5 bandi per startup in scadenza da tenere d’occhio

Soldi per avviare imprese, farle crescre, idee per il sociale, call per startup: dove sono i finanziamenti in questi primi mesi del 2015 in 5 bandi (più uno famoso di cui se ci leggete sapete davvero tutto).

startup bandi finanziamenti

1) Ricomincia il Best. Presentata la nuova edizione del Business Exchange and Student Training, il programma rivolto a giovani ricercatori, economisti, laureati under 35 che vogliano introdurre innovazione nel mercato attraverso la creazione di una start-up o che hanno già messo a punto un’idea imprenditoriale convincente. Ai vincitori delle borse di studio, del valore di circa 41mila dollari, sarà consentita la frequenza a un corso di imprenditoria presso la Silicon Valley, e un tirocinio di 5 mesi in una start-up Usa. Al ritorno, i ricercatori affiancheranno imprenditori italiani per creare la propria start-up in Italia. Per partecipare bisogna avere un’idea brillante nei settori Ict, Biotech,  Tools and Machinery, all’Energy and Green Technology, e ancora arte, design e moda. Ma affrettatevi: c’è tempo fino al prossimo 27 marzo per iscriversi al nuovo bando reperibile qui.

2) Unicredit Start Lab,  seconda edizione del programma di accelerazione per le start-up ad alto tasso tecnologico con non più di tre anni di vita nei settori life science, energia pulita, Ict/web/digitale e made in Italy innovativo. Scadenza, 30 aprile.

3) Groupama Assicurazioni lancia la 1° Edizione di Think4south, un progetto dedicato a neo costituite start-up e giovani tra i 18 e i 35 anni, con residenza o sede legale in Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia. Obiettivo, puntare sulle start-up in quelle regioni in cui maggiore è il tasso di disoccupazione e focalizzando le tematiche sui temi della prevenzione del rischio. Fino al 15 maggio.

4) GoBeyond, progetto di SisalPay a supporto delle startup. I progetti possono essere caricati fino al 15 aprile. I finalisti arriveranno il 15 maggio, il vincitore dopo un mese e si aggiudicherà un premio da 50mila euro. Inoltre la possibilità di usufruire, nei primi sei mesi, del supporto e della consulenza di una fitta rete di imprese che contribuirà a implementare il progetto vincitore.

5) Fino al 30 aprile sarà aperto il bando per candidare la propria idea al “Think for Social”, il bando promosso da Fondazione Vodafone Italia che premia i progetti più innovativi che utilizzano la tecnologia come strumento di sviluppo sociale sul territorio.   “Think for Social” è realizzato in collaborazione con PoliHub, l’incubatore del Politecnico gestito da Fondazione Politecnico di Milano che si occupa di affiancare le imprese innovative ad alto contenuto tecnologico. I progetti dovranno trovare applicazione in tre ambiti principali: Salute e benessere, Cultura e istruzione, Agricoltura, alimentazione e ambiente.

(+1) E poi, ricordiamolo, ci sono i 200 milioni di Smart&Start. I nostri lettori dovrebbero sapere già tutto ma, se vi siete persi qualcosa leggete qui e qui e tutto sarà chiaro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Arcuri (Invitalia): “Ecco perché non abbiamo finanziato C3DNA”

Pubblichiamo la risposta dell’Amministratore delegato di Invitalia all’articolo di StartupItalia.

Smart&Start li ha rifiutati: ora la siciliana C3DNA è americana (e milionaria)

Storia di C3DNA, la startup Usa con il cuore siciliano che il programma di finanziamento per le imprese innovative ha rifiutato ma che ha sfondato in America, 2 milioni di dollari

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashup, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup