Uber lancia anche in Europa il servizio di consegna food a domicilio

La società di San Francisco lancia a Barcellona, in occasione del Mobile World Congress 2015, UberEATS, il suo servizio di consegne di pasti a domicilio

Uber ha deciso di fare la sua prima mossa nella guerra delle consegne a domicilio di pasti che dall’inizio del 2015 sta impazzando in tutto il mondo. Dopo la recente acquisizione da parte di Rocket Internet di due startup di food delivery in Italia e in Spagna, infatti, anche la società fondata da Travis Kalanick ha annunciato di voler lanciare il suo primo servizio di consegna a domicilio fuori dagli Stati Uniti e per farlo ha scelto proprio Barcellona, la casa del Mobile World Congress. UberEATS, questo il nome dell’applicazione appena lanciata, sarà disponibile solo nel capoluogo catalano e sfrutterà la collaborazione di Plateselector, una guida di ristoranti locale, per individuare i possibili locali partner.

uberEATS

Si potrà accedere al servizio direttamente dall’applicazione di Uber: una volta effettuato l’accesso l’utente potrà scegliere dal menù un massimo di 4 piatti e pagherà direttamente con la carta di credito collegata all’account Uber. L’unica differenza rispetto agli altri servizi di consegna a domicilio è che il cibo non verrà recapitato direttamente alla porta di casa ma bisognerà scendere in strada e incontrarsi con l’autista. I conducenti riceveranno 2,5 euro per ogni viaggio e la multinazionale incasserà una commissione del 20%, la stessa percentuale incassata per il servizio di noleggio con conducente.

UberEATS

I maligni sostengono che la consegna di pasti a domicilio sia solo uno stratagemma di Uber per mantenere la sua presenza in Spagna dopo che lo scorso dicembre un giudice ne ha bloccato il servizio. Ma questa non è la prima volta che Uber si cimenta nella consegna a domicilio: a NewYork ha già lanciato UberRUSH e a Los Angeles UberFRESH, che consente anche di farsi recapitare a casa frutta e verdura fresche. “Uber è sempre alla ricerca di modi di utilizzare la tecnologia che consentano alle persone di restare sempre connesse al loro mondo nella maniera più veloce e efficiente possibile” ha commentato la compagnia californiana annunciando il servizio.

Ti potrebbe interessare anche

Rocket Internet si compra l’italiana Pizzabo: ed è frutto di una strategia precisa

Il gigante dell’ecommerce tedesco mette a segno la sua nona acquisizione del food nel mondo. Questa volta in Italia. E annuncia che non si fermerà

Ecco le 3 startup del food scelte da Barilla Good4

Barilla Good4, il contest di Barilla per le startup del settore alimentare, ha i suoi 3 vincitori: Smart Food, Haitian Heirloom Seed Bank e Sashaktikiran. Ecco chi sono e cosa fanno

Cassandra.it la food boutique del cibo top italiano

Ecco l’ecommerce per chi è alla ricerca del meglio che la gastronomia italiana può offrire: 3500 prodotti, 250 marchi, 10 mila spedizioni in tutta Europa e +60% di fatturato nel 2014

Le 5 migliori startup italiane del food (da Cortilia a wineOwine)

L’elenco, i numeri, i dipendenti, le idee, i finanziamenti delle migliori aziende di food su cui puntare nel 2015

Omnidermal Biomedics vince il Premio Leonardo Startup 2018

Il Comitato Leonardo, in collaborazione con il MISE e l’Agenzia ICE, ha assegnato il riconoscimento alla startup nata come frutto della ricerca del Politecnico di Torino. Omnidermal ha sviluppato il “Wound Viewer”, dispositivo medico capace di acquisire e processare le immagini di ulcere cutanee grazie alla Intelligenza Artificiale.