#HowToStartAStartup 16 | Non parlare con gli utenti può far fallire un’idea

Il titolo di questa lezione su come avviare una startup, decisamente atipica, è “How to run a user interview” ovvero “come intervistare un utente”.

How to start a startup

La sedicesima lezione del corso “How to start a startup” dell’Università di Stanford, in collaborazione con Y-Combinator, è stata tenuta da Emmett Shear, imprenditore seriale della Silicon Valley che ha fondato e venduto diverse startup, ultima delle quali Twitch, comprata da Amazon per quasi un miliardo di dollari, alla fine del 2014.

Il titolo di questa lezione, decisamente atipica, è “How to run a user interview” ovvero “come intervistare un utente”.

Il video integrale della lezione è disponibile, come sempre sottotitolato in inglese, qui sotto.

Per questa lezione non sono state utilizzate slide e non ci sono letture suggerite dallo speaker. Invece il transcript integrale è disponibile online.

Come accennavo all’inizio, la lezione è stata abbastanza atipica. Non solo perché non sono per l’assenza di slide e di letture consigliate, ma soprattutto perché Emmett ha coinvolto il pubblico per l’intera durata del talk, svolgendolo interamente con degli esempi pratici di interviste.

Come è facilmente deducibile dal titolo, infatti, l’argomento della lezione è stato come intervistare gli utenti. L’argomento, troppo spesso sottovalutato, è invece di fondamentale importanza! Il continuo dialogo con gli utenti (come già sottolineato in qualche precedente lezione) è fondamentale per la realizzazione di un prodotto vincente e, soprattutto, per il suo costante miglioramente.

La lezione inizia, infatti, con Emmett che racconta la storia di una sua startup (Justin.tv) nata da una loro intuizione ma mai validata con potenziali utenti. Avevano semplicemente pensato che costruire una piattaforma dove poter girare un reality show di se stessi 24 ore su 24 potesse essere un’idea vincente e decisamente innovativa.
Una loro intuizione, una loro esigenza ma nessuna intervista con utenti reali per validare l’idea.
E infatti, dopo poco tempo, si rendono conto che il progetto non funziona e stenta a decollare. Per non buttare tutto, cercano di riutilizzare la tecnologia sviluppata fino a quel punto e di fare un pivot in un’area completamente diversa.
Si guardano intorno, parlano con gli utenti, e scoprono la miniera d’oro intorno al gaming e ai video in streaming dei gameplay. Nasce così Twitch.

Dopo questa interessante introduzione, Emmett Shear mette alla prova gli studenti inscenando delle potenziali interviste su dei temi da lui proposti. Quello che potrebbe sembrare semplicemente un esercizio di stile mostra, in realtà, come impostare e svolgere un’intervista a dei potenziali utenti.

Basta, infatti, scegliere un target errato o porre le domande sbagliate per rendere tutto inutile e trovarsi con dei dati inesatti e inutilizzabili.

Vi consiglio di non perdervi neanche un minuto di questa lezione, inclusa la sessione di domande finali dove ci sono diversi spunti interessanti!

Ti potrebbe interessare anche

#HowToStartaStartup 11 | Gestire le assunzioni

Assumere persone talentuose è un processo lungo e difficile che ha bisogno di tempo per essere perfezionato. Il colloquio è la parte meno difficile e importante

#HowToStartaStartup 13 | Essere imprenditori non è una cosa facile

La lezione verte sul founder. Ecco gli elementi da tenere in considerazione per ricoprire questo ruolo al meglio

#HowToStartaStartup 7 | Con i clienti è una storia d’amore

Ascoltare gli utenti e dare loro tutta l’attenzione necessaria è fondamentale per la crescita del proprio progetto. Un po’ come col partner.

#HowToStartaStartup 9 | Come ottenere un investimento

Un panel domanda e risposta su come ottenere gli investimenti e convincere gli investitori della bontà della propria idea

Bitcoin, Ethereum e IOTA: c’è un corso sulle criptomonete alla London School of Economics

60 ore di lezioni via web al costo di 1800 euro: l’ultimo corso della Lse insegnerà agli studenti come destreggiarsi tra blockchain e criptoasset. Corsi di studio simili esistono anche a Malta e Melbourne

Open Innovation Club, startup e big company scrivono insieme il futuro

Ospite di Enel, prende il via il programma d’incontri rivolti a imprese e PA per confrontarsi sulle best practices innovative da applicare. Tra i soci grandi realtà come TIM, Cisco, Ferrovie dello Stato e Google