#HowToStartAStartup 20 | 6 consigli di Y-Combinator se la tua startup ha più di 24 mesi

Siamo arrivati all’ultima lezione del corso “How to start a startup” dell’Università di Stanford. Anche l’ultimo intervento è stato tenuto dal presidente di Y-Combinator, Sam Altman.

Siamo arrivati all’ultima lezione del corso “How to start a startup” dell’Università di Stanford. Così come era successo per la lezione introduttiva, anche l’ultimo intervento è stato tenuto dal presidente di Y-Combinator, Sam Altman. Si è trattato di un intervento di chiusura dove Sam ha dato alcuni consigli finali per startup later-stage.

Il video integrale è disponibile, come sempre, sottotitolato in inglese qui sotto:

Non sono state consigliate letture aggiuntive per quest’ultimo appuntamento. Sono disponibili online sia il transcript integrale della lezione che le slide proiettate da Sam Altman durante il suo talk.

Il titolo della lezione era “Later-stage advice” e, come accennavo all’inizio, si è trattato di un appuntamento insolito nel quale Sam non ha parlato di un singolo argomento ma, piuttosto, ha dato una carrellata di suggerimenti finali

In particolare, i suggerimenti erano rivolti a startup non più giovanissime ma con almeno 24 mesi di vita. Gli argomenti principali affrontati sono:

  • management della propria azienda quando i dipendenti iniziano a crescere (in particolare quando sono sopra la ventina);
  • HR e tutto ciò che riguarda gestione delle stock options, assunzioni e licenziamenti, premi ai dipendenti, ecc;
  • aspetti legali, amministrativi e finanziari (qui molti dei suggerimenti sono specifici per aziende americane);
  • psicologia dei founder (ci torno tra un po’);
  • marketing & PR e come farlo nel momento giusto e con l’approccio giusto, evitando di delegarlo all’esterno;
  • business development con alcuni suggerimenti rivolti a come stringere un accordo, anche con aziende più grandi.

Trattandosi di una moltitudine di argomenti e suggerimenti, Sam non è sceso molto nei dettagli, ma credo sia stata comunque utile e possa essere tenuta come memo. Una sorta di “indice” nel quale poter andare a pescare quando ce n’è bisogno.
gaito slide startup

Ho particolarmente apprezzato la parte centrale sulla psicologia dei founder. Un’immagine molto bella utilizzata nelle slide descrive, in maniera molto semplice, che più si va avanti e più l’attività psicologica di uno startupper si intensifica:

Ti potrebbe interessare anche

#HowToStartaStartup 9 | Come ottenere un investimento

Un panel domanda e risposta su come ottenere gli investimenti e convincere gli investitori della bontà della propria idea

#HowToStartaStartup 10 | Una cultura aziendale di successo

Panel tenuto da Alfred Lin (uno dei partner di Sequoia Capital) e Brian Chesky (founder e CEO di Airbnb)

#HowToStartaStartup 12 | Capire (bene) i business per aziende

La lezione, dal titolo “Building for the Enterprise”, verte sul Business-to-business: le relazioni che un’impresa ha con i propri fornitori

#HowToStartaStartup 8 | Con i giornalisti parlateci voi (e come attrarne l’attenzione)

Ottava lezione del corso dell’Università di Stanford: oggi si parla di stampa e come gestire le pubbliche relazioni per una startup

Fintech italiano 2019: l’anno da incorniciare tra round, exit e IPO

Una nuova barca di soldi nel fintech britannico, ma anche nel nostro Paese il 2019 per le startup della finanza tecnologica è iniziato con il migliore degli auspici. Ripercorriamo tutti gli eventi più importanti dell’anno in corso.

Un drago virtuale sorvola uno stadio in Corea del Sud grazie al 5G. Video

Lo scorso 23 marzo l’ologramma di un essere alato ha lasciato a bocca aperta il pubblico coreano con una performance di realtà aumentata resa possibile dalla connessione ad altissima velocità

Food trend, siete pronti per i cocktail alla carne?

Per chi non si accontenta di mangiarla, la bistecca finisce anche nel bicchiere. Ecco l’ultima tendenza della mixology nata sui tavoli americani e approdata nello storico ristorante monzese Bove Lover

Torino, siglato l’accordo per un hub internazionale dell’innovazione alle OGR

Stimolare la ricerca ma anche attrarre startup e investimenti in fondi tech: questi gli obiettivi dell’accordo siglato da Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Intesa Sanpaolo Innovation Center.