Perché Salvo Mizzi è l’uomo giusto per guidare il fondo di Invitalia

Salvo MIzzi guiderà il fondo di Invitalia da 50 milioni pensato per far crescere 100 startup, ecco chi è e perché che sia lui a guidarlo è una buona notizia

Mizzi. Anzi, Mizzica! Ha fatto un bel colpo Domenico Arcuri affidando a Salvo Mizzi la gestione del nuovo fondo da 50 milioni di Invitalia. Salvo Mizzi gioca da sempre nel campo dell’innovazione. E’ stato uno startupper digitale già negli anni ‘90. Io l’ho conosciuto nel 2009, quando ero da poco direttore di Wired: dopo tre o quattro numeri, mi chiese un incontro, nella sede di Telecom dove lavorava; parlammo a lungo di come sarebbe stato bello e utile unire le forze per far crescere un movimento di innovatori nel paese e qualche settimana dopo a Milano tenevo a battesimo il suo Working Capital.

Salvo Mizzi, Tim Ventures

Working Capital, presto diventato solo WCap, è stato un antesignano: era un programma che metteva in palio dei “grant” da 20/25 mila euro per alcune decine di aspiranti startupper. Oggi di programmi così ce ne sono tanti, allora no. Eravamo soli. Con WCap per un paio di anni abbiamo girato il paese, università dopo università, spesso condividendo il palco con Gianluca Dettori e con l’indimenticabile Marco Zamperini; ogni volta raccontando ai ragazzi che ci ascoltavano le meravigliose opportunità del digitale. “Non cercate un lavoro, provate a crearne uno” era il nostro motto. Ci hanno creduto in tanti, visto dove siamo arrivati.

Gli anni di Working Capital e i garibaldini dell’innovazione

Wcap era partito come un progetto di comunicazione di Telecom Italia, ma con Salvo Mizzi ben presto è diventato molto di più: ed è stato spostato alle “operations”. E’ stato allora che è stata aperta una serie di acceleratori dove ospitare gli startupper prescelti che tuttora funzionano bene. Ma nel frattempo la comunicazione diventava azione politica: ricordo quando portammo Lawrence Lessig a parlare a Montecitorio, quando disse ai parlamentari che erano dei dinosauri; quando venne Joi Ito, che oggi guida il MediaLab del MIT, a spiegare i vantaggi di creative commons; quando con Michael Spence lanciammo l’idea della Banca dell’Innovazione. Formidabili quegli anni, a volte ci sentivamo come dei nuovi garibaldini e infatti nel 2011 lanciammo il progetto dei Nuovi Mille, chiedemmo alla startupper Linnea Passaler di prestarci il suo volto, e girammo l’Italia per dire che l’Italia poteva cambiare solo così, scommettendo sull’innovazione.

A che è servito? A tanto. Anche solo se penso ad alcune delle startup che sono passate da lì: Decysion, Pazienti, Eco4Cloud, Oil Project. Ma il vero bilancio di quegli anni non è numerico, è culturale. E’ il mare in cui nuotiamo oggi, dopo aver lasciato la palude della rassegnazione.

Non cercate un lavoro, provate a crearne uno!

Da un anno Salvo Mizzi aveva lasciato Wcap e aveva preso le redini di Tim Ventures, un piccolo fondo di Telecom, mettendo in fila nove operazioni in poco tempo. E adesso a sorpresa arriva la guida di Invitalia Ventures, ovvero di questo nuovo soggetto che si candida a diventare un abilitatore dell’intero sistema: per il fatto di dover investire assieme ad altri investitori privati, punta a far decollare con un milione di euro 100 startup. Non è la fine dei nostri problemi, ma è un deciso passo in avanti. Oggi infatti la partenza per uno startupper non è più un problema: grazie al lavoro fatto dal ministero dello sviluppo economico negli ultimi tre governi, le norme per fare impresa sono molto più semplici e vantaggiose; e i soldi per iniziare, i primi 20/25 mila euro si trovano facilmente. Come dimostrano i numeri del registro delle imprese, dove le startup innovative sono vicine al tetto delle quattromila. Ma questo successo nasconde una debolezza: è come se avessimo detto a migliaia di ragazzi di fare il giro del mondo e li avessimo buttati in mare senza una barca. Nuota, se sei capace. Molti di loro sono più che capaci, sono davvero bravi, ma non basta.

Il fondo di Invitalia può dare la spinta che serve all’ecosistema

E quindi il primo milione di euro per scalare e giocare davvero adesso diventa un obiettivo raggiungibile per i più bravi. Certo, manca ancora la terza fase, il round da 5 milioni per intenderci, ma ci arriveremo. Intanto Invitalia con questa mossa passa dalla fase, discutibile, dei soldi a fondo perduto per le regioni del sud o del prestito senza interessi per tutti, ad un ruolo in cui non chiede più ai ragazzi di indebitarsi, ma rischia del suo. E lo fa affidandosi non ad un occhiuto burocrate ma ad una persona che questo mondo lo conosce perché ha contribuito a costruirlo. Spero davvero che Salvo Mizzi faccia bene, ci sono tutte le condizioni perché accada. Noi, nel nostro piccolo, lo aiuteremo.

Ti potrebbe interessare anche

Caro Obama, non siamo solo luogo di antiche rovine. E te lo dimostreremo

Un cartonato faceva le veci del Presidente Obama all’apertura della call di Working Capital, ma la sua presenza avrebbe fatto bene a noi come Paese e a lui. Ecco perché

Donadon lascia Italia Startup. Chi sarà il nuovo presidente delle startup italiane?

L’imprenditore di Roncade ha deciso di lasciare Italia Startup dopo tre anni di presidenza per dedicarsi al rilancio di H-Farm. Piccola cronistoria di un imprenditore che è diventato un modello di impresa in Italia.

Mr. WCap: «Diamo un miliardo della mafia alle imprese innovative»

Costituire un fondo per l’innovazione con i soldi provenienti dei beni confiscati alla mafia: è la proposta di Salvo Mizzi fatta durante l’inaugurazione del nuovo acceleratore a Catania

Facebook, dal 25 maggio per gli under 15 cambia tutto

Allo stato attuale per iscriversi a Facebook bisognerebbe avere 13 anni ma già a dieci anni molti bambini accedono al social dichiarandosi più grandi. Nessun accorgimento sembra essere davvero utile

Facebook fa i conti con Cambridge Analytica e la trimestrale: utili in crescita

Altro che scandali e pessimismo. Il social fa sempre più iscritti, anche se ammette potrebbe fare qualcosa di più per migliorare l’esperienza utente. A crescere soprattutto la pubblicità che nel primo trimestre ha raggiunto gli 11,8 miliardi

La dieta più semplice del mondo si fa con quattro pugni di cibo nel piatto

La dietologa olandese Suzy Wegel ha provato su se stessa un regime alimentare che consiste nel mangiare sempre piatti equilibrati con una porzione di carboidrati, una di proteine, due di verdure e un cucchiaio di grasso. I risultati non tarderanno ad arrivare

5 call per Get It! Intervista a Rinaldo Canzi sul tema terzo settore

L’advisor di Fondazione Social Venture Giordano Dell’Amore a StartupItalia!: “Nel nostro Paese ancora troppe poche esperienze nel terzo settore ma adesso qualcosa inizia finalmente a muoversi”