#HowToStartaStartup 18 | Tutto sugli aspetti legali e amministrativi

Diciottesima lezione di How to start a Startup: cosa c’è da sapere sugli aspetti legali legati alle startup, spiegato dagli startupper stessi durante i corsi di Stanford

HOWTOSTARTUP18

Siamo verso la fine del corso “How to start a startup” e le lezioni iniziano a diventare molto più pratiche. La diciottesima è probabilmente una delle meno stimolanti per contenuto e per speaker ma forse una delle più utili dal punto di vista pratico. Il tema della lezione è stato, infatti, gli aspetti legali ed amministrativi di una startup e, per la prima volta, non ci sono stati famosi VC o Startupper a tenere il talk.

Come sempre potete vedere il video integrale della lezione, completo di sottotitoli, qui sotto: Per questa lezione sono disponibili online sia il transcript completo dell’intervento che le slide utilizzate. Le letture consigliate prima di guardare il video sono due:

Inoltre, sono stati suggeriti anche alcuni tool online per gestire in maniera semplice ed economica gli aspetti legali e amministrativi di una startup

L’intervento è grossomodo diviso in due grandi momenti: una prima parte con aspetti legati agli investimenti (gestione equity, fundraising, contratti con investitori, ecc); una seconda parte legata ai dipendenti (assunzioni, licenziamenti, contratti con i dipendenti, ecc).

Nonostante molte informazioni fornite durante la lezione siano esplicite per gli Stati Uniti ritengo sia comunque utile dare un’occhiata all’intero video. Sia se avete interessi ad aprire un’azienda su territorio americano, sia se semplicemente volete capire come funzionano certi meccanismi oltreoceano. La prima parte (quella riguardante gli investitori) è invece utile anche a chi ha una startup fuori dagli Stati Uniti. Vengono discussi tempi come la valutazione di una startup, la diluizione delle quote con l’ingresso degli investitori, la gestione di un consiglio di amministrazione, ecc.

Insomma, tutta una serie di aspetti sicuramente poco emozionanti ma necessari per chi decide di intraprendere questo percorso!

Ti potrebbe interessare anche

Dall’università di Stanford un corso per lanciare una startup (gratis)

Durante il corso “How to Start a Startup”, esperti di tutto il mondo spiegheranno come avviare una startup gratis. Ecco la prima lezione

#HowToStartaStartup 5 | Come crearsi un monopolio di clienti

Stategie di business e teoria del monopolio: l’importanza di essere monopolisti anche per chi fa startup, e come diventarlo

#HowToStartAStartup 16 | Non parlare con gli utenti può far fallire un’idea

Il titolo di questa lezione su come avviare una startup, decisamente atipica, è “How to run a user interview” ovvero “come intervistare un utente”.

#HowToStartaStartup 8 | Con i giornalisti parlateci voi (e come attrarne l’attenzione)

Ottava lezione del corso dell’Università di Stanford: oggi si parla di stampa e come gestire le pubbliche relazioni per una startup

Facebook, dal 25 maggio per gli under 15 cambia tutto

Allo stato attuale per iscriversi a Facebook bisognerebbe avere 13 anni ma già a dieci anni molti bambini accedono al social dichiarandosi più grandi. Nessun accorgimento sembra essere davvero utile

Facebook fa i conti con Cambridge Analytica e la trimestrale: utili in crescita

Altro che scandali e pessimismo. Il social fa sempre più iscritti, anche se ammette potrebbe fare qualcosa di più per migliorare l’esperienza utente. A crescere soprattutto la pubblicità che nel primo trimestre ha raggiunto gli 11,8 miliardi

La dieta più semplice del mondo si fa con quattro pugni di cibo nel piatto

La dietologa olandese Suzy Wegel ha provato su se stessa un regime alimentare che consiste nel mangiare sempre piatti equilibrati con una porzione di carboidrati, una di proteine, due di verdure e un cucchiaio di grasso. I risultati non tarderanno ad arrivare

5 call per Get It! Intervista a Rinaldo Canzi sul tema terzo settore

L’advisor di Fondazione Social Venture Giordano Dell’Amore a StartupItalia!: “Nel nostro Paese ancora troppe poche esperienze nel terzo settore ma adesso qualcosa inizia finalmente a muoversi”