HermesHotels sceglie Musement per far conoscere ai propri clienti il territorio

Dopo il round da 5 milioni chiuso a febbraio, altra buona notizia per Musement che chiude una partnership commerciale con uno dei leader del settore alberghiero

Le due startup Almost There di HermesHotels e Musement, startup innovativa che opera nel turismo inserita da Startupitalia nella top 100 2015, si uniscono per offrire al settore della e-distribution alberghiera un progetto unico nel suo genere. L’Hotel diventa sempre di più ambasciatore della propria location.

Almost There è la prima dashboard interattiva di comunicazione cliente-hotel, il primo progetto al mondo che consente all’utente di visualizzare e prenotare in un unico ambiente i servizi turistici della struttura alberghiera e della destinazione che ha scelto.

Una soluzione tecnologicamente avanzata per fare upgrade e upselling, aumentando le ancillary revenue. Un ambiente sicuro, facile da gestire e da utilizzare, sia per l’hotel che per il cliente.

Grazie alla partnership con Musement, Almost There offre inoltre la possibilità di visualizzare le iniziative presenti nella destinazione durante il soggiorno (concerti, spettacoli teatrali, musei, tour, visite guidate, iniziative per il turista…), di filtrarle in base ai suoi interessi e di prenotare i biglietti.

founder-musement-2

“Un doppio vantaggio per la struttura alberghiera e per il territorio: non solo l’hotel potrà mostrare in modo chiaro al cliente tutti i servizi, ma sarà una pubblicità importante anche per il territorio che potrà commercializzare eventi e iniziative” afferma Roberto Santececca, direttore marketing di HermesHotels “Un vantaggio per tutti: l’hotel aumenterà le revenue, migliorerà l’esperienza e quindi la fidelizzazione del cliente; il territorio farà conoscere le varie attività organizzate; il cliente potrà usufruire di un servizio innovativo che gli permetterà di conoscere cosa lo aspetta all’arrivo e di prenotare in ogni momento.

Andrea Fornari, Co-Marketing & Partnerships Manager di Musement. “Crediamo molto nell’alberghiero come canale di vendita e di comunicazione dei nostri servizi ed in tal senso, la partnership con un partner tecnologico come HermesHotels, ci permette di ottimizzare le vicendevoli eccellenze tecnologiche e diventare un efficace partner per gli operatori del settore.”

HermesHotels da più di dieci anni è leader nella e-distribution alberghiera e nel revenue management. Primo Channel Manager Xml del mercato e primo sistema tutto italiano a gestire la distribuzione sui Gds è stato anche il primo Expedia Preferred Partner e Beta Test Company per Expedia. Tutte le soluzioni HermesHotels sono caratterizzate da affidabilità e sicurezza, velocità e semplicità di utilizzo.

Ti potrebbe interessare anche

5 milioni per Musement! Il 2015 ancora nel segno di food e del turismo digitale

La startup del turismo annuncia la raccolta di 5 milioni di euro nel suo secondo round di investimento. Su #VeryBello aveva detto: «Pronti a condividere con il ministero la nostra tecnologia, anche gratis»

Le 5 startup di turismo che nel 2015 vi aiuteranno in viaggio

Ciceroos, Musement,Travel Appeal, Viaggiart e Wanderio sono i 5 migliori progetti innovativi del settore nel 2014 secondo l’ebook pubblicato da Startupitalia. Qui il link per scaricarlo gratis

Dal sesso ai viaggi: le startup protagoniste di San Valentino

Dovete ancora comprare il regalo per la vostra dolce metà? Volete prenotare un viaggio fuori porta? Vi volete divertire sotto le coperte? Ecco le 9 startup italiane che vi aiuteranno a passare un San Valentino indimenticabile

Ecco i 12 investimenti in startup fatti a marzo (e in quali settori)

Si è chiuso un buon mese per il mondo delle startup. 12 investimenti, tra turismo, biotech, ecommerce e education. Ecco tutti i dettagli

Il senso del round di MoneyFarm con Allianz, secondo Paolo Galvani

A quasi un anno dal primo grande round da 16 milioni e all’indomani dell’annuncio di un altro round con il gruppo Allianz, abbiamo intervistato il presidente di MoneyFarm Paolo Galvani. Consigli alle startup fintech? «sfatiamo il mito delle banche che cercano startup, bisogna puntare tutto sul team per impressionare gli investitori».