#InnovActionLab: ecco le 3 vincitrici (e le altre 5 finaliste del 2015)

Dall’irrigazione intelligente alla protezione delle password. Sono 8 le startup selezionate per il Gran Finale di InnovAction Lab.

È stato il team di MEMiO ad aggiudicarsi la finalissima di Innovaction Lab.  MEMIO è un porta-pillole intelligente che eroga le compresse prescritte dal medico al momento in cui vanno assunte dal paziente. Tramite l’app il medico stesso o un tutore può pianificare la terapia e un dispositivo elettronico ricorderà al paziente, suonando e vibrando, che è il momento di assumere i farmaci prescritti. Il team è composto da Benedetto Buratti, Roberta Musarò, Manuel De Iuliis, Lorenzo Del Zozzo e Gabriele Sedda.

Al secondo posto si è piazzata Icedreams, una startup che ha inventato un gelato senza glutine, senza grassi aggiunti e con il più basso apporto calorico presente sul mercato.

Sul terzo gradino del podio è salita invece PassParYou, un sistema innovativo di gestione delle credenziali online che risolve il problema del furto di password grazie all’utilizzo delle proprietà di sicurezza del sistema alla base di Bitcoin.

Alla finalissima del 20 maggio le startup selezionate hanno presentato i propri progetti in inglese davanti a una giuria composta da imprenditori, business angel e investitori nazionali e internazionali fra cui Yossi Matias (Google Ventures), David Rose (GUST e Rose Tech Venture), Bill Coughran (Sequoia Capital), Talia Rafaeli (StageOne Ventures) e Uri Levin (founder di Waze e Feex).

i vincitori insieme ai fondatori di innovaction lab e agli sponsor

L’elenco delle finaliste di InnovAction Lab

1. Lympha, una centralina di irrigazione intelligente facilmente gestibile tramite un’app mobile o via web. Connettendosi al meteo satellitare ottimizza il programma di irrigazione, favorendo la salute delle piante e riducendo gli sprechi d’acqua.

2. Passparyou, un sistema innovativo di gestione delle credenziali online che risolve il problema del furto di password grazie all’utilizzo delle proprietà di sicurezza del sistema alla base di Bitcoin: la Blockchain.

3. Friendz, applicazione che permette alle persone di guadagnare postando le proprie foto sui social, se queste contengono un brand o un prodotto. Con Friendz le persone comuni partecipano a campagne pubblicitarie diventando veri e propri testimonial.

4.  IntendiMe, un prodotto che permette a chiunque abbia problemi di udito, di essere avvisato di tutti i rumori che fanno parte della propria quotidianità all’interno della casa, servendosi di una tecnologia capace di rilevare le vibrazioni che generano i suoni.

5. Shapeapp, una palestra virtuale, sempre accessibile e progettata per i bisogni degli utenti. E un’app mobile per l’home fitness che offre programmi e allenamenti singoli attraverso video di alta qualità, prodotti da trainer professionisti.

6. Icedreams, una startup che opera nel settore della food innovation, il cui obiettivo è quello di promuovere felicità e benessere attraverso la creazione di un gelato senza glutine, senza grassi aggiunti e con il più basso apporto calorico presente sul mercato;

7. Wallfarm, un innovativo orto verticale da appartamento facile da gestire e dal design elegante, che ti permette di cogliere e mangiare i suoi frutti a km0 e di dare colore e calore alla tua casa.

8. Memio, un portapillole intelligente che eroga la pillola giusta al momento giusto. Tramite la semplice app per il planning e il discreto wearable reminder, MEMiO garantirà sicurezza all’anziano e serenità al tutore.

Le iscrizioni al Gran Finale di InnovAction Lab, che come ogni anno rappresenta l’evento per startup early stage più grande d’Europa, sono aperte fino al 1 7 maggio 2015 alle ore 23.30. La partecipazione all’evento è gratuita. Per scoprire tutti i dettagli del programma e prendere il biglietto è sufficiente visitare la pagina della finale sul sito di InnovAction Lab.

L’evento è in programma il 20 maggio presso Fortezza da Basso a Firenze (Viale Filippo Strozzi, 1), all’interno della Entrepreneurship Track della X XIV International World Wide Web Conference, il più importante forum internazionale in cui si discutono i progressi nella ricerca e nello sviluppo degli standard e delle applicazioni per il web.

Anche quest’anno i team vincitori voleranno a New York City per lo Study Tour, un viaggio intenso nel cuore dell’ecosistema della cosiddetta Silicon Alley, la Silicon Valley dell’East Coast, e avranno l’opportunità di conoscere imprenditori, startup di successo, investitori privati, visitare imprese innovative come Google, coworking, università e istituzioni che favoriscono e supportano la nascita di nuove realtà di successo.

Un Commento a “#InnovActionLab: ecco le 3 vincitrici (e le altre 5 finaliste del 2015)”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chi c’è e di cosa si parla al Data Driven Innovation a Roma

24 e 25 febbraio il Dipartimento di Ingegneria dell’Università Roma Tre ospita la seconda edizione dell’appuntamento dedicato alla data driven innovation. Fra gli speaker Raffaele Lillo (Italian Digital Transformation Team) che interviene sul tema Digital Transformation of the Italian Government

«Più sei popolare su Facebook più ti facciamo risparmiare su quello che compri»

Il potere degli influencer applicato all’eCommerce: fare un post su Facebook dicendo cosa compri può valere dai 5 ai 10 euro. E’ l’algoritmo della startup italiana Worldz. Dopo il round da 150K abbiamo intervistato il founder e Ceo, Joshua Priore

Disney ha acquisito MakieLab, la startup della prima bambola stampata in 3D

MakieLab dal 2012 produce giocattoli con la fabbricazione digitale. La famosa casa di intrattenimento per bambini l’aveva già accolta nel suo programma di accelerazione nel 2015 e ora ne assorbirà tecnologia e piattaforma

Perché per un mese, ogni martedì, siamo usciti dalla nostra redazione (e non finisce qui)

Siamo bravi con le parole, ma ci piace di più fare: così è nato un format di networking “leggero” e anche un po’ “carbonaro”. Le quattro colazioni The Next Tech a Milano con le startup sono state utili? Chiedete pure feedback a chi c’era