E’ il momento delle startup del made in Italy: accordo tra Innogest e Digital Magics

L’accordo prevede possibilità di coinvestimento tra i due player dell’ecosistema delle startup. Focus su food, moda e design, ma anche sul cloud computing (dove le startup italiane hanno dimostrato di saper fare bene)

Il fondo di venture capital Innogest SGR, e Digital Magics, incubatore certificato di startup innovative e scaleup digitali, stringono un accordo di partnership strategica per realizzare coinvestimenti in startup innovative.

Con questo accordo Innogest SGR amplia il novero delle collaborazioni con realtà importanti del mondo dell’innovazione in Italia e all’estero. Innogest SGR valuterà le proposte di Digital Magics nell’ambito di startup, progetti di ricerca, brevetti e innovazioni digitali che offrano contenuti e servizi a elevati potenziale di crescita e valore tecnologico e che abbiano modelli di business scalabili. Il focus sarà sul Cloud computing e sul Made in Italy: food, fashion e design. Il fondo d’investimento deciderà se supportare i progetti selezionati co-investendo con Digital Magics e potrà a propria volta presentare nuove iniziative all’incubatore.

Innogest SGR diventa anche membro del Digital Magics Angel Network: gli oltre 100 investitori privati, industriali e finanziari che collaborano con Digital Magics nelle attività di selezione, mentorship e co-finanziamento delle migliori idee di business, per accelerare il processo di crescita delle imprese digitali. Responsabile dell’iniziativa è Michele Novelli, già Partner di Digital Magics e ora Partner di Innogest SGR, che seguirà le relazioni fra le due società e le evoluzioni dell’operazione.

Claudio Giuliano, Managing Partner di Innogest SGR: “Costruire imprese globali partendo da startup richiede competenza e applicazione. Con questa partnership rafforziamo la capacità di supportare gli imprenditori più dinamici nel percorso di espansione”.

Michele Novelli, Partner di Digital Magics e Partner di Innogest SGR: “L’obiettivo di questo accordo è – concentrandosi solo esclusivamente sull’Italia – strutturare una filiera che permetta di creare campioni internazionali in settori tipicamente italiani: food, fashion e design”. Enrico Gasperini, Fondatore, Presidente e CEO di Digital Magics, ha dichiarato: “Siamo molto orgogliosi di questa alleanza, che darà più risorse alle aziende incubate e consentirà di potenziare la nostra azione rivolta allo sviluppo del Made in Italy digitale”.

Ti potrebbe interessare anche

Unica italiana in finale, poi Eco4Cloud trionfa al Tech Trailblazers

La startup calabrese ha vinto una delle più prestigiose competizioni mondiali per startup, e ora puntano ad espandersi all’estero

Tim Ventures, 4 investimenti in 2 mesi. Mizzi: «Altri 8 in arrivo, non solo startup di W-Cap»

Oilproject è l’ultimo degli investimenti seed di Tim Venture. E’ il quarto in due mesi e fa parte della strategia del fondo di investimenti di Telecom Italia, che annuncia che altri 8 sono in arrivo pescando anche tra le startup fuori dal giro W-Cap.

3 lezioni dal Web Summit (tra cui mollare app e fare IOT)

Alcune indicazioni dal Web Summit per le startup: mollate le app e fate Internet of Things

Smart working: rendilo possibile con un DAM Intelligente

15% di produttività in più, 20% in meno di assenze e meno 30% sui costi di gestione degli spazi. Lo Smart working è una sfida operativa e culturale che sembra offrire molti vantaggi, anche grazie a strumenti integrati che fanno del cloud la loro carta vincente

A Bresso (Milano) la prima aula scolastica dedicata interamente alla realtà virtuale

Le prime classi dotate di realtà virtuale iniziano a comparire anche in Italia. E’ il caso della scuola primaria Kennedy di Bresso (hinterland di Milano), dove c’è la prima aula europea interamente dedicata alla MVR (mixed virtual reality).