Imparare a scommettere è possibile, così una startup ha creato un fantacalcio del rischio

NextWin è una startup che ha sviluppato una piattaforma per unire i giocatori con la passione per le scommesse. È il fantacalcio dei pronostici dove s’impara a giocare – e si vince – senza perdere un euro

Creare il fantacalcio delle scommesse. Questo è quello che avevano in mente Luca Sicari, Alessandro Salvati, Enrico Giancaterina, tutti under 30, quando hanno iniziato a lavorare al progetto NextWin, startup selezionata per partecipare al sesto programma di accelerazione di LUISS ENLABS. Un primo step che ha permesso ai founder di ricevere un iniziale investimento, pari a 60mila euro, dall’operatore di venture capital LVenture Group. Oggi, con l’allargamento del team, ne fanno parte Domenico Gravagno (CTO) e Gianmarco Lanese (Advisor), è stata sviluppata una piattaforma innovativa, ancora per poco in versione Beta, dove è possibile fare pronostici sulle principali competizioni calcistiche e divertirsi, sfidare gli utenti della community per far crescere il bottino virtuale o provare a guadagnare sul serio spostandosi su uno dei siti di betting convenzionati.

11070325_10206265479945906_257295043_o

Come funziona NextWin

Alla base di NextWin, nata a fine 2014, c’è la passione per lo sport e per il mondo delle scommesse sportive. La piattaforma, dal forte risvolto social, permette di compilare schedine, seguire gli altri utenti, interagire con loro, “copiare” i pronostici dei giocatori più bravi, e avere a disposizione statistiche sempre aggiornate sull’andamento delle proprie giocate e di quelle degli altri player: uno strumento utile per realizzare al meglio la propria giocata e aumentare considerevolmente le probabilità di vittoria. Una sorta di allenamento continuo che permette di non perdere soldi e capire se effettivamente si ha il talento per giocare realmente in siti dedicati.

Nextwin, inoltre, permette agli utenti di comparare le quote dei vari eventi sportivi offerte dai più grandi bookmaker on-line disponibili in Italia e di seguire i risultati in diretta attraverso la sezione Live Score: «Puntiamo tutto sul fattore divertimento  e sulla community» dice Alessandro «Crediamo che la natura gratuita e social della nostra idea sia la chiave per riunire appassionati e giocatori che vogliono testare le proprie capacità senza per forza rimetterci». Giocare su Nextwin non richiede alcun investimento in denaro: l’utente ha a disposizione una moneta virtuale (Nextcoin) con cui scommettere gratis, sfidando gli altri utenti e magari i propri amici, per scalare posizioni in classifica in una sorta di fantacalcio basato sul profitto guadagnato: «Sul sito è possibile seguire gli utenti più bravi e competenti, imparare da loro e dal sistema che utilizzano». Per gli iscritti, infatti, esiste la possibilità di mettere “like” sui pronostici ritenuti più validi, congratularsi per la vittoria e inserire commenti su giocate e puntate.

unnamed-15-1

In pochi mesi i numeri registrati sono già considerevoli: 23.000 schedine giocate in pochi mesi. «E ora vorremmo allargare l’offerta e permettere ai nostri utenti di poter pronosticare anche su altri sport, oltre che il calcio». Per ora è stata rilasciata un’app disponibile per Google Play ma, a breve, sarà disponibile anche quella all’interno dell’Apple store.

I premi

Giocare senza nessuna posta in palio potrebbe alla lunga stancare il semplice giocatore. Questa è la critica che i ragazzi ricevono più spesso. Togliere, cioè, quel brivido di trasgressione e incertezza su cui si basano le piattaforme di scommesse. Ma Nextwin ha pensato anche a questo, facendo ancora riferimento al modello del fantacalcio: «Abbiamo l’obiettivo di sviluppare competizioni e generare classifiche per conquistare premi specifici». Dare la possibilità di conquistare traguardi facendo affidamento unicamente sulle proprie capacità di scommettitori.

Una scelta che non tradisce la natura della piattaforma ma che consente di gratificare tutti quegli utenti che preferiscono giocare per divertimento, senza trasformare il gioco in una patologia: «Stiamo studiando quali possono essere questi premi. Saranno competizioni ad hoc che terranno conto dei desideri degli utenti, dando loro la possibilità di vincere premi esclusivi senza dover scommettere un euro».

11064961_10206265582108460_84022762_o

Confrontare le piattaforme di scommesse

La community, sviluppatasi anche grazie a facebook, non esclude però la possibilità di crescere e abbandonare lo status di giocatore amatoriale: «Su Nextwin lo scommettitore non solo trova spunti e suggerimenti attraverso le statistiche e il confronto diretto con gli altri giocatori, ma può anche, compilando la schedina sul sito, massimizzare il proprio profitto potenziale, sfruttando l’esclusivo comparatore quote». Si tratta di un sistema che permette di capire quale tra i bookmaker affiliati, per ogni singolo pronostico, offre la quota più alta. Con un solo click si può dunque scommettere direttamente sul proprio conto Betclic, Gazzabet, Paddypower, SportYes, Unibet e William Hill.

Sono tre, dunque, gli elementi che rendono questa startup realmente innovativa in un settore che ha già un successo notevole e un pubblico ampio: poter far parte di una community per condividere una passione e divertirsi; slegare il gioco dalla componente monetaria che spesso è motivo di rovina o dispersione; far prendere coscienza al singolo utente delle proprie capacità senza per forza svuotare le tasche: «Il giocatore medio tende a ricordare solo le vittorie. Sulla nostra piattaforma può invece vedere tutto lo storico delle giocate, con dettagliate statistiche per migliorare o capire quanto avrebbe perso se avesse giocato realmente dei soldi».

#Hellone e altri 6 meme post Brexit che impazzano sui social

A qualche ora dal risultato definitivo del referendum sull’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, gli utenti di Facebook e Twitter commentano a modo loro quanto accaduto. E c’è anche spazio per qualche risata

Brain.fm, la startup che ha creato il deejay perfetto per il cervello

Una startup crea suoni che stimolano le onde cerebrali. L’idea è di due programmatori americani, Adam Hewett e Junaid Kalmadi, che per creare la tecnologia si sono affidati a luminari della scienza ed a un robot.