Ecco le 10 città italiane con la migliore reputazione in rete (secondo Travel Appeal)

Una classifica per certi aspetti rivoluzionaria: l’ha creata Travel Appeal che per 18 mesi ha mappato la reputazione delle città italiane in rete. Ecco i risultati

Travel Appeal, startup del turismo fondata da Mirko Lalli, ha mappato l’appeal delle città italiane sui social. I risultati hanno raccontato un’Italia molto diversa da come ce la immaginiamo. Sotto la lente della startup sono finite 82mila strutture, 3 milioni di recensioni, 8 milioni di giudizi e quasi 90mila conversazioni sui social. E’ ad oggi la più ampia mappatura delle città d’arte sui social realizzata. Travel Appeal ha da poco concluso un round di finanziamento da parte di Unicredit e H-Farm per 100 mila euro.

18 mesi a spiare i commenti sui social per capire chi funziona e chi no, dove gli utenti andrebbero più volentieri e perché. Risultato: Catania e Napoli vincono su tutte. Una sorpresa? Milano è in fondo alla classifica. Peché? Mirko Lalli commenta che “Milano è in fondo alla classifica non per caso. Ci si aspetta molto da una città così votata al business e agli affari. Ad esempio pare assurdo ai viaggiatori che negli hotel venga fatto ancora pagare a parte il wi-fii. È come se si facesse pagare l’acqua calda a parte. Catania e Napoli stravincono per il calore umano. Il rapporto umano fa superare criticità delle strutture che ancora esistono. Ma si è più disposti a chiudere un occhio”. Nella classifica, le città sono mappate con un ranking da 0 a 100 punti di appeal. Qui i risultati città per città.

catania1. Catania
Indice di appeal: 81,28 per cento

5187-04-35-47-9160

2. Napoli
Indice di appeal: 80, 86 per cento. La capitale partenopea vince per i commenti sul personale di hotel e ristoranti (91,09 per cento) e per la qualità della ristorazione (84,77 per cento)

firenze_panoramica

3. Firenze

Indice di appeal: 80,77 per cento

hotel_bologna_piazza_maggiore-1024x640

4. Bologna

Indice di appeal: 80, 19 per cento

Trieste

5. Trieste

Indice di appeal: 79,97 per cento

Torino_notte_cut

6. Torino

Indice di appeal: 79,97 per cento

foto_genova_copy

7. Genova

Indice di appeal: 79,45 per cento. Genova è all’ultimo posto della classifica per i servizi ricreativi nelle strutture ricettive (69,23 per cento)

Roma

8. Roma

Indice di appeal: 79,45 per cento. Genova è all’ultimo posto della classifica per i servizi ricreativi nelle strutture ricetttive (69,23 per cento)

venezia4

9. Venezia

Indice di appeal; 78, 53 per cento. Venezia è al fondo della classifica sull’estetica delle strutture ricettive (75, 30 su 100)

milano

10. Milano

Indice di appeal: 76,24 per cento. Ultima in classifica anche per i commenti sul personale delle strutture ricettive (81,07 per cento) e per la qualità della ristorazione (66, 67 per cento)

 

Ti potrebbe interessare anche

16 punti per capire cos’è e come funziona una startup cooperativa

1. Coniugare i valori dell’innovazione La cooperazione è antica e anacronistica o è moderna e proiettata nel futuro? Questa domanda, lanciata da Alfredo Morabito a inizio lavori, è stato il leit motiv che ha accompagnato gli interventi nel corso della giornata. Da questa domanda è nata anche la sfida che ha dato il via al… Read more »

6 lezioni sull’Italia delle startup da un giovane russo che ha deciso di trasferirsi qui

Denis Bulichenko ha deciso di venire a fare startup in Italia approfittando del programma Visa. E ci dà delle indicazioni preziose su come si sta sviluppando il nostro ecosistema

Accordo Europcar-ViaggiArt, noleggi l’auto e scopri l’arte con un’app

Partnership tra la società di autonoleggio e la startup che ha reso disponibile su tablet e smartphone tutto il nostro patrimonio culturale

Ecco i 12 investimenti in startup fatti a marzo (e in quali settori)

Si è chiuso un buon mese per il mondo delle startup. 12 investimenti, tra turismo, biotech, ecommerce e education. Ecco tutti i dettagli

Accenture Banking Conference, dove l’innovazione crea valore

C’è gran fermento nel mondo finanziario. Accenture, assieme agli esperti e agli addetti ai lavori, farà il punto sui trend e le sfide del futuro il 26 marzo a Milano. Per scoprire nuovi modelli per un settore in evoluzione

Omnidermal Biomedics vince il Premio Leonardo Startup 2018

Il Comitato Leonardo, in collaborazione con il MISE e l’Agenzia ICE, ha assegnato il riconoscimento alla startup nata come frutto della ricerca del Politecnico di Torino. Omnidermal ha sviluppato il “Wound Viewer”, dispositivo medico capace di acquisire e processare le immagini di ulcere cutanee grazie alla Intelligenza Artificiale.