Impresa per Impresa, fino al 28 febbraio la call per startup di Confindustria Verona

Fino al 28 febbraio, gli innovatori veronesi, e non solo, potranno candidare i loro progetti o le loro giovani imprese a partecipare al programma Impresa per Impresa di Confindustria Verona. Le startup selezionate avranno l’occasione di incontrare imprenditori associati a Confindustria Verona con i quali sviluppare business insieme. Nella call 2014 sono stati oltre 70 i progetti candidati provenienti… Read more »

Fino al 28 febbraio, gli innovatori veronesi, e non solo, potranno candidare i loro progetti o le loro giovani imprese a partecipare al programma Impresa per Impresa di Confindustria Verona. Le startup selezionate avranno l’occasione di incontrare imprenditori associati a Confindustria Verona con i quali sviluppare business insieme. Nella call 2014 sono stati oltre 70 i progetti candidati provenienti da Verona, Italia e estero, 17 quelli selezionati dal team tecnico tutor del progetto e oltre 100 i contatti attivati tra startup e imprese.

impresa per impresa

 

«L’innovazione è un fattore cardine delle imprese soprattutto in questo contesto ad altissima competizione. Impresa per Impresa – ha spiegato Giulio Pedrollo, presidente di Confindustria Verona – ha proprio questo scopo: mettere a disposizione delle aziende progetti pronti per essere applicati. Inoltre per le giovani startup il contatto con l’imprenditore può dare quel valore aggiunto per concretizzare le proprie idee. Spesso infatti alle nuove imprese si offrono premi e riconoscimenti ma manca il supporto finale per arrivare alla realizzazione di una vera e propria azienda In questo senso niente può essere più prezioso per un aspirante imprenditore della conoscenza di chi l’imprenditore lo fa già».

Dopo la chiusura della call si avvierà la fase della conoscenza tra startup e aziende che, dopo aver attivato il primo contatto di presentazione, avranno due mesi di tempo per approfondire verticalmente il progetto di collaborazione individuato ed eventualmente avviare la collaborazione con la formalizzazione della partnership.

«Abbiamo voluto partire con la seconda call in linea con quanto fatto lo scorso anno. E’ un modo per dare nuove occasioni di contaminazione virtuosa e far evolvere il progetto – ha spiegato Bruno Giordano, consigliere incaricato per l’innovazione e le startup – proseguiremo su 2 piani paralleli tra matching che sono in fase di definizione e nuovi contatti da attivare. Questo anno di lavoro ci ha permesso di conoscere meglio i bisogni di innovazione degli associati da un lato, dall’altro abbiamo continuato a ricevere richieste e candidature da parte di startup. L’interesse c’è e abbiamo la responsabilità di tenerlo vivo. Con questa nuova edizione abbiamo l’occasione di essere ancora più mirati in fase di scouting, selezione e matching».

Tra i settori più vivaci sul fronte delle iniziative, è il digital che impatta trasversalmente su tutti i settori, ma anche le tecnologie applicate al food, il design, la moda, il green. Tutti progetti che hanno bisogno di essere testati sul fronte dell’applicazione. Le aziende che hanno accolto il progetto con maggior interesse, oltre a quelle dei servizi innovativi e tecnologici, sono le manifatturiere tradizionali, della filiera metalmeccanica su cui le nuove tecnologie possono portare avanzamenti significativi in termini di innovazione, ma anche dell’alimentare e delle tecnologie per l’ambiente. Il progetto e il form per la candidatura delle startup QUI.

Due italiani tra i migliori 11 al mondo secondo Nature

Silvia Marchesan e Giorgio Vacchiano sono tra gli undici ricercatori emergenti che “stanno lasciando il segno e hanno il mondo ai loro piedi”. Afferma la prestigiosa rivista scientifica Nature

Trapiantati sterno e costole in 3D. Prima volta in Italia

Operazione record presso l’Istituto ortopedico Rizzoli di Bologna. Un impianto in lega di titanio stampato in 3D è stato sostituito allo sterno. Un successo per la medicina italiana