Tim Ventures, 4 investimenti in 2 mesi. Mizzi: «Altri 8 in arrivo, non solo startup di W-Cap»

Oilproject è l’ultimo degli investimenti seed di Tim Venture. E’ il quarto in due mesi e fa parte della strategia del fondo di investimenti di Telecom Italia, che annuncia che altri 8 sono in arrivo pescando anche tra le startup fuori dal giro W-Cap.

Quattro investimenti in due mesi. Prima Pedius (400 mila euro), poi Wiman (700) e Eco4Cloud (350) proprio negli ultimi giorni del 2014. Ultimo in ordine temporale quello firmato giovedì 12 febbraio con Oilproject. 200 mila euro alla piattaforma di e-learning del ventitreenne milanese Marco De Rossi. Tim Ventures, nata poco più di due mesi fa, il 27 novembre, è in questo momento le società italiana più attiva nel mercato del seed investment in Italia. Un milione e seicentocinquanta mila euro di investimenti in società uscite dalla pipeline di Working Capital. L’acceleratore di startup fondato da Salvo Mizzi nel 2012 e da lui guidato fino al 2014, quando è passato a guidare proprio Tim Ventures. Proseguendo idealmente il percorso di una startup. Dall’acceleratore d’impresa ai primi investimenti, un percorso che per Mizzi è «parte della strategia di Telecom. Avevamo un piano preciso, e lo stiamo realizzando».

Salvo Mizzi, Tim Ventures

4 startup in due mesi. 1,6 milioni di investimenti seed. Dove vuole arrivare Tim Ventures?

Stiamo continuando a fare quello che abbiamo cominciato a fare con Working Capital. Abbiamo incubato molte startup in questi anni. Abbiamo una pipeline imponente, la più grande in Italia, e vogliamo regolarizzarla. Fa parte del nuovo percorso che ha iniziato la società. Ed è cominciato solo da due mesi.

Quello che accomuna le 4 startup è che vengono tutte da Working Capital. Investirete solo in quelle che sono passate dai vostri acceleratori?

Queste quattro oltre ad essere state accelerate da W-Cap sono anche tutte passate dall’albo veloce lavorando per il gruppo Telecom. Questo investimento quindi mette un sigillo in un percorso iniziato da anni. Per quanto riguarda le altre non escludiamo di investire in altre startup fuori dalla pipeline dell’acceleratore. Anzi stiamo già guardando altre startup che stanno facendo molto bene e sono assolutamente in linea con la nostra strategia di investimento. Ci saranno novità a breve.

Avete in programma altre operazioni nei prossimi mesi?

In cantiere ci sono altri 8 investimenti nei prossimi 4-5 mesi. Nulla è ancora concluso quindi non possiamo rivelare altro. Ma ci saranno.

Intendete concentrarvi ancora solo sugli investimenti in fase seed? 

Tim Ventures è nata come società di seed investment e continuerà a fare questo sicuramente nei prossimi anni. Faremo investimenti da 100 a 500 mila euro.

Ti potrebbe interessare anche

«Così i venture capitalist stanno cambiando l’Europa del rigore»

Intervista a Salvo Mizzi di Tim Ventures che spiga perché il fondo creato da Deutsche Telekom (620 milioni) è un «sasso nello stagno dell’Europa dei vincoli di bilancio»

wiMAN brinda a fine anno: 700 mila euro da Tim Ventures e P101

Fondata nel 2012 da Massimo Ciuffreda e Michele di Mauro, wiMAN è stata inizialmente supportata da Matteo Riffeser Monti come Angel Investor e dall’acceleratore Nanabianca

Caro Obama, non siamo solo luogo di antiche rovine. E te lo dimostreremo

Un cartonato faceva le veci del Presidente Obama all’apertura della call di Working Capital, ma la sua presenza avrebbe fatto bene a noi come Paese e a lui. Ecco perché

L’isola green che (ancora) non c’è. Il progetto

Un progetto del Seasteading Institute prevede di creare un’isola artificiale eco sostenibile al largo di Tahiti. Si potrà muovere e si doterà di una propria cripto-moneta

Sos ÀP Biblioteca: la campagna di crowdfunding per riportare la cultura in periferia

Su Produzioni dal Basso la call to action per ristrutturare la biblioteca di ÀP – Accademia Popolare dell’antimafia e dei diritti, restituirla agli studenti dell’IIS Enzo Ferrari di Roma e aprirla alla città

È nato lo Smarterware, il contenitore che ti dice quando il cibo sta andando a male

Prodotto dalla startup di Chicago Ovie, questo sistema è un led luminoso che si colora diversamente a seconda del tempo di conservazione di un alimento e può comunicare anche con l’assistente vocale di Amazon Alexa