La ragusana MakeMeApp rappresenterà l’Italia a Tel Aviv per l’Innovation Week

MakeMeApp, la startup ragusana creatrice di Glifus, l’app per il mobile commerce B2B, è tra le startup italiane all’Innovation Week di Tel Aviv

MakeMeApp, la startup ragusana creatrice di Glifus, l’app per il mobile commerce B2B, è tra le startup selezionate per il padiglione Italia alla TAU Innovation Week di Tel Aviv, l’evento internazionale creato dallo StarTAU ( centro per l’imprenditorialità dell’università di Tel Aviv) e dal RAMOT (Centro per il trasferimento tecnologico).

Siamo felici di portare all’estero l’Italia che non si arrende, innova, e prova a ridefinire il nuovo Made in Italy.” – dichiara Roberto Chibbaro, 39 anni, fondatore di MakeMeApp– “Ancor di più in un paese come Israele che ha fatto della tecnologia una bandiera, diventando uno dei poli di riferimento mondiale per le startup. L’innovazione tecnologica può davvero cambiare le sorti di una nazione: se pensate a cosa ha realizzato il paese che ci ospiterà, con appena sette milioni di abitanti, c’è da chiedersi fin dove può arrivare l’Italia che questi valori li ha nel suo DNA da sempre.

Giunta alla sua terza edizione, la TAU Innovation Week di Tel Aviv ha visto crescere l’interesse internazionale per le opportunità di networking e incontro tra innovatori e investitori provenienti da tutto il mondo.

 safe_image

All’interno di questa vetrina, Glifus ( www.glifus.it ) mostrerà a potenziali clienti, partner e investitori la forza del mobile commerce B2B, e come una tecnologia 100% Made in Italy possa accelerare le attività di qualsiasi azienda, diventando oggi supporto imprescindibile per qualsiasi business. Grazie a Glifus infatti le aziende possono avere un controllo completo e in tempo reale sulla rete vendita, semplificando il lavoro degli agenti sul campo e integrando gestione e controllo con gli strumenti informatici eventualmente presenti in azienda.

Ti potrebbe interessare anche

I 20 round di investimento che hanno fatto volare l’Europa nel 2014

Manca l’Italia, ma in Europa per la prima volta ci si è avvicinati agli Usa: benissimo Germania e Uk che da sole hanno la metà dei round da più di 50 milioni

Tel Aviv Bootcamp: le migliori 20 startup da 20 paesi del mondo

Tempo fino al 30 giugno per mandare la candidatura e volare verso l’ecosistema eccellente israeliano. Sono ammesse startup dei settori ICT, web, mobile e security

Tutti i numeri (e i segreti) del successo delle startup israeliane

99 exit. 19 IPO. Più di 15 miliardi di dollari in investimenti. Un anno incredibile per l’ecosistema israeliano (che adesso fa gola alla Cina)

Tutti i numeri dell’ecosistema startup berlinese (quasi la metà fattura fino 250mila euro)

REBLOGGED FROM ITALIAN ANGELS FOR GROWTH Un report di McKinsey dell’ottobre 2013 ha individuato in Berlino uno dei possibili hub europei per le startup, con la creazione di 100 mila nuovi posti di lavoro entro il 2020. Dopo aver analizzato le particolarità dell’ecosistema di St. Louis, in questo articolo vogliamo approfondire i motivi del successo della capitale tedesca, analizzando… Read more »

Che cos’è il PropTech e perchè cambierà il settore immobiliare

Tra il 2011 e il 2017, le società di venture capital hanno investito 9 miliardi di dollari in società PropTech. Queste nuove società, insieme alle istituzioni finanziarie all’avanguardia, apporteranno un cambiamento positivo nell’esperienza del cliente nel settore immobiliare.

Huawei P30 Pro, la nostra anteprima da Parigi

Presentata la nuova ammiraglia dell’azienda cinese. Con una fotocamera innovativa, capace di scattare foto anche nel buio assoluto. E una lente a periscopio per un super-zoom

Omnidermal Biomedics vince il Premio Leonardo Startup 2018

Il Comitato Leonardo, in collaborazione con il MISE e l’Agenzia ICE, ha assegnato il riconoscimento alla startup nata come frutto della ricerca del Politecnico di Torino. Omnidermal ha sviluppato il “Wound Viewer”, dispositivo medico capace di acquisire e processare le immagini di ulcere cutanee grazie alla Intelligenza Artificiale.