Shin Software, il 3D sul tuo cellulare al costo di un cappuccino

La società ha avviato una campagna (la più grande finora in Italia) per raccogliere 636 mila euro e sviluppare l’applicativo mobile

È partita la campagna di equity crowdfunding di Shin Software, azienda di I.T., per il lancio di SHOWin3D, un’innovativa piattaforma per il marketing digitale dei prodotti attraverso il 3D interattivo. 

equity crowdfunding

«Shin Software nasce dall’idea di portare la potenza espressiva, comunicativa ed emozionale della grafica 3D interattiva di ultima generazione, tipica del mondo dei videogames, nel mondo del business” – ha detto Alessandro M. Lerro, advisor della società – è un nuovo media multipiattaforma che cambia in modo sostanziale l’approccio all’ecommerce, consentendo al cliente una approfondita esplorazione del prodotto prima dell’acquisto, o addirittura la sua personalizzazione nei colori, nei materiali e nei dettagli modificabili».

Per  Stefano Provenzano, autore del software, laureato in informatica e specializzato in grafica 3D interattiva, con un passato anche nello sviluppo di giochi per Sony Playstation «Shin Software ha realizzato una piattaforma informatica che consente di convertire i file CAD (indispensabili per la produzione di qualsiasi oggetto) in rendering 3D interattivi visualizzabili da chiunque in modo assolutamente intuitivo e senza alcuna conoscenza o capacità informatica, tramite i principali browser su computer, tablet o smartphone».

Shin Software ha scelto di lanciare una campagna di equity crowdfunding – pubblicata da Assiteca Crowd – con una valorizzazione conservativa, per reperire rapidamente le risorse per completare l’industrializzazione dell’applicativo mobile ed aggredire il mercato con una precisa strategia commerciale. L’avv. Lerro, esperto internazionale di crowdfunding, ha spiegato come la campagna di equity crowdfunding, che è anche la più grande mai lanciata in Italia (636.000 euro), abbia anche una precisa funzione di comunicazione nella strategia di marketing dell’azienda, consentendo un’ampia e rapida diffusione della conoscenza delle opportunità straordinarie offerte da Shin Sofware.

Il business model, estremamente scalabile, si basa sulla vendita di licenze ad aziende e professionisti che consentiranno ai loro clienti di accedere (gratuitamente o a pagamento) al rendering 3D dei loro prodotti. I prezzi al pubblico sono estremamente competitivi, rendendo economicamente incomparabile qualsiasi alternativa.

Tra i prodotti proposti dall’azienda c’è anche una interessante innovazione per il mondo pubblicitario: un QR Code o un URL su una normale pubblicità tabellare (ad es. una pagina su una rivista) consente di esplorare l’oggetto in 3D su tablet o smartphone, di personalizzarlo e di acquistarlo immediatamente.

Shin Software è stata presentata lo scorso mese di novembre, riscuotendo grande interesse, al Web Summit di Dublino, la più grande conferenza high tech del mondo, con oltre 22.000 visitatori, che ha giàfatto da palcoscenico al debutto di attuali giganti del web quali Dropbox, Instagram, Facebook, UberWaze e Vine.

Fintech italiano 2019: l’anno da incorniciare tra round, exit e IPO

Una nuova barca di soldi nel fintech britannico, ma anche nel nostro Paese il 2019 per le startup della finanza tecnologica è iniziato con il migliore degli auspici. Ripercorriamo tutti gli eventi più importanti dell’anno in corso.

Un drago virtuale sorvola uno stadio in Corea del Sud grazie al 5G. Video

Lo scorso 23 marzo l’ologramma di un essere alato ha lasciato a bocca aperta il pubblico coreano con una performance di realtà aumentata resa possibile dalla connessione ad altissima velocità

Food trend, siete pronti per i cocktail alla carne?

Per chi non si accontenta di mangiarla, la bistecca finisce anche nel bicchiere. Ecco l’ultima tendenza della mixology nata sui tavoli americani e approdata nello storico ristorante monzese Bove Lover

Torino, siglato l’accordo per un hub internazionale dell’innovazione alle OGR

Stimolare la ricerca ma anche attrarre startup e investimenti in fondi tech: questi gli obiettivi dell’accordo siglato da Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Intesa Sanpaolo Innovation Center.