#HowToStartaStartup 15 | Come si prendono le decisioni in azienda

Quindicesima lezione del corso di Stanford sulla creazione di una startup: in questa si scopre come si prendono al meglio le decisioni importanti per un’azienda (e la capacità di ascolto di un vero leader)

L’appuntamento numero quindici con il corso “How to start a startup” vede in cattedra Ben Horowitz, probabilmente uno degli investitori più importanti e noti nella Silicon Valley (ha investito, tra i tanti, in Skype, Facebook, Twitter, AirBnB, ecc.).

La lezione, dal titolo “How to manage” è disponibile, come sempre qui sotto con i sottotitoli in inglese.

Anche questa settimana sono disponibili le slide utilizzate durante il talk e il transcript completo dell’intervento.

Le letture consigliate (da fare prima del video) sono tre e si tratta di tre articoli pubblicati dallo stesso Howowitz sul suo blog:

  • Making Yourself a CEO
  • A Good Place to Work
  • How to Minimize Politics in Your Company

how to start a startup #15Come è facile intuire dal titolo, questa lezione è completamente dedicata all’aspetto manageriale all’interno di una startup e a quei compiti troppo spesso sottovalutati dai CEO: assunzioni, licenziamenti, assegnazione dei task, ecc.

L’argomento è sicuramente complesso e spinoso ma Ben Horowitz riesce a comunicarlo al meglio grazie a una serie di esempi molto pratici che rappresentano situazioni tipiche all’interno di un’azienda. Vi consiglio, per questo, di dare un’occhiata alle ottime slide di supporto.

Il punto centrale dell’intera lezione è la capacità, dell’imprenditore, di comprendere i punti di vista degli altri ogni volta che deve prendere una decisione importante. Ogni tipo di decisione, sia essa piccola o grande, verrà letta in modo diversa dalle parti coinvolte. E scatenerà conseguenze diverse (a volte inattese) sulle parti coinvolte.

I punti di vista da tenere in considerazione sono fondamentalmente tre: il proprio, quello della persona che subisce la scelta e quella di tutte le altre persone non presenti al momento della decisione. Questi ultimi, spesso ignorati o sottovalutati, sono invece fondamentali perché, come conclude Horowitz, “sono loro l’azienda, sono loro la cultura!”.

Ti potrebbe interessare anche

#HowToStartaStartup 11 | Gestire le assunzioni

Assumere persone talentuose è un processo lungo e difficile che ha bisogno di tempo per essere perfezionato. Il colloquio è la parte meno difficile e importante

#HowToStartaStartup 4 | Ecco come trovare i primi clienti

Quarta lezione del corso How to start a Startup. Questa volta si parla di come trovare i primi clienti (e perché è meglio non affidarsi ai comunicati stampa)

#HowToStartaStartup 12 | Capire (bene) i business per aziende

La lezione, dal titolo “Building for the Enterprise”, verte sul Business-to-business: le relazioni che un’impresa ha con i propri fornitori

#HowToStartaStartup 8 | Con i giornalisti parlateci voi (e come attrarne l’attenzione)

Ottava lezione del corso dell’Università di Stanford: oggi si parla di stampa e come gestire le pubbliche relazioni per una startup

Zacconi (King Digital): «Così aiuterò la crescita delle startup in Italia»

Intervista al ceo di King Digital che dopo l’exit di novembre (5.9 miliardi) ha creato un fondo di venture e ha rinnovato il suo impegno in Italia: «Sogno di tornare in Italia, c’è tanto da fare per il digitale e le startup»

Da qui al 2025, ci saranno 2 milioni di posti vacanti come tecnici e ingegneri

E’ la stima di un dossier presentato dal Centro studi “Opificium”: l’Italia dopo la Germania e la Francia sarà il paese dove si concentreranno le maggiori opportunità per le professioni tecniche

Con Muzo puoi creare il silenzio (e riprodurre oltre 1000 ambienti sonori)

Questo device promette di aiutarci a creare una bolla di silenzio perfetta. Grazie al suo campionario di suoni è in grado di riprodurre oltre 1000 ambienti sonori. In più è dotato di Anti-Vibration Technology per eliminare ogni disturbo proveniente dall’esterno