#NuoveArrivate Nasce Qclean, lavanderia e sartoria a domicilio

La piattaforma funziona semplicemente collegandosi al sito e aprendo un account. Il servizio per ora è attivo a Milano

Prenotare il ritiro e consegna dei propri capi d’abbigliamento puliti a domicilio, semplicemente collegandosi in rete. L’idea della lavanderia on demand l’hanno avuta Annamaria Caruso e Antonio Frustillo, coniugi che aprono oggi Qclean, startup milanese nel settore delle pulizie che permette di prenotare servizi inerenti alla cura dell’abbigliamento, dalla lavanderia alla sartoria, direttamente a casa propria.

Qclean

La piattaforma funziona semplicemente collegandosi al sito e aprendo un account. Il servizio è attivo a Milano (Assago Milanofiori) e permette di ricevere i propri capi lavati o stirati, pianificando ora e luogo di consegna. Se si evidenza l’urgenza la piattaforma garantisce il trattamento dei capi anche in giornata.

Qclean I fondatori di Qclean

 

Oltre ai classici servizi di lavanderia di abbigliamento e biancheria per la casa (comprese tende e bianco da tavola o da letto) Qclean offre, inoltre, smacchiatura di capi delicati (anche pelle, pelliccia e camoscio), il servizio di stiratura a mano, e di sartoria per modifiche, orli e riparazioni a domicilio.

Community, Engagement e Design: gli ingredienti per co-creare al meglio insieme ai tuoi clienti

Giuseppe Montella a ottobre 2018 entra in illimity come Head of Design con l’obiettivo di disegnare un’experience differenziante per una banca di nuovo paradigma, all’insegna del coinvolgimento dei clienti, prototipazione e continua sperimentazione

Dalla paura della flebo un’intuizione per aiutare i bambini malati: Medi Teddy

Una ragazzina di appena 12 anni, Ella Cusano, ha avuto l’idea di trasformare il suo orsacchiotto in uno stratagemma per nascondere la sacca delle sue trasfusioni che tanto le facevano impressione. Da lì l’idea di diffondere il suo diversivo a molti pazienti della sua età

Emirati Arabi, Pure Harvest: il nuovo petrolio sono i pomodori

Le condizioni climatiche proibitive costringono il Paese a fare massicce importazioni di frutta e verdura. Una startup promette di far nascere i pomodori nel deserto