Accordo tra Banzi e Microsoft, Windows 10 apre le porte ad Arduino

L’annuncio di Massimo Banzi: Arduino e Windows insieme. L’accordo siglato ieri a San Francisco tra il colosso americano e la scheda italiana.

Boom! Così Massimo Banzi, uno dei co-fondatori di Arduino, ha annunciato su twitter la nuova collaborazione con Microsoft.

«È questo è solo l’inizio». Una svolta vera. Per un’intera community, quella dei makers. Una parternship, tra giganti, che rilancia l’azienda italiana dopo le amare vicende degli ultimi mesi. L’annuncio arriva da San Francisco, nel mezzo di uno degli eventi più importanti organizzati durante l’anno da Microsoft: Windows 10 è il primo sistema operativo “certificato Arduino” al mondo.

banzi_arduino

E non è una notizia da poco perché l’accordo semplificherà la vita di chi, ogni giorno, usa la scheda italiana più famosa. Come si legge sul blog di arduino: «Combinando le possibilità “hardware” offerte da Arduino e la possibilità “software” di Windows, ora sarà più facile per i makers creare oggetti intelligenti». Rapidità e velocità nel portare avanti e rendere operativi tutti quei progetti che stanno realmente cambiando la nostra contemporaneità, sempre più smart.

Ed è un accordo che non va a minare la natura “open” di Arduino: la comunità degli artigiani digitali, infatti, potrà usufruire concretamente di due piattaforme webWindows Remote Arduino e Windows Virtual Shield for Arduino. Due piattaforme che sono state rilasciate in maniera “open source”, perciò libere per chiunque voglia farne uso.

Windows Remote Arduino

È quel “boom” twittato da Massimo Banzi non è un’esagerazione. Attraverso Windows Remote Arduino, gli sviluppatori potranno avere accesso agli strumenti di Windows 10 come se fossero fisicamente connessi ad un Arduino. Così come potranno abilitare le funzioni della scheda direttamente dalle applicazioni universali windows.

Ma anche Microsoft potrà fare dei grandi passi avanti grazie al talento e alle capacità dei makers. Il gigante americano potrà allargare le modalità d’uso delle sue piattaforme windows sfruttando i comandi arduino, connessi con i device in modalità wireless.

windowsarduino

Da una parte ci sono dunque le grandi funzionalità offerte da Windows 10: dai programmi per lavorare sulle immagini ai riconoscimenti vocali; da quelli che analizzano i siti web a quelli che sviluppano nuove soluzioni per scattare foto (o registrare materiale audio) sempre più professionali; dall’altra le funzionalità garantite da Arduino e la sua capacità di connettere e rendere interattivo il mondo fisico che ci circonda. Due mondi che, una volta uniti, aprono la strada a scenari incredibili. Volete un esempio? Provate a curiosare in questa pagina. Ci sono alcuni progetti in grado di mostrare le potenzialità di un accordo che, siamo sicuri, farà storia.

4200 motivi per essere con noi a Milano il 17 Dicembre: #SIOS18

Perchè essere con noi il mese prossimo al Palazzo del Ghiaccio? I motivi sono tantissimi ma a pensarci bene e la vera ragione è fermarsi un attimo, un lunedì di Dicembre, di quelli in cui si fanno i bilanci, non solo economici, dell’anno che sta finendo e di quello nuovo che sta iniziando

Al via l’Erasmus per i giovani imprenditori europei

State pensando di avviare una vostra impresa o l’avete costituita da poco? Oppure siete imprenditori di successo alla ricerca di nuovi mercati e idee innovative? Il programma Erasmus per giovani imprenditori potrebbe fare al caso vostro

Viaggio nel mondo Pixel 3

Integrazione totale nell’universo Google. Dimensioni maxi, prezzo maxi. E una fotocamera posteriore rimarchevole. Com’è lo smartphone di Mountain View

Il forno intelligente Brava cuoce con la luce e adatta la temperatura ai cibi

Costa poco meno di mille dollari ed è stato lanciato per il momento solo sul mercato statunitense. Promette di restituire pietanze cotte in maniera uniforme con risparmio notevole di tempo ed energia

Diabete e fake news online: falsi due post su tre. La ricerca di Sanofi

Nella Giornata Mondiale del Diabete la società farmaceutica ha presentato uno studio che testimonia i rischi del web. Ma internet è anche il luogo dell’incontro e i social network possono motivare i pazienti