Ancora un round per Pony Zero! 235 mila euro per le sue consegne su due ruote

Club Digitale ha appena concluso un’operazione di co-investimento in Pony Zero, startup che rivoluziona il mercato del delivery ultimo miglio

Il round è di 235.000 euro e gli investitori sono due. L’operazione è stata guidata da Club Digitale, club di investimento in startup, con l’apporto di 200.000 euro Club Italia Investimenti 2, veicolo di pre-seed a fianco degli acceleratori italiani, che ha partecipato per 35.000. CII2 decide di scommettere nuovamente sulla startup torinese, già finanziata precedentemente con un round pre-seed di 50.000.

Pony Zero, startup incubata in Treatabit, progetto dell’I3P, il principale incubatore italiano, ha l’obiettivo di rivoluzionare il delivery dell’ultimo miglio urbano, una della sfide economiche europee più attuali.

Grazie alla crescita esponenziale dell’e-commerce, il mercato delle spedizioni ultimo miglio risulta essere un settore in forte crescita, infatti queste vendite hanno contribuito ad un aumento significativo delle spedizioni di merce. L’e-commerce in Italia vale oltre 13.2 miliardi di euro e per tutto il 2015 il commercio elettronico registrerà una crescita continua che sfiorerà il 17 percento di aumento rispetto al 2014. (fonte: casaleggio associati 2014)

Pony Zero punta a diventare il partner indispensabile dei player internazionali del settore spedizioni, proprio dove queste registrano grosse perdite di efficienza legate ad un sistema di consegne tradizionale non più adeguato alle esigenze delle città contemporanee. L’investimento ricevuto, da Club Digitale il 19 marzo 2015, permetterà di accelerare il processo di crescita ed espansione. Pony Zero, già operativa su Torino e Como, investirà soprattutto in ricerca, innovazione di materiali, sviluppo software e nell’apertura di quattro grandi piazze italiane Milano, Bologna, Padova e Genova, nonchè nell’espansione estera, prevista per inizio 2016, attraverso l’apertura di sedi in due capitali Europee: Parigi e Londra.
Pony Zero Bici Startup

Ricevere la fiducia di un investitore professionale, che rappresenta 250 investitori privati, ci motiva ulteriormente a raggiungere i nostri obiettivi e i nostri ideali di sviluppo in un mercato in crescita esponenziale, che ora come non mai ha una forte necessità di innovare – dichiara Marco Actis, founder e CEO di Pony Zero – questo investimento è la conferma degli ottimi risultati che il team ha perseguito, sia in termini di messa a punto del modello di business sia in termini di fatturato. Per Pony Zero, ovviamente, questo non è un traguardo, ma il nostro ennesimo punto di partenza, consci di quello che di buono abbiamo fatto, ma più che mai motivati ad andare avanti lungo la strada che stiamo costruendo”.

Pony Zero fornisce oggi il più veloce ed efficace servizio di consegne urbane a impatto ambientale zero. La startup riesce a garantire una media di 15 consegne ora effettuate, la gestione di picchi improvvisi di spedizioni ed una media di 3000 pacchi giorno consegnati. Con il software sviluppato da Pony Zero, inoltre, e’ possibile ottenere il calcolo della CO2 risparmiata ad ogni consegna, ed inserire questo valore nel bilancio sociale aziendale. Questi dati hanno permesso di concludere con successo un beta test, a dicembre, nella città di Torino, con un importante player internazionale del settore spedizioni.

Club Digitale è un club di investitori privati nato con l’obiettivo di contribuire alla crescita del digitale in Italia, fornendo alle migliori Startup sul territorio i capitali necessari allo sviluppo del business. Acquisisce partecipazioni nel capitale di una selezione di Startup che stanno completando un processo di accelerazione d’impresa presso gli incubatori partner del progetto. Creati da imprenditori di successo nel mondo del digitale e delle tecnologie, e grazie a questa esperienza rappresentano oggi dei centri di eccellenza nello scouting e nel supporto alla creazione di Startup innovative a contenuto tecnologico.

Ti potrebbe interessare anche

#StartupContest | Coppola: «Voto a una sconosciuta e alle altre dico: basta lamentarsi e lavorate»

L’ideatore di Innovaction Lab vota una startup hardware appena nata (Filo) e avverte le startup: basta lamentarsi dell’Italia, non serve a niente.

Invitalia crea un fondo di Venture Capital: investirà 50 milioni in startup

Il fondo di venture capital di Invitalia prende forma. L’ente che gestisce Smart&Start per conto del Mise annuncia che il fondo sarà di 50 milioni, da investire in startup insieme a venture privati.

Bingo! 5 milioni a MusiXmatch. Una via italiana alle startup esiste

Ci sarebbero molte cose da dire a proposito del dibattito, per la verità molto informato, sullo stato delle startup in Italia. Negli ultimi giorni ho annotato gli interventi del prof. di Mind the Bridge Alberto Onetti, Le startup non bastano; del venture capitalist Massimiliano Magrini, Forget pizza and pasta, Italy has a lot of untapped… Read more »

Come raccogliere $25 milioni per la propria idea

Gianluca Dettori analizza il caso EOS ai raggi X per capire cosa ha funzionato e perché dal punto di vista dei venture capitalist

Tutto il sapere scientifico dell’Europa sarà gratuito e online entro il 2020

Il Competitiveness Council dell’Unione Europea ha deciso di intraprendere la strada della consivisione della conoscenza. Tutti i documenti dei progetti di ricerca potranno presto essere accessibili a tutti in maniera gratuita in rete

Mindesk, la tecnologia che unisce il disegno CAD alla realtà virtuale

Continua il nostro viaggio in tre tappe per raccontare i vincitori delle passate edizioni di .itCup. Oggi vi raccontiamo la storia di due startupper pugliesi che volano in Silicon Valley con un’idea per rivoluzionare il disegno in 3D.