Un maker speciale: storia di Giannantonio Brugola, le sue viti andarono sulla Luna

Ultimo saluto ad un grande imprenditore italiano: Giannantonio Brugola. Le sue viti hanno conquistato il mondo e giunsero sulla luna con la sonda Apollo 11

Fonte: corriere.it

Se apriste un dizionario alla voce “brugola” potreste trovare questa definizione: «Vite con testa a incavo esagonale, dal nome del suo produttore». Era il 1945, infatti, quando Egidio Brugola brevettò uno degli oggetti più comuni e più diffusi in tutto il mondo. Una fedele compagna per artigiani e professionisti nonché per i makers di oggi che ne raccolgono, almeno in parte, l’eredità. Sì, perché nei FabLab, accanto alle stampanti 3D e alle frese di ulima generazione, potrete certamente trovare oggetti come le brugole, vere espressioni del “fare” italiano. Oggi più che mai. Ma se ad Egidio si deve l’invenzione è a suo figlio Giannantonio, morto all’età di 72 anni, che va ricondotto il successo e la diffusione dello strumento: ereditò l’azienda del padre, la OBM di Lissone, a 16 anni ma seppe, fin da subito, modificarne e migliorarne la natura, dandole immediatamente una vocazione internazionale. E sono i numeri a descrivere questo successo: un fatturato che ancora oggi, in piena crisi, si aggira intorno ai 126 milioni di euro; un’industria che dà lavoro a circa 300 dipendenti per una produzione di 7 milioni di viti prodotte al giorno, in 800 modelli diversi, vendute a 42 aziende di motori in tutti i cinque continenti. E se qualche mese fa ci riempivamo d’orgoglio per la tecnologia italiana presente sulla sonda spaziale Rosetta, tempo fa potevamo provare lo stesso: le brugole italiane erano infatti presenti all’interno della navicella spaziale Apollo 11 che per prima portò l’uomo sulla Luna.

Il profilo

Giannantonio Brugola nacque la vigilia di Natale del 1942. La sua vita, passata interamente in azienda, avrebbe potuto prendere una direzione totalmente diversa: diplomato al liceo classico, conoscitore di cinque lingue, lettore instancabile, aveva nella letteratura e nella geografia due delle sue passioni più sfrenate. Non a caso, chi descrive il suo ufficio di Lissone racconta di scaffali stracolmi di libri e di un mappamondo ricoperto di bandierine, una per ogni paese d’esportazione delle viti. Un imprenditore particolare, attento alle nuove tecnologie e all’innovazione, come dimostrato dallo sviluppo delle viti polydriver capaci di migliorare il serraggio dei motori, ma ancorato alla forza del pensiero, intellettuale e filosofico, umano.

Nel 2008, Giannantonio Brugola fu insignito da Giorgio Napolitano, allora Presidente della Repubblica, della nomina di Cavaliere del Lavoro: «Gli disse: lei è un mio mito» ricorda il figlio Egidio, che oggi prenderà il suo posto al timone dell’azienda. Un manager che amava i suoi dipendenti, a cui riconosceva grande merito per il suo successo: «Aveva deciso di dare un premio di circa 1.250 euro nella busta paga di marzo per tutti gli operai, solo gli operai, di Lissone come riconoscimento per gli sforzi fatti per raggiungere gli ultimi, ottimi, risultati».

Durante la sua gestione non c’è mai stato un minuto di cassa integrazione, nessun licenziamento», spiega Egidio che ha confessato: «Negli ultimi, difficili, giorni seguiva sempre con attenzione le sorti dell’azienda tanto che si era commosso quando gli abbiamo consegnato la prima vite prodotta nel nuovo stabilimento di Detroit, un suo sogno». Uno stabilimento che non ha inficiato il suo rapporto con l’Italia: mai una delocalizzazione, mai il desiderio di abbandonare la Brianza, vista sempre come la casa perfetta delle viti Brugola. Una bella storia italiana, rappresentata in pieno dal motto aziendale, coniato dallo stesso Giannantonio: «Spirit of Excellence». Un’eredità e un messaggio che profuma di lezione per i giovani imprenditori e startupper italiani.

la-brugola-di-lissone-aprira-nel-michigan_29527cae-b8e3-11e3-9cd8-9a2f6f567ebe_display

Breve storia di OEB

  • 1926     Egidio Brugola fonda l’Azienda OEB (Officine Egidio Brugola)
  • 1927      Inizia la produzione  in serie di viti ad esagono incassato
  • 1945      Brevetto delle Vite Cava Esagonale con gambo a Torciglione
  • 1959      Egidio Brugola muore
  • 1964      Giannantonio Brugola diventa Presidente della OEB
  • 1965      Viene inaugurata una fase di rinnovamento produttivo, organizzativo e soprattutto commerciale dell’Azienda
  • 1975      Viene riconosciuta a Egidio Brugola la paternità dell’invenzione brevettata nel 1945
  • 1980      Inizia la produzione di viti speciali per il settore Automobilistico
  • 1981      OEB introduce il principio del Difetto Zero e della Qualità Totale e diventa fornitrice unica per il gruppo Volkswagen delle viti di fissaggio testata motore
  • 1993      Giannantonio Brugola brevetta la vite POLYDRIVE®
  • 1994      Il primo anno in cui tutta la produzione è riservata all’Automotive
  • 1996      OEB diventa unico fornitore di viti per il motore I4 della Ford
  • 2000      OEB introduce il concetto di Single Plant Provider
  • 2003      L’Azienda ottiene il Brevetto Europeo della vite POLYDRIVE®
  • 2006      Tutti i motori Ford Europa compreso il nuovo motore V8 vengono assemblati in esclusiva con viti OEB. Inaugurato a Detroit in USA il nuovo Polo Logistico di Proprietà
  • 2008     Giannantonio Brugola diventa Cavaliere del Lavoro
  • 2011      Egidio Brugola junior, “Jody”, diventa Vicepresidente dell’Azienda
  • 2013      Il fatturato viene consolidato a 125 milioni di Euro
  • 2014      Inaugurato a Desio un nuovo Polo Logistico di Proprietà
  • 2015      Apertura di un nuovo stabilimento produttivo a Detroit in USA

La Consob apre alle ICO e definisce le cripto-attività

Qual è l’approccio e l’indirizzo che l’Autorità ha dato alla consultazione pubblica sul tema delle criptovalute? Limiti e prospettive di un regolamento che potrebbe finalmente aprire l’Italia al mercato globale delle ICO

TransferWise, nuovo maxiround da 292 milioni di dollari

L’unicorno fintech sale così a una valutazione di 3,5 miliardi di dollari: ecco tutti i numeri della piattaforma per trasferire denaro oltre confine (e non solo)

Impossible Foods, dopo l’hamburger ecco la neosalsiccia

La startup californiana, appena sbarcata da burger King con le sue polpette basate su proteine vegetali ma dal sapore simile alla vera carne, prepara nuovi prodotti

Torino, siglato l’accordo per un hub internazionale dell’innovazione alle OGR

Stimolare la ricerca ma anche attrarre startup e investimenti in fondi tech: questi gli obiettivi dell’accordo siglato da Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Intesa Sanpaolo Innovation Center.