Una startup ha trovato il modo per allenarsi al meglio (e ha fatto innamorare Technogym)

Da una startup di Cesena il nuovo alleato per tenersi in forma in modo smart, powered by Technogym

(Comunicato stampa) FitStadium è un’app per allenarsi in modo smart, massimizzando i risultati e senza sprecare un gesto. Come un personal trainer, sa suggerire l’allenamento giusto alla persona giusta. L’app infatti è in grado di formulare un piano di allenamento completamente personalizzato, basato sulle esigenze dell’utente e in grado di evolvere un workout dopo l’altro.

In questo modo si risparmiano tempo ed energie con la certezza di lavorare sui risultati. Gli esercizi non richiedono attrezzi, così è possibile allenarsi ovunque, anche in soli 15 minuti.
Mockup Trio - app5.0_it

Come funziona l’app

FitStadium è adatta a tutti, dal principiante a chi esige workout più impegnativi, dalla neomamma che desidera perdere peso all’atleta in cerca di un allenamento complementare. Fin dal primo utilizzo l’app memorizza le preferenze dell’utente e imposta il piano di allenamento più adatto. Ma non è tutto: i feedback ricevuti durante ogni workout permettono all’app di continuare a calibrare l’allenamento, modificandolo quando necessario per massimizzarne l’efficacia.

In questo modo, FitStadium riesce a suggerire sempre l’esercizio giusto al momento giustoPer esempio: se l’allenamento comprende i piegamenti sulle braccia e l’utente segnala che l’esercizio è troppo difficile, l’app lo sostituirà con un esercizio più leggero; per esempio, i piegamenti in appoggio su tavolo. Viceversa, se un esercizio viene indicato come troppo facile ne verrà proposto uno più impegnativo.

Gli esercizi spaziano su diversi livelli di difficoltà e sono tutti a corpo libero. Dato che non servono attrezzi, ci si può allenare sia in palestra che a casa o all’aperto, ed è possibileimpostare la durata del proprio allenamento a seconda del tempo che si ha a disposizione (da soli 15 minuti a tre quarti d’ora).
Ogni esercizio è illustrato da video tutorial realizzati ad hoc e riporta di volta in volta le istruzioni per l’esecuzione. L’app è disponibile sia per iPhone che per smartphone Android.

Storia di FitStadium

Il team di FitStadium è nato a Cesena nel 2012. Tutto è cominciato dalla passione per il fitness di Denis Brighi, Luca Domeniconi e Milos Jankovic, tutti under 30 freschi di studi informatici.

Inizialmente, il loro obiettivo è offrire a tutti gli appassionati di fitness un punto di ritrovo in rete: così a settembre 2012 nasce il social network FitStadium.com. Nel 2013 si aggiudicano il bando Spinner come progetto di idee imprenditoriali innovative ad alto contenuto di conoscenza e sono fra le prime startup ospitate dall’incubatore d’impresaCesenalab.
Poi, a ottobre 2013 arriva l’interessamento di Technogym, the Wellness Company, che permette al progetto di decollare.

A partire dall’inizio del 2014 il focus della neonata startup si sposta sullo sviluppo di un’applicazione per l’allenamento che coinvolga anche chi non si è mai dedicato al fitness. Entrano in squadra lo sviluppatore Matteo Casadei, il graphic designer Davide Santoli eFrancesca Galli alla comunicazione; e dopo mesi di intenso lavoro l’app è pronta a essere lanciata.

L’obiettivo di FitStadium è aiutare le persone a raggiungere la forma che desiderano, partendo dal presupposto che la forma ideale non corrisponda a un modello unico ma cambi da individuo a individuo. Ciascuno si allena per motivi diversi, parte da situazioni diverse e cerca nell’allenamento cose diverse. E dovrebbe poter seguire un allenamento diverso.

L’app FitStadium è il primo passo in questa direzione; un metodo di allenamento che tutti possono seguire, anche con poche risorse a disposizione, ripartendo dall’essenziale: il proprio corpo.

India Jackson, la ragazza che grazie al crowdfunding andrà alla Nasa a studiare i pianeti

La 32 enne laureata in Fisica (e madre single), vince uno stage alla Nasa, ma non avrebbe potuto sostenere le spese di viaggio e soggiorno. Grazie al popolo del web potrà realizzare il suo sogno: studiare la luminescenza dei pianeti

Goin, l’app dedicata ai millennials per gestire le spese e risparmiare soldi

Facilitare l’accumulo di denaro con funzioni ad hoc e opportunità di investire le cifre messe da parte sono i punti forti dell’applicazione che in Spagna è diventata presto popolare tra i giovani

Penso Parlo Posto, il libro che allena a una comunicazione non ostile

Il nuovo libro di Federico Taddia e Carlotta Cubeddu raccontato dagli autori. “Le parole sono tutto: le parole definiscono chi siamo, le parole ci raccontano agli altri, con le parole possiamo arrivare al centro di noi stessi, con le parole impariamo a pensare. Ma non siamo più abituati a usarle”

Formaggi vegani: dal tofu al fermentino di Daniela Cicioni

Per legge non possono essere chiamati formaggi se non hanno del latte di origine animale, ma quelli vegani sono ormai prodotti così raffinati da poter competere ad armi pari, muffe comprese. Ci spiega perché Daniela Cicioni

Torino, siglato l’accordo per un hub internazionale dell’innovazione alle OGR

Stimolare la ricerca ma anche attrarre startup e investimenti in fondi tech: questi gli obiettivi dell’accordo siglato da Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Intesa Sanpaolo Innovation Center.