9 startup su 10 nascono con mamma e papà: da una ricerca sull’Emilia una foto dell’Italia

Università di Bologna e Aster fotografano l’ecosistema emiliano che è un po’ lo specchio di quello che succede in Italia. I trend, chi cresce e come

In Italia 9 volte su 10 le startup nascono con i soldi di mamma, papà, nonni e zii. Ed è una notizia. Se la neo-impresa punta subito sull’internazionalizzazione cresce più in fretta e resiste più a lungo nel tempo, lo si sapeva già. Ad ogni modo è questa la fotografia scattata dalla ricerca dell’Università di Bologna e di Aster, il consorzio della Regione Emilia Romagna per l’innovazione e la ricerca industriale, presentata oggi sotto le Due Torri alla decima edizione di ‘R2B, Research to Business’, il salone internazionale della ricerca industriale e dell’innovazione.

Ricordando che «l’Emilia Romagna è la prima regione in Italia per numero di laureati in discipline tecnico scientifiche e per personale addetto a ricerca e sviluppo, e la seconda per numero assoluto e densità di startup», il direttore generale di Aster Paolo Bonaretti ha spiegato che «dal 2000, quando è partito il programma europeo Spinner il loro tasso di sopravvivenza è molto elevato (77%), sia rispetto alle imprese normali che a quelle innovative, e il fatturato è cresciuto mediamente del 35% in 4 anni».

La ricerca condotta dall’Università di Bologna e da Aster, su un centinaio di startup della regione, rileva che dalla fine del 2013 al 30 aprile scorso le imprese innovative iscritte nell’apposito registro nazionale sono più che raddoppiate: +123%, da 1719 a 3842.

incubatore  startup

L’Emilia Romagna rappresenta il 12,05% del totale nazionale dietro la più grande e popolata Lombardia. Quasi la metà di questa imprese ha un fatturato fino a 500mila euro e fino a un massimo di 9 addetti. Nell’88,6% dei casi le risorse finanziarie arrivano da parenti e amici, a cominciare da mamma, papà, nonni e zii. Banche e istituzioni finanziarie intervengono raramente (3%) per finanziarie a medio-lungo termine la nuova impresa.

Nel 2,6% delle volte si tratta di un debito bancario ordinario. La partecipazione di aziende industriali non va oltre il 4% così come i finanziamenti da Venture Capital si limitano ad appena lo 0,4% dei casi. Dall’analisi emerge che le province di Bologna (32,1% e settima provincia italiana) e Modena (27,1%) sono le più prolifiche per nascita di imprese innovative.

La forma giuridica prevalente (82,3%) è la società a responsabilita limitata (srl) come nel resto d’Italia. Il 72% degli startupper emiliano-romagnoli ha un titolo di studio elevato: dalla laurea di secondo livello o vecchio ordinamento al dottorato o master. La quota maggiore di persone impiegate (soci o dipendenti) è impiegata soprattutto nella commercializzazione e in seconda istanza alla ricerca e sviluppo di nuovi prodotti. Metà del fatturato è prodotto in Emilia Romagna, il 10% in Europa e resto del Mondo. «Analizzando il risultato di fatturato – ha concluso Bonaretti – si è visto che più alto tra coloro che dispongono di marchi, che hanno ricevuto un supporto per l’internazionalizzazione e per la formazione in fase di consolidamento, che hanno partecipato a concorsi a premi e hanno ricevuto un finanziamento». Per le startup dell’Emilia Romagna i finanziamenti regionali sono stati quelli più cospicui. I 2/3 delle imprese innovative osservate dall’indagine hanno chiesto finanziamenti europei, ma li ha ottenuti solo il 13%. L’80% ha fatto richiesta per quelli nazionali, ma soltanto il 5,7% li ha ottenuti. Il 47,1% ha presentato domande per quelli regionali e nel 35,7% dei casi li ha ricevuti. Il 67%, infine, ha chiesto risorse alle istituzioni locali, ma le hanno portate a casa solo il 25,7% delle volte. Quanto ai bisogni espressi dai neoimprenditori, le startup hanno bisogno soprattutto di consulenze specialistiche (62,5%), concorsi e premi per le imprese (57,5%), formazione (57,5%), informazione e orientamento (45%).

Verso un rene in provetta? L’overfunding del progetto di ricerca dell’Università Bicocca

Sulla piattaforma Produzioni dal Basso è stato raggiunto l’obiettivo di 5mila euro in una settimana. Le prospettive del crowdfunding per la ricerca in Italia. Non scordandosi mai della comunicazione

Uber Eats, ora puoi pagare anche con Apple Pay

La piattaforma di food delivery consentirà in venti mercati, fra cui l’Italia, di saldare la consegna direttamente col sistema della Mela. E fra le proposte arriva anche mercato Testaccio