L’ascesa di GiPS Tech, un gioco diventato tra le 100 startup più influenti d’Europa

Nata per gioco tra due amici è cresciuta tanto e adesso GiPS Tech è tra le startup più promettenti secondo Red Harring. La storia del suo successo

Un’ anomalia, un problema, un punto irrisolto che diventa la svolta della propria vita, un’opportunità. Questa è la storia di GiPS Tech, la startup calabrese (i founder provengono dall’Università della Calabria, a Cosenza) che si occupa di geolocalizzazione indoor colmando le lacune di wi-fi, beacon e IoT integrandoli in un sistema che punta sul geomagnetismo terrestre e che sta convincendo investitori (come ad esempio i business angel di IAG) e importanti premi a puntare su di loro.

Una startup nata per gioco

È Gaetano D’Aquila, uno dei fondatori insieme a Giuseppe Cutrì, a raccontare la storia di un gruppo di amici prima che di ricercatori: “Giocavamo insieme e stavamo lavorando a un dispositivo che serve a misurare l’assetto degli oggetti, tipo quelli degli aerei e dei droni: questo sistema, però, al coperto non funzionava. Il problema era nel sensore magnetico: cavi, termosifoni, insomma il ferro presente negli edifici chiusi sfasava il segnale. Non sapevamo che pesci prendere, finché abbiamo avuto l’illuminazione: e se utilizzassimo questa anomalia a nostro vantaggio?”. Nasce così la startup GiPS Tech: utilizzare l’anomalia per localizzare persone, cose o oggetti al chiuso di padiglioni, magazzini, fiere espositive e tanto altro ancora. “Il concetto di base è semplice: noi sappiamo che in quella posizione il geomagnetismo ha un valore: dunque, non resta altro che associare a quel valore una persona, uno stand, un negozio o un ufficio per localizzarlo”.

gipstech-team

Il team di GiPS Tech

I primi passi di GiPS Tech

Capiscono che l’idea ha un valore e un posto nel mercato e costruiscono il primo prototipo: subito dopo averlo presentato, alla Start Cup Calabria 2013, vincono nello stesso anno il TechCrunch Italy e il Premio Marzotto attirando l’attenzione degli investitori e continuando a lavorare sul prototipo. “Il mondo del posizionamento indoor – continua Gaetano D’Aquila era in profondo mutamento: la nostra idea era ben apprezzata ma altri fattori stavano entrando in gioco, come l’ingresso dei beacon e la vorticosa crescita dell’Internet Of Things. Abbiamo dunque iniziato a lavorare per inserire anche wi-fi e beacon all’interno del nostro prodotto, completandolo e colmando le loro criticità: non solo questi sistemi hanno costi più alti, ma mancano di precisione. Il nostro sistema permette di chiudere “l’ultimo miglio”, per così dire, dare la precisione di pochi centimetri alla localizzazione”.

Questo lavoro certosino ha subito attirato l’attenzione degli investitori: a maggio del 2014 arriva un importante investimento da 200 mila euro da parte di Italian Angels For Growth e qualche mese dopo la vittoria del TalentLab di CalabriaInnova. “L’apporto di IAG – spiega Gaetano – è stato molto importante. Sono imprenditori con un network ed esperienze diversificate, riescono a darti suggerimenti e punti di vista su ogni settore, dalla sanità alla logistica, campi sui quali stiamo lavorando per affinare il nostro prodotto”. L’app, attualmente, è in beta ed è arrivata all’ultima fase di sviluppo prima di essere lanciata sul mercato.

app_vector

Tra le 100 più influenti del 2015

Il futuro di GiPS Tech, però, sarà lontano dall’Italia: nei mesi scorsi sono stati inseriti, unici italiani, nelle 100 startup più influenti dell’anno da Red Harring (lo scorso anno c’era Musement, che ha chiuso un round di investimento da 5 milioni nel 2015) e adesso stanno lavorando allo sviluppo finale. Dopo la vittoria nella fase uno della call di Horizon2020 e il conseguente grant da 50 mila euro, li aspetta un’estate di test e poi un volo transoceanico. “Attualmente – spiega Gaetano – stiamo lavorando con una serie di partner internazionali per testare il nostro prodotto e renderlo sempre più preciso. In molti vogliono integrare la nostra tecnologia, in particolare sugli smartphone, e per implementarla stiamo lavorando ad un secondo round di finanziamento, che divideremo probabilmente in due parti: la prima, in Italia, ci servirà per spostarci nella Silicon Valley e chiudere un round più importante. Negli States la geolocalizzazione è molto più avanti rispetto a noi, in Italia c’è un forte ritardo tecnologico su questi temi e abbiamo necessità di lavorare a fondo sulle nostre linee di sviluppo, puntando forte su sicurezza del lavoro, ospedali e grandi centri di distribuzione”.

di Francesco Rende – Twitter @Gioffo

Ti potrebbe interessare anche

3 giganti europei annunciano una partnership per investire startup dell’Internet of Things

Al Mobile World Congress, Intel, Deutsche Telekom e Cisco hanno annunciato Challenge Up!, un programma di accelerazione congiunto per l’Internet delle cose (internet of things) destinato a startup

5 stelle del gaming italiano (tra loro i creatori di Fruit Ninja)

Badseed, Beintoo, Gamepix, Interactiveproject e Mangatar fra i migliori progetti innovativi del settore del 2014 secondo l’ebook pubblicato da Startupitalia. Qui il link per scaricarlo gratis

Come ottenere i finanziamenti del bando Smart&Start in 10 punti

Guida completa al bando nazionale per il finanziamento di startup innovative. A disposizione fino a 1,5 milioni per azienda

Corni di rinoceronti (veri) stampati in 3D, l’idea di una startup per salvarli

Si chiama Pembient la startup californiana che usa la stampa 3D per salvare alcune specie di animali in via di estinzione. Corni e zanne, geneticamente uguali all’originale, invaderanno il mercato facendo concorrenza ai bracconieri

Aumento di capitale di 9 milioni per BeMyEye. FII Tech Growth ne mette più di 6

Si tratta del primo investimento del nuovo fondo FII Tech Growth. L’operazione prevede un investimento di 6,3 milioni di Euro, a fronte della sottoscrizione di una quota di minoranza, nell’ambito di un aumento di capitale per complessivi 9 milioni

Seedcamp lancia un nuovo fondo d’investimenti per startup da 46 milioni

Per festeggiare il decimo anniversario ecco un nuovo progetto che raccoglie 60 soggetti pronti a puntare sulle imprese innovative. Il nostro Paese si affida al fondo Italia Ventures I che ha da poco ricevuto 20 milioni di euro dalla BEI

Xtribe, la startup dell’ecommerce social e geolocalizzato

Le nuove tecnologie a vantaggio della piccola e media impresa. Si possono vendere, comprare, noleggiare e barattare prodotti e servizi con chi è realmente vicino e può anche essere incontrato di persona

AXA Italia inaugura una nuova sede a Roma e scommette sullo smart working

Il gruppo assicurativo dà la possibilità ai suoi dipendenti di lavorare da remoto due giorni alla settimana. La struttura si adatta alla nuova filosofia che cerca il benessere dei suoi lavoratori