Gli effetti del terremoto in Nepal visti con l’occhio dei droni

Come i droni hanno seguito le operazioni di soccorso e visto i danni del terremoto in Nepal

Quello che è avvenuto e sta avvenendo in Nepal è una vera catastrofe. Uno dei terremoti più terribili degli ultimi decenni ha colpito una regione vasta dell’Asia, causando danni anche in paesi come l’India, il Bangladesh e la Cina. E le notizie che continuano ad arrivare amplificano le dimensioni della tragedia: il tassametro continua a correre aggiornando il numero delle vittime, interi paesi sono stati spazzati via e una capitale, Kahtmandu è letteralmente in ginocchio. Anche molte delle bellezze naturali e artistiche non sono rimaste immuni dallo sciame di scosse che ha cambiato per sempre il volto della regione. Una delle più suggestive del mondo.

In questo tipo di tragedie è giusto muoversi con la massima rapidità. Sia per prestare soccorso a chi è rimasto intrappolato o ha perso tutto e sia per identificare zone a rischio, quantificare i danni, costruire una mappa, geografica e demografica, che costantemente aggiorni sulla situazione reale delle zone colpite. Ed è qui che entrano in gioco le innovazioni e la tecnologia. Vi abbiamo raccontato (qui) di come i telefonini possono avere un ruolo decisivo. Ma un fondamentale apporto possono portarlo anche i droni. Muovendosi nei cieli nepalesi con grande libertà hanno la possibilità di fotografare, riprendere e fornire una serie di elementi e informazioni per prendere scelte che possano risultare decisive per un intero popolo.

4 esempi di droni in volo sopra il Nepal

Ci sono droni che stanno monitorando e quantificando l’estensione dei danni provocati dal terremoto:


Alcuni si concentrano sui danni provocati e sulle macerie restanti:

Alcuni, oltre alle devastazioni, testimoniano anche l’emergenza abitativa di chi non ha più un posto dove stare:

Sono numerose, infatti, le tendopoli che sono sorte per accogliere i più bisognosi:

Questi sono esempi di quello che oggi questi velivoli possono fare per aiutare l’uomo a rialzarsi dopo una tragedia di queste dimensioni ed entità. Ne potete trovare tantissimi su youtube o su altre piattaforme di condivisione. E tutto ciò può riequilibrare le discussioni, molto presenti nei giorni appena trascorsi, in cui i droni sono stati oggetto di giuste polemiche per l’ipotesi di utilizzo nel respingimento e abbattimento dei barconi nel mediterraneo. Per questo è così importante, oggi, sottolineare anche l’utilità che essi possono avere in situazioni delicate e tremende come questa.

Ti potrebbe interessare anche

E’ StartupItalia! il maggiore influencer in rete sulle startup (infografica)

Talent Garden e IBM Italia hanno realizzato uno studio sui maggiori influencer in rete sul mondo delle startup e sugli eventi dell’innovazione più seguiti su Twitter. StartupItalia! è tra le testate più seguite sui social

Gli 8 segreti che hanno fatto grande Amazon (spiegati a Torino dal braccio destro di Bezos)

Diego Piacentini, vice presidente di Amazon, spiega in una lezione alla Scuola Holden i motivi che hanno fatto grande l’azienda di Jeff Bezos.

In Svizzera hanno creato un drone indistruttibile (e ha vinto un milione)

Sviluppato dal team svizzero Flyability, il drone “ingabbiato” ha vinto un milione di dollari grazie a “Good Award”, una competizione organizzata a Dubai per premiare i droni con un significante impatto sociale.

Le 10 regioni italiane dove smartphone e tablet la fanno da padroni

Ecco la classifica di vente-privee, sito leader delle vendite-evento online sullo shopping in mobilità. Al primo posto il Lazio

Dopo Esselunga anche Coop sceglie Satispay

L’accordo di integrazione interesserà inizialmente tutti i punti vendita di Coop Lombardia. Nei prossimi giorni il servizio sarà reso disponibile anche in Liguria. Previsto uno sconto del per chi sceglie questo metodo di pagamento

A colloquio con gli insegnanti via Skype, l’idea di un Liceo Classico di Cosenza

Il dirigente scolastico Antonio Iaconianni spiega a StartupItalia! i dettagli di questa iniziativa che punta a modernizzare il liceo classico Telesio. E semplificare il rapporto tra famiglie e scuola sfruttando la tecnologia