Come pagare dipendenti e collaboratori in equity, una guida

Pagare in equity chi lavora per una startup è possibile. Il ministero dello Sviluppo spiega come fare, e perché si tratta di una piccola rivoluzione per come intendiamo i rapporti nel team e il senso di appartenenza all’azienda

Remunerare i lavoratori delle startup come gli amministratori della società. No, non si tratta di super stipendi o liquidazioni da favola ma di piani di incentivazione in equity. Praticamente, pagare dipendenti e consulenti con una quota del capitale della startup. Uno strumento già previsto e regolato dal decreto legge 179 del 2012 dell’allora ministro Corrado Passera, ma ora ripreso in un documento dell’attuale ministero dello Sviluppo economico (era già stata pubblicata una guida sull’argomento), che consiste in un modello commentato di contratto di piano di incentivazione in equity. Un vero e proprio fac-simile commentato per prendere dimestichezza con questi strumenti finanziari (stock option e work for equity) di solito riservati alle società quotate.

Che cosa è un piano di incentivazione in equity

Non si tratta solo di una forma di retribuzione, ma anche di uno strumento in grado di avvicinare gli interessi dell’imprenditore a quelli dei suoi collaboratori. In concreto, si tratta di pagare parte del compenso dovuto all’amministratore, al dipendente o anche al collaboratore o consulente esterno, con una partecipazione al capitale della società. Una parte variabile della retribuzione sarà quindi collegata all’efficienza o alla redditività dell’impresa, alla produttività del lavoratore e del gruppo di lavoro, o ad altri obiettivi e parametri di rendimento concordati tra le parti.

Come funziona

Prima cosa da fare è decidere chi sono i beneficiari di questo tipo di pagamento (appunto, collaboratori esterni, dipendenti o amministratori) e poi decidere quale strumento specifico utilizzare. Proprio per questo è opportuno distinguere tra assegnazione di azioni, quote o strumenti finanziari. La legge prevede che gli strumenti finanziari si possano attribuire solo per assegnazione diretta e non mediante opzioni, ossia la possibilità di comprarli ad un prezzo e in un momento predeterminati.

Seguendo il modello del Mise, si legge che l’assegnazione di azioni o quote per esempio può avvenire mediante aumento di capitale a titolo gratuito oppure a titolo oneroso. In entrambi i casi, il capitale viene aumentato dall’assemblea straordinaria in misura corrispondente agli utili che si intendono attribuire.

Nel primo caso quindi le azioni e le quote possono essere assegnate gratuitamente ai lavoratori dipendenti della startup, con delibera dell’assemblea straordinaria e tenendo conto della misura degli utili distribuibili (art. 2349 cod. civ.). Agli amministratori e agli altri soggetti che non siano legati da un vincolo di subordinazione con la startup, le azioni e le quote possono essere assegnate sempre gratuitamente, ma nella misura degli utili netti risultanti dal bilancio, dedotta la quota da destinarsi alla riserva legale.
Startup Equty Mise

Ne secondo caso è previsto che le azioni e le quote possano essere attribuite anche grazie ad aumenti di capitale a pagamento, “offerti in sottoscrizione ai dipendenti, amministratori, collaboratori continuativi del soggetto abilitato (la startup)”. In questo caso, sarà l’assemblea straordinaria a fissare il prezzo di sottoscrizione.

Anche l’assegnazione di strumenti finanziari può avvenire sia a titolo gratuito che oneroso. In entrambi i casi il capitale sociale non varia,  a fronte dell’emissione di strumenti finanziari si viene infatti a costituire una riserva del patrimonio netto.

Quali i benefici (e quali i rischi)

«Si tratta di uno strumento interessante perché in grado di aiutare il management della startup nel momento di avvio della stessa in cui, tipicamente, non c’è liquidità, inoltre aiuta a fidelizzare i dipendenti e i consulenti esterni e rappresenta per questi un incentivo» – ha spiegato Mattia Corbetta della segreteria tecnica del Mise –  «in questo modo i dipendenti avranno tutto l’interesse a far sì che la startup funzioni bene visto che migliori saranno le performance, più loro guadagneranno». Quindi, siamo davanti ad uno strumento «che ha a che fare con la democratizzazione dei guadagni, oltre che dei rischi».

Come si legge nel testo pubblicato dal Mise “le startup innovative, attraverso la corresponsione di questi strumenti in luogo di somme di denaro, possono sopperire ad eventuali carenze di liquidità, mentre i beneficiari dei piani sono esclusi da prelievo contributivo, come previsto nella disciplina generale, e che, in aggiunta, sono anche esclusi da prelievo fiscale”.

Inoltre, è previsto un effetto “fidelizzazione” dato dall’eventuale presenza di vincoli temporali per  l’attribuzione definitiva delle azioni o per l’esercizio della stock option. Limiti che, di fatto, per il soggetto così remunerato costituiscono un incentivo alla permanenza nella società. Un conseguenza non di poco conto in un settore in cui il capitale umano ricopre un ruolo decisivo per il successo dell’iniziativa imprenditoriale.

Da tenere sempre presente però è che con l’accesso al capitale sociale ci si assume anche il rischio imprenditoriale. I lavoratori e i consulenti parteciperanno quindi sia alle condizioni di successo che a quelle di insuccesso. E nel caso in cui il progetto fallisse, le azioni non varrebbero più nulla e di conseguenza le prestazioni lavorative, ormai belle e fornite, non verrebbero più ricompensate.

  • paolo4

    Buongiorno a tutti! Ci tenevo solo a segnalare questo nuovo blog, molto utile per reperire informazioni se si desidera aprire una propria
    attività: http://www.comeaprire.it oppure la sua versione americana, per chi vuole intraprendere nel mercato statunitense http://www.howtostart.us

  • Valter Lanfranco

    ottimo ma…non si riesce a scaricare la guida del Mise…dà ERROR 404.

  • Alberto Cabas Vidani

    Sarebbe bello avere qualche esempio pratico, una casistica magari.

  • impresaitalia

    i need more information for impresaitalia…

    [url=http://www.impresaitalia.info/551/1/alberghi/terni.aspx]HOTEL A TERNI[/url]

Ti potrebbe interessare anche

Adesso è chiaro! Ecco i 6 vantaggi fiscali per le startup in Italia (spiegati punto per punto)

L’Agenzia delle Entrate ha spiegato tutti gli aiuti alle startup. Corbetta (Ministero dello Sviluppo Economico): “Finalmente si è fatta chiarezza”.

Cos’è Italia Startup Hub, il nuovo piano del governo per attrarre talenti stranieri

E’ l’evoluzione di Startup Visa. Permessi di soggiorno facili a chi vuole fare impresa innovativa in Italia. 17 domande presentate (7 rigettate)

I 10 vantaggi di fare startup in Italia

Alla vigilia del Global Entrepreneurship Congress di Mosca, Mattia Corbetta ripercorre le tappe fondamentali della legge per le startup. Sarà l’Italia la prossima “startup nation”?

Meno obblighi per le startup grazie ad una mail. Corbetta (Mise): “Ecco un buon modello di semplificazione”

Tutto è nato da una mail. Se le startup da oggi potranno ridurre da tre a due le comunicazioni annuali sul proprio stato di salute al Registro delle imprese lo si deve ad una mail inviata qualche mese fa a [email protected] Ma soprattutto ad un circolo virtuoso che ha coinvolto il ministero dello Sviluppo economico,… Read more »

Fare startup negli USA costa 2,3 volte di più e altri numeri per ricredersi sul venture in Italia

Un’analisi di Ciro Spedaliere (Invitalia Ventures) sul taglio degli investimenti in startup negli USA e in Italia, dove numeri raccontano una verità ai più poco nota ma che porta a riconsiderare alcuni pregiudizi sugli investimenti

Star Wars (Episodio IV) spiegato in un’infografica lunga 123 metri

Bisogna “scrollare” moltissimo per leggerla tutta. Ma è un grande e meraviglioso esempio di come oggi può essere raccontata una storia, anche ben nota. L’ha realizzata un ragazzo svizzero ed è un vero capolavoro.

VeganMaps, una TripAdvisor dedicata a vegani e vegetariani

Oltre 2000 locali vegani e vegetariani censiti nell’app dedicata a ristoranti ma anche a farmaci, bar e pasticcerie. Basta la geolocalizzazione. E intanto i consumi di carne calano del 5% l’anno