Pharmawizard, l’app per difendersi dalle bufale sulla salute in Rete

Sei consigli per non cadere vittima della Medicina 2.0

Con la diffusione di Internet, il Web sembra la risposta ad ogni domanda per la capacità d’essere accessibile e fruibile da tutti con facilità e in tempo reale. Questo connubio può diventare letale se usato con incoscienza e ancor di più, se l’informazione riguarda medicina, trattamenti terapeutici, disturbi e malattie. E’ il fenomeno che viene comunemente designato come medicina 2.0 o health 2.0. Cercare su Google la risposta ad una domanda è comodo ma difenderci dalla valanga di bufale, pareri controversi, gente che approfitta della nostra emotività e vulnerabilità, è fondamentale per la salvaguardia della nostra salute. Sempre più spesso le persone si affidano ad occhi chiusi a quello che leggono senza approfondire l’affidabilità della notizia e il rischio è quello di imbattersi nel mercato dei farmaci contraffatti, di rivolgersi a cure alternative o alla medicina non convenzionale.

Pharmawizard

Che cos’ è Pharmawizard

Affidabilità e autorevolezza delle fonti sono argomenti che stanno a cuore al team di Pharmawizard. In linea con quanto indicato dal sito web MedlinePlus (sito governativo del Nih degli Stati Uniti dedicato ai pazienti) è importante valutare la qualità dell’informazione seguendo dei semplici passi come:

1. Valutare l’affidabilità e la qualità della fonte

Ricorrere ad autorità ufficialmente riconosciute ed individuare il responsabile dei contenuti.

2. Essere ‘cyber-scettici’

Cercare una parere indipendente e visitare sempre più siti. 

3. Cercare l’evidenza scientifica

Fare affidamento sulla ricerca medica, non sulle opinioni.

4. Attenzione all’obiettività e all’indipendenza delle fonti

Qual è lo scopo del sito? Chi finanzia il progetto?

5. Proteggere la propria privacy

L’informazione sanitaria deve essere riservata. Il sito adotta una politica per la gestione dei dati personali/sensibili e dice quali informazioni vengono raccolte?

6. Consultare sempre il proprio medico curante

Le migliori decisioni in campo sanitario scaturiscono da una corretta e trasparente relazione medico-paziente.

Pharmawizard, l’applicazione che permette di avere tutte le informazioni sui farmaci per una maggiore consapevolezza dei cittadini riguardo ai medicinali, nasce dall’esperienza della sua creatrice, la giovane farmacista Luana Longo che dopo aver ascoltato i dubbi e le domande dei suoi clienti al banco ha cercato di fornire una risposta a tutti i cittadini alle prese con il difficile mondo dei medicinali offrendo una soluzione tecnologica per aiutare a districarsi nel complesso sistemi dei farmaci.

Pharmawizard

«Uno degli elementi comuni a moltissimi pazienti era il supporto ricercato online prima di recarsi in farmacia per chiedere di uno specifico rimedio – ha spiegato Luana Longo, farmacista e direttore generale di Pharmawizard – il web però molto spesso più che offrire risposte utili confonde le idee, soprattutto perché è difficile riconoscere l’affidabilità delle fonti o districarsi tra le informazioni ufficiali che spesso possono risultare ostiche. E’ per questo motivo che nasce Pharmawizard, per offrire a tutti un modo per trovare informazioni sicure e semplici da ottenere e comprendere e relazionarsi così al mondo dei medicinali con maggiore consapevolezza».

Pharmawizard

Pharmawizard è l’app gratuita per orientarti tra i farmaci di marca ed equivalenti, con la possibilità di confrontarli per farti scegliere quello più adatto a te. Cerca il farmaco, leggi il foglietto illustrativo e confronta i prezzi. Scopri il prodotto più adatto al tuo sintomo e trova la farmacia più vicina a te. I dati utilizzati da Pharmawizard relativi a farmacie e farmaci sono ufficiali: le fonti sono gli Open Data del Ministero della Salute e dalla Banca Dati di Farmadati Italia.

Bill Gates che fa lo spot del Macintosh. Nel 1984

Gira negli sgabuzzini della rete un video promozionale di 32 anni fa, dove il papà della Microsoft tesse le lodi del pc che cambierà la storia di Apple e dell’informatica: il Macintosh

Il ragazzo che ha vissuto (per più di un anno) con il cuore nello zaino

Stan Larkin, 25 anni, soffriva di una malattia genetica rara, la cardiomiopatia familiare, trasmessa dai parenti di primo grado. Ha battuto il “record” sopravvivendo con il suo cuore artificiale per 17 mesi, portato dentro uno zaino. Poi il trapianto di successo.