Google ha finanziato un competitor che oggi vale un miliardo. Thumbtack di Marco Zappacosta

Figlio di due abruzzesi in California, Marco Zappacosta ha creato a San Francisco una startup. Google ci ha investito 100 milioni. Oggi è diventata un competitor, e Google deve rincorrerla in un mercato nuovo

thumbtackhighfive

Marco Zappacosta, 30 anni, a sinistra nella foto, Jonathan Swanson a destra

Anche se i giornali americani lo hanno indicato spesso nelle interviste come «an Italian startupper», Marco Zappacosta, 30 anni, in realtà è nato in California. Poco dopo che i suoi genitori si trasferissero lì dall’Abruzzo. 35 anni fa. Papà imprenditore, negli Usa per lavoro. Negli ultimi 5 anni a San Francisco si è speso esclusivamente allo sviluppo della sua startup. Thumbtack, puntina in inglese. L’idea arriva nel 2009 ed è un portale che mette in contatto il mondo degli artigiani e dei piccoli professionisti con il grande pubblico. Pochi feedback positivi all’inizio, come racconta in un’intervista a Mo.com. Comincia a bussare alle porte di piccoli artigiani, idraulici, falegnami locali. «Chiedevo se volevano registrarsi a Thumbtack» racconta, per «sottoporsi alla valutazione della rete e trovare clienti». Da qui i primi passi che gli consentono di creare una community forte, «i primi 100 utenti pazzi della tua idea» direbbe Paul Graham di Y-Combinator. Per loro pensa un sistema di selezione personalizzata di fornitori e clienti. Il gioco è fatto.

I 100 milioni di Google Capital

Li trova i primi 100 pazzi. E insieme alle porte degli early adopter, Zappacosta bussa anche a quella di diversi investitori. Raccoglie nel 2012 i primi 2,5 milioni per crescere. La community arriva a contare 100mila persone. La svolta arriva a luglio 2014. Prima Sequoia e Tiger investono nella startup 30 milioni di dollari. Poi arriva Google Capital che ne investe altri 100. Una cifra più che sufficiente per crescere, e tanto. Forse anche troppo. Perché Google, che quando ha investito in Thumbtack aveva detto di volerlo fare perché «poco interessata a quella nicchia di mercato», secondo quanto ha riportato BuzzFeed in un pezzo intitolato: «Google vuole mandarti un idraulico» racconta che Mountain View avrebbe già pronta una piattaforma molto simile a Thumbtack nel settore dell’home services market. Forse un errore di comunicazione interno, o un cambio immediato di strategia che ha messo nei guai i manager di Google Capital: che ha investito in una società che rischia di essere il maggiore competitor su un mercato nel quale Google non è ancora entrata.

«Google? Compra o annienta»

«Quello che mi ha convinto di Google Capital è quando mi è stato detto al momento dell’investimento: Noi non investiamo in aziende che pensiamo possano essere in qualche modo in competizione con Google, né al presente né per i nostri orizzonti di crescita» ha dichiarato in un’intervista Zappacosta lo scorso agosto, qualche giorno dopo il round chiuso con Mountain View. «Perché è ovvio che Google in quel caso non investirebbe in loro, le ucciderebbe o le comprerebbe». E invece…

Google Capital è una società di investimento nata nel 2013 che copre quello che viene chiamato il late-stage (il contrario fa Google Venture, che fa investimenti seed), investimenti più sostanziosi in aziende già avviate e che già hanno mercato. L’obbiettivo è far diventare grandi e forti le aziende in cui hanno investito. Accelerarne la crescita. E’ quello che hanno fatto con Thumbtack, che oggi conta mezzo milione di professionisti registrati e ha permesso a Zappacosta di essere rinominato negli Usa il «Jeff Bezos delle partite Iva».

Altri casi di conflitto di interessi di Google

Eppure non è la prima volta che gli investimenti di Google creano dei conflitti di interesse all’azienda. Un po’ è anche scontato che succeda, alla fine si tratta di una delle aziende più grandi al mondo, attiva in settori diversissimi e tutti legati al mondo di internet. Ad ogni modo a febbraio, come ha scritto Bloomberg, Google aveva deciso di lanciare un competitor di Uber poco prima del lancio della sua auto che si guida da sola (il prototipo è stato svelato a dicembre 2014). Tramite Google Venture aveva investito 258 milioni ad agosto 2013 nel servizio di ride-sharing.

Ti potrebbe interessare anche

200 milioni per le startup! Axa lancia un fondo di investimento

AXA ha annunciato il lancio di AXA Strategic Ventures, fondo da 200 milioni di euro per startup nel campo delle assicurazioni, fintech e sanità

5 milioni per Musement! Il 2015 ancora nel segno di food e del turismo digitale

La startup del turismo annuncia la raccolta di 5 milioni di euro nel suo secondo round di investimento. Su #VeryBello aveva detto: «Pronti a condividere con il ministero la nostra tecnologia, anche gratis»

Come farsi acquistare da Amazon: la storia di GoPago

“Take good care Amazon” La raccomandazione che fa Vincenzo Di Nicola al colosso che ha acquisito la sua startup, GoPago

Digital Magics apre Los Angeles alle startup italiane

L’incubatore di startup innovative e scaleup digitali stringe una partnership con l’Associazione di venture capitalist di Los Angeles e con l’Italian Trade Agency

Piccole, numerose e specializzate nel gaming: il ritratto delle scaleup finlandesi

Secondo il rapporto di Mind The Bridge e Startup Europe Partnership il 18% delle realtà imprenditoriali del Paese nordico è attivo nei videogiochi. Notevole anche l’interesse estero sulla tecnologia prodotta, con 48 acquisizioni negli ultimi 6 anni

Con Alfonsino ordini il cibo sulla chat di Facebook

La startup di Caserta ha sviluppato una piattaforma che ha l’obiettivo di raccogliere ordini per i prodotti dai migliori ristoranti cittadini. Grazie solo a due chiacchiere su Facebook Messenger