Usa la stampa 3D per il prototipo, è italiana la mente del primo trolley per sci

Skiddi è un micro-trolley per sci in plastica riciclata del peso di 86 grammi e delle dimensioni poco inferiori rispetto ad un normale portafogli. È concepito per essere collocato direttamente in tasca e cambierà la vita a 105 milioni di sciatori nel mondo.

“Ciao, mi chiamo Sergio e amo sciare!” Così si apre la campagna crowdfunding di Skiddi, su kickstarter. Un inizio semplice, autentico. Soprattutto chiaro. E queste sono tutte qualità che si possono ritrovare in questo oggetto di piccola dimensione ma, credetemi, dal potenziale smisurato. Un prodotto che potrebbe diventare, in breve tempo, il miglior amico degli sciatori.

41d711b034cbc26fc3991beaf0a61a57_original

Come avviene di solito in questi casi, Skiddi nasce dal desiderio di risolvere un problema vissuto in prima persona. Quello di dover trasportare, per metri e metri, gli sci sulle spalle. Quei tragitti brevi che, per colpa di talune scomodità, risultano essere molto più faticosi di quanto potrebbero esserlo in realtà. Avete mai provato a trasportare il vostro paio di sci dal parcheggio all’impianto di risalita? Ecco, stiamo parlando proprio di quel pezzo di strada che costa una quantità spropositata di energie. Un disagio che grazie a Skiddi può subire una totale metamorfosi e diventare un’amena e panoramica passeggiata prima della discesa vera e propria.

È un incontro speciale, quello con la stampa 3D, a portare Sergio Pedolazzi, 31 anni, ingegnere appassionato di nuove tecnologie, alla svolta. Un incontro, approfondito insieme al product design Enzo Nesi, che ha permesso di trasformare una buonissima idea in un prodotto definitivo e perfettamente funzionante: «Ho cominciato a fare i primi schizzi e disegni realizzando prototipi con qualsiasi materiale di fortuna. Avrò cambiato forma e dimensione una decina di volte e con risultati orribili e mal funzionanti finché, leggendo un articolo su un giornale, ho scoperto l’esistenza delle stampanti 3D. È stata la svolta» ha dichiarato a MakeTank, dopo essere arrivato terzo al concorso DesignWeMake.

 

Come funziona Skiddi

Skiddi è un micro-trolley in plastica riciclata, disponibile in cinque colori, del peso di 86 grammi e delle dimensioni poco inferiori rispetto ad un normale portafogli. È concepito per essere collocato direttamente in tasca ed essere così pronto, quando necessario, all’uso immediato. Grazie al suo design innovativo si aggancia alla parte terminale di tutti gli sci oggi in commercio, senza escludere quelli per i fuoripista o quelli dedicati al freestyle. È stato realizzato grazie all’utilizzo di una stampante open source ed è un progetto interamente “Made in Italy”.

Skiddi permette di prestare più attenzione nell’evitare buche, scivolamenti o scontri con altri sciatori e consente di trasportare più comodamente tutti i bagagli di cui si ha bisogno. Inoltre, vista la sua semplicità, può essere usato anche dai bambini in tutta sicurezza. «Ho capito che era l’idea giusta» dice Sergio «quando ho iniziato a utilizzarlo e diversi sciatori mi hanno chiesto dove l’avessi acquistato». Skiddi è stato realizzato anche grazie al supporto dell’incubatore D-Namic, che ha sede a Brescia, Gerenzano (Varese) e in California.

6a8c6656a2f1d369dd75fa3fdddfa1cd_original

La campagna su Kickstarter

Partita da qualche giorno ha già raccolto quasi un terzo della cifra totale richiesta pari a 10.000 dollari. Ogni sostenitore può già prenotare il proprio Skiddi al prezzo di 35 dollari (circa 30 euro) comprese le spese di spedizione e una pratica scatola in cui conservarlo (dopo i primi 300 si salirà a 39 dollari).

Le fasi di produzione inizieranno appena la campagna sarà conclusa e la consegna è prevista per la prossima stagione sciistica: «Un progetto ambizioso, visto che si rivolge – in lingua inglese – a una platea potenziale di 105 milioni di sciatori nel mondo, di cui 28 milioni stanno in Europa».

Ti potrebbe interessare anche

20 mila euro per i Fablab (e altri 6 bandi in scadenza da tenere sott’occhio)

7 bandi in scadenza per startup: dalla Silicon Valley, a RDS, passando per il bando per makers e fablab aperto dal comune di Milano: qui dove sono i finanziamenti

4 cose importanti da sapere se vi siete persi il 3DPrint Hub

Una stampante 3D alta quasi 5 metri in grado di stampare case in argilla. Un museo sensoriale per ipovedenti (ma non solo) realizzato in Salento. Un’area dedicata interamente a fablab e makerspace in cui raccontare un movimento in continua evoluzione. Una serie di progetti biomedicali che incontrano, grazie alle nuove tecnologie, le esigenze dei pazienti. Tre… Read more »

Così gli archeologi “makers” hanno aperto le porte dei musei ai ciechi

Fabbricazione digitale e beniculturali: così gli archeologi makers aprono le porte dei musei ai ciechi. Con l’aiuto dei Fablab

Gli angels salgono in cattedra: ecco cosa piace (e non piace) agli investitori torinesi

Che cosa piace realmente agli investitori? Questa è stata la domanda che ha guidato l’incontro organizzato a Torino, nei locali di Toolbox Coworking, da Torino Social Innovation e Club degli Investitori, lo scorso 5 marzo. Una vera simulazione d’incontro tra startupper e business angel, tra chi crede di avere un’idea dal grande potenziale e chi avrebbe la… Read more »

In auto per 30mila chilometri per accompagnare la figlia al college

Huang Haitao aveva promesso a sua figlia che avrebbe attraversato 26 nazioni se fosse stata accettata in un’università americana. Quando la lettera di ammissione è arrivata da Seattle, non ha potuto far altro che partire con lei dalla Cina verso gli Stati Uniti

Diane Jooris usa la realtà virtuale per aiutare i malati di cancro. La storia

Oncomfort, azienda americana, crea software che abbassano i livelli di stress e di dolore dei pazienti affetti da cancro. La fondatrice del progetto racconta a StartupItalia! la sua esperienza che l’ha portata a pensare a questa particolare terapia