#HowToStartaStartup 15 | Come si prendono le decisioni in azienda

Quindicesima lezione del corso di Stanford sulla creazione di una startup: in questa si scopre come si prendono al meglio le decisioni importanti per un’azienda (e la capacità di ascolto di un vero leader)

L’appuntamento numero quindici con il corso “How to start a startup” vede in cattedra Ben Horowitz, probabilmente uno degli investitori più importanti e noti nella Silicon Valley (ha investito, tra i tanti, in Skype, Facebook, Twitter, AirBnB, ecc.).

La lezione, dal titolo “How to manage” è disponibile, come sempre qui sotto con i sottotitoli in inglese.

Anche questa settimana sono disponibili le slide utilizzate durante il talk e il transcript completo dell’intervento.

Le letture consigliate (da fare prima del video) sono tre e si tratta di tre articoli pubblicati dallo stesso Howowitz sul suo blog:

  • Making Yourself a CEO
  • A Good Place to Work
  • How to Minimize Politics in Your Company

how to start a startup #15Come è facile intuire dal titolo, questa lezione è completamente dedicata all’aspetto manageriale all’interno di una startup e a quei compiti troppo spesso sottovalutati dai CEO: assunzioni, licenziamenti, assegnazione dei task, ecc.

L’argomento è sicuramente complesso e spinoso ma Ben Horowitz riesce a comunicarlo al meglio grazie a una serie di esempi molto pratici che rappresentano situazioni tipiche all’interno di un’azienda. Vi consiglio, per questo, di dare un’occhiata alle ottime slide di supporto.

Il punto centrale dell’intera lezione è la capacità, dell’imprenditore, di comprendere i punti di vista degli altri ogni volta che deve prendere una decisione importante. Ogni tipo di decisione, sia essa piccola o grande, verrà letta in modo diversa dalle parti coinvolte. E scatenerà conseguenze diverse (a volte inattese) sulle parti coinvolte.

I punti di vista da tenere in considerazione sono fondamentalmente tre: il proprio, quello della persona che subisce la scelta e quella di tutte le altre persone non presenti al momento della decisione. Questi ultimi, spesso ignorati o sottovalutati, sono invece fondamentali perché, come conclude Horowitz, “sono loro l’azienda, sono loro la cultura!”.

Ti potrebbe interessare anche

#HowToStartaStartup 11 | Gestire le assunzioni

Assumere persone talentuose è un processo lungo e difficile che ha bisogno di tempo per essere perfezionato. Il colloquio è la parte meno difficile e importante

#HowToStartaStartup 4 | Ecco come trovare i primi clienti

Quarta lezione del corso How to start a Startup. Questa volta si parla di come trovare i primi clienti (e perché è meglio non affidarsi ai comunicati stampa)

#HowToStartaStartup 12 | Capire (bene) i business per aziende

La lezione, dal titolo “Building for the Enterprise”, verte sul Business-to-business: le relazioni che un’impresa ha con i propri fornitori

#HowToStartaStartup 8 | Con i giornalisti parlateci voi (e come attrarne l’attenzione)

Ottava lezione del corso dell’Università di Stanford: oggi si parla di stampa e come gestire le pubbliche relazioni per una startup

Perché Thiel (PayPal) appoggia Trump e Sandberg (Facebook) Clinton. 9 punti

Il rapporto è 56 a 1. 56 ceo della Valley appoggiano Clinton, finora uno solo, Thiel, Trump. I motivi sono a volte più ideologici che economici. Breve panoramica nel giorno dello scontro in diretta tv

Storia (triste) di 2 startupper che stavano sfondando coi bitcoin. Poi li hanno arrestati

Avevano successo e un grande futuro. Hanno rubato i dati di 80 milioni di clienti di JP Morgan, usandoli per vendere azioni truffa e riciclando soldi sulla loro piattaforma di scambio bitcoin

L’Intelligenza Artificiale legge le mammografie con una precisione del 99%

L’Università di Houston ha sviluppato un software di Intelligenza Artificiale in grado di leggere le mammografie con un’accuratezza vicina alla perfezione. Permetterà di individuare i falsi positivi e di evitare a molte donne le conseguenze, psicologiche e fisiche, di una diagnosi errata.

Botto Poala (Reda): «Adottare una startup apre le aziende al futuro»

Il ceo del lanificio biellese spiega la scelta della sua società di investire in una startup: «È una mossa strategica per presidiare un mercato nuovo e portare in azienda stimoli e idee che altrimenti non avremmo potuto conoscere»