Rocket Internet si compra l’italiana Pizzabo: ed è frutto di una strategia precisa

Il gigante dell’ecommerce tedesco mette a segno la sua nona acquisizione del food nel mondo. Questa volta in Italia. E annuncia che non si fermerà

E siamo a quattro. Dopo Cibando, MyTable e restOpolis, acquisite rispettivamente da Zomato e Trip Advisor, anche Pizzabo, la startup bolognese di consegna di pizze (e non solo) a domicilio nata nel 2009 da un’intuizione di Christian Sarcuni, ha avuto la sua exit ed è stata letteralmente mangiata da Rocket Internet.

La strategia di Rocket Internet sul food (che si è presa 9 startup)

Prima di gridare al miracolo Expo, però, bisogna considerare che questa operazione va oltre il singolo caso italiano e fa parte di un progetto dal respiro ben più ampio: si parla dell’acquisizione di 9 startup food tra Asia ed Europa con un obiettivo molto chiaro, far diventare Rocket Internet leader mondiale oltre a Stati Uniti e Cina.  Le berlinesi DeliveryHero e HelloFresh, la spagnola Nevera Roja e l’italiana PizzaBo sono solo alcune delle realtà su cui ha deciso di puntare. La multinazionale dell’e-commerce con sede a Berlino, infatti, sembra aver avuto una gran fame visto che in un solo giorno, il 6 febbraio, ha annunciato di aver investito più di 700 milioni di dollari nel settore delle consegne a domicilio di alimenti.

pizzabo

Settore che sembra stare particolarmente a cuore alla società tedesca che dopo la IPO di Ottobre 2014 ha scelto di puntare sul Food&Grocery tanto da creare una divisione apposta, la Global Online Takeaway Group che, grazie alle recenti acquisizioni, è ora presente in 64 paesi e lavora con 140mila ristoranti al grido di “Food & Groceries is the Next Big Frontier in e-commerce”. Il progetto del gigante di Berlino sembra molto chiaro e le parole dell’amministratore delegato Oliver Samwer non fanno che confermarlo: “Siamo molto eccitati per le opportunità che ci offre questo settore, ha un mercato con un potenziale immenso”.

Il papà di Paypal scende in campo. Così Thiel vuole sfidare Clooney nel 2018 e prendersi la California

Aveva pubblicamente sostenuto (e finanziato) Trump in campagna elettorale, ma ancora per lui non si era vista nessuna poltrona. Ora Peter Thiel vorrebbe correre per la poltrona di governatore alle prossime elezioni (e ha scelto come spin doctor il suo braccio destro in Clarium Capital)

I Mooc di Harvard e MIT stanno perdendo studenti. E il motivo è semplice

Un’indagine realizzata su 290 corsi delle due università americane ha rintracciato nell’introduzione del pagamento delle certificazioni una delle cause della crisi. Sotto osservazione anche la proliferazione dei corsi a contenuto specialistico che porta gli studenti a distribuirsi

Microsoft sceglie una startup italiana e la porta a New York. Else Corp

L’azienda basata a Milano ha progettato un programma che permette la personalizzazione dei capi d’abbigliamento. Microsoft la presenterà ai suoi partner, in occasione della Fiera National Retail Federation conference NY 2017