CleanTech Challenge, fino al 18 febbraio la call per le green technologies

MIP Politecnico di Milano organizza la competition per progetti green

Per il quarto anno consecutivo MIP Politecnico di Milano è la Business School incaricata per l’Italia di organizzare la CleanTech Challenge,  call for ideas dedicata alle green e clean technologies. Al vincitore italiano 5 mila euro e la possibilità di accedere alla finale di Londra. Il termine per la presentazione delle domande scade il 18 febbraio

CleanTech Challenge

E’ la settima edizione di questa competizione internazionale presieduta da London Business School e da University College LondonBusiness che vede diversi round nazionali organizzati tra gli altri (oltre a quello italiano in capo al MIP Politecnico di Milano) da INSEAD per la Francia e da Vlerick Business School per il Belgio.

La sfida è quella di sviluppare idee innovative per tecnologie clean dalla progettazione a una fase in cui possano attrarre finanziamenti per la realizzazione vera e propria.

«E’ un progetto a cui partecipiamo ogni anno dal 2009 – spiega Davide Chiaroni, referente di Facoltà per la CleanTech Challenge e direttore MBA part time del MIP – puntiamo molto sulla collaborazione con la London Business School e le aziende sponsor. Senza contare che, essendo il MIP la scuola di business del Politecnico, abbiamo tecnologia e innovazione nel Dna».

Al termine della fase italiana, il progetto migliore vincerà 5 mila euro e soprattutto la possibilità di rappresentare l’Italia alla London Business School, per la finale della CleanTech Challenge che si terrà a Londra (il premio in palio sarà pari a ulteriori 10.000 pound).

Due italiani tra i migliori 11 al mondo secondo Nature

Silvia Marchesan e Giorgio Vacchiano sono tra gli undici ricercatori emergenti che “stanno lasciando il segno e hanno il mondo ai loro piedi”. Afferma la prestigiosa rivista scientifica Nature

Trapiantati sterno e costole in 3D. Prima volta in Italia

Operazione record presso l’Istituto ortopedico Rizzoli di Bologna. Un impianto in lega di titanio stampato in 3D è stato sostituito allo sterno. Un successo per la medicina italiana