovative nei settori Big Data, Cloud, FinTech, IoT, Mobile, Storage e Sustainable IT. Ed è proprio questo il settore che ha conquistato, accreditandosi come soluzione innovativa di primo livello. Oltre al prestigio, la vittoria consentirà al team di ottenere un grant da 50 mila dollari. «E’ un onore essere stati premiati tra le migliori aziende al mondo» ha detto Roberto Miccoli, ceo di Eco4Cloud, «questo ci consentirà di rafforzarci anche all’estero». 

20141015_151427

Cosa fa Eco4Cloud

(Di seguito la descrizione di Eco4Cloud fatta da Gianluca Dettori per CheFuturo!) Eco4Cloud ha sviluppato una piattaforma tecnologica che consente un significativo risparmio di energia elettrica nei data center, grazie ad un’allocazione intelligente dell’attività dei server.

Fondata da 4 ricercatori dell’Istituto di Calcolo e Reti ad Alte Prestazioni del CNR, la società si basa su algoritmi matematici brevettati che in modo automatico si occupano di allocare le attività delle ‘virtual machines’ in modo da ottimizzarne i carichi e spegnere così quei server che non sono necessari.

Si tratta di una metodologia che consente di risparmiare un terzo del consumo elettrico nel cloud computing. Il team di Eco4Cloud ci aveva subito colpito per l’approccio tecnologico, anche se all’inizio la visione del business era poco definita.

Risultarono tra i 10 migliori progetti del gruppo e si piazzarono terzi alla StartCup Calabria nel 2012, guadagnandosi il passaporto per il Premio Nazionale dell’Innovazione l’anno prima in edizione speciale Working Capital, che poi vinsero.

I round di investimento in Eco4Cloud

Il primo arriva nel 2012, un anno dopo la sua nascita, quando la startup ha annunciato il suo primo aumento di capitale da 300 mila euro e sottoscritto un follow on agreement per ulteriori 2 milioni di euro. Il round è stato sottoscritto da Principia SGR e Digital Investments con advisors Principia e dPixel.

A dicembre 2014 invece l’annuncio arriva da una società con cui la startup già collaborava: Tim Ventures. L’investimento (250 mila euro) è fatto insieme a Principia e Sicar, ed è il terzo per la società del gruppo Telecom italia dopo i 700 mila investiti in WiMan e i 410 mila in Pedius. 

LowRes | Il cimitero in HTML degli elefanti della politica

La comunicazione dei candidati ormai è affidata a impersonali siti di partito o al bailamme del social network. Ogni tentativo di personalizzare la presenza in Rete sembra abbandonato

TransferWise, nuovo maxiround da 292 milioni di dollari

L’unicorno fintech sale così a una valutazione di 3,5 miliardi di dollari: ecco tutti i numeri della piattaforma per trasferire denaro oltre confine (e non solo)

Impossible Foods, dopo l’hamburger ecco la neosalsiccia

La startup californiana, appena sbarcata da burger King con le sue polpette basate su proteine vegetali ma dal sapore simile alla vera carne, prepara nuovi prodotti

Torino, siglato l’accordo per un hub internazionale dell’innovazione alle OGR

Stimolare la ricerca ma anche attrarre startup e investimenti in fondi tech: questi gli obiettivi dell’accordo siglato da Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Intesa Sanpaolo Innovation Center.