Talent Garden apre una sede a Barcellona

Talent Garden annuncia che aprirà una nuova sede a Barcelona, la prima in Spagna, che innaugurerà in contemporanea con il Mobile World Congress, l’evento sul mobile più importante al mondo.

Talent Garden BarcellonaTAG Barcelona, prima sede della rete Talent Garden in Spagna, aprirà le porte in contemporanea con il Mobile World Congress, l’evento sul mobile più importante al mondo.

Dopo l’apertura in Lituania, a Kaunas, il network di coworking focalizzato sul digitale continua la sua espansione in Europa. Barcellona rappresenta il punto di partenza ideale per entrare nel mercato spagnolo, nonostante l’enorme numero di coworking, 288 per la precisione, e i 12 incubatori presenti.La capitale catalana sta diventando il punto di partenza preferito per molte startup nascenti e il luogo di approdo di freelance e lavoratori del settore digitale.

Talent Garden ha voluto portare la propria esperienza pluriennale nel settore digitale anche in un ecosistema diverso da quello italiano. Nello spazio di oltre 300 metri quadri si darà l’opportunità a 35 talenti di connettersi con la rete internazionale TAG e contaminarsi tra loro per condividere idee e poter crescere insieme. Il team locale è composto da Ivan Leider, cofondatore di TAG Barcelona, e Andrea Garcia, venezuelana con esperienza nel coworking la quale ha deciso di entrare a far parte della rete di Talent Garden; saranno supportati da Dlink e Baracino, la più importante community tech della città.

Il 3 marzo 2015 si terrà il primo aperitivo dedicato alla community italiana che parteciperà al Mobile World Congress. Per i partecipanti ci sarà la possibilità di vedere in anteprima lo spazio di Carrer de Muntaner 239. L’inaugurazione ufficiale sarà l’11 marzo 2015 alle ore 19.30.

Quando sono venuto in contatto con Talent Garden, mi è subito piaciuta la filosofia che ci sta dietro: dare ai migliori talenti un luogo fisico dove incontrarsi, lavorare insieme e contaminarsi per poter creare insieme il futuro. A Barcellona mancava uno spazio di coworking focalizzato sul digitale così capillare a livello europeo”. Ivan Leider, cofondatore di Talent Garden Barcelona

Abbiamo scelto Barcellona per la nostra seconda apertura internazionale perché è una delle più importanti città per il mondo dell’innovazione europeo e mondiale. Il Mobile World Congress è solo una delle dimostrazioni. Inoltre è un luogo multiculturale e di passaggio, che permetterà ai nostri membri di essere connessi facilmente con attori di diverse nazionalità operanti nei più svariati campi. E’ un ponte che ci potrà collegare anche al Sud America”. Davide Dattoli, cofondatore e CEO di Talent Garden

Ti potrebbe interessare anche

12 cose che ho capito sul coworking alla conferenza europea di Lisbona

Alla Europe Conference in Portogallo c’era anche Damiano Ramazzotti di Talent Garden

2013, lo startupper dell’anno (e altre 34 storie da conservare)

Da Silvano Spinelli ad Ermanno Cece: i 35 protagonisti del 2013 delle startup

Talent Garden anche in Lituania, apre TAG Kaunas (ospiterà 50 talenti)

E’ il primo coworking space della rete al di fuori del territorio italiano

Talent Garden a NYC! “Impossible is nothing”

“Congratulations” Così inizia la nuova avventura di Talent Garden, una delle idee più innovative scelte da New York. Altre 23 città vogliono il co-working Made in Italy

Allo #StartupDay in Bocconi trionfa il robot per operazioni chirurgiche non invasive

Value Biotech si aggiudica il premio come “Migliore Startup del 2017”. Gloria anche per Kopjra e Jointly nelle categorie Millennials e Social Innovation. Presenti speaker e angel investor interessati alle nuove imprese italiane

FICO, il parco enogastronomico di Eataly, sceglie la digitalizzazione con Websolute

A Bologna è nato il primo parco didattico-enogastronomico del mondo. Le sue attrattive sono acquistabili solo online o attraverso info point, partners, tour operator esterni che utilizzano la piattaforma digitale di FICO

AXA Italia inaugura una nuova sede a Roma e scommette sullo smart working

Il gruppo assicurativo dà la possibilità ai suoi dipendenti di lavorare da remoto due giorni alla settimana. La struttura si adatta alla nuova filosofia che cerca il benessere dei suoi lavoratori