Round da 200K per la sicurezza alimentare di DNAphone

Secondo aumento di capitale in pochi giorni in casa b-ventures. DNAphone, startup che sta sviluppando un dispositivo per il controllo della qualità alimentare

Secondo aumento di capitale in pochi giorni in casa b-ventures. È ora la volta di DNAphone, startup nata in seno all’Università di Parma che sta sviluppando un dispositivo ottico integrato con lo smartphone per condurre analisi di  controllo della qualità e della sicurezza alimentare sulle principali filiere agroalimentari. La startup ottiene il sostegno di Borealis Tech Ventures (veicolo di investimento di alcuni imprenditori locali), Capital B! (controllata da Mauro Del Rio) e soprattutto di imprenditori del settore agroalimentare quali Giampaolo Cagnin (Campus Italy) e Francesco Mutti (Mutti srl), che nel loro insieme hanno sottoscritto un aumento di capitale di 200.000 euro destinato all’avvio della produzione.

dnaphone

Contestualmente all’aumento di capitale, entrerà nel consiglio di amministrazione della società il dott. Marco Marcucci, responsabile del Dipartimento Ricerca e Sviluppo presso Campus Italy, a ulteriore conferma della fiducia e della volontà di supportare concretamente il progetto da parte dei nuovi soci industriali.

Fondata a marzo 2014 da Alessandro Candiani, Michele Sozzi e Alessandro Tonelli, tre ricercatori dell’Università di Parma, e dai professori universitari Stefano Selleri e Annamaria Cucinotta, DNAphone è entrata a fare parte del programma di accelerazione di b-ventures nel luglio 2014.

La soluzione tecnologica di DNAphone consente di effettuare analisi biochimiche in modo semplice, rapido ed economico, acquisendo dati, gestendoli e rendendoli disponibili in tempo reale agli utenti connessi. DNAphone punta almercato degli strumenti per analisi e test nel settore alimentare che passeràdai 3,45 miliardi di dollari del 2013 a 4,63 miliardi di dollari di fatturato nel 2018.

L’iniezione di capitale verrà utilizzata per l’ottimizzazione del prodotto per altre filiere alimentari, per la produzione di dispositivi in versione beta per la fase di customer test (realizzati in collaborazione con lo studio di Design Ronen Joseph di Milano), per la certificazione del prodotto e la deposizione dei brevetti, e per dare l’avvio alla fase di industrializzazione e commercializzazione ne primi mesi del 2016.

hd_grey_3

Come funziona DNAphone

Il dispositivo, unico nel suo genere sul mercato, consiste  in un modulo chiuso, all’interno del quale si trova la componentistica ottica ed elettronica necessaria alle analisi. L’hardware è integrato a una piattaforma di tipo smart che, attraverso l’applicazione software dedicata, guida l’utente attraverso le fasi dell’analisi. Ilsoftware gestisce l’interazione hardware-utente durante tutta l’analisi, salvando il dato in locale e consentendo all’utente di condividerlo in cloud o in un server aziendale per il recupero successivo e post-processing.

I dispositivi sono pensati in particolare per le micro e piccole imprese (1-50 dipendenti) che hanno la necessità di acquistare strumentazioni per incrementare il numero di analisi interne e migliorare la qualità e la sicurezza dei propri prodotti a costi sostenibili. Con DNAphone queste aziende hanno la possibilità di eseguire controlli di parametri qualitativi durante tutte le fasi della produzione sulleprincipali filiere alimentari (come, per esempio, quella vinicola, olearia, casearia o ortofrutticola) e controlli di contaminanti per la sicurezza alimentare (come per esempio lo screening di micotossine). Il tutto grazie a una elevata semplicitàd’usoe a un’estrema compattezza che ne consentono l’utilizzo in qualsiasi luogo. Inoltre, un’ampia versatilità e la possibilità di applicazione in un vasto range di analisi e di alimenti si aggiungono a una efficiente gestione dei dati, elevata affidabilitàdei risultati e costi contenuti.

Benefici non da poco, considerato che recenti studi stimano che il mercato degli strumenti per analisi e test nel settore alimentare crescerà del 6% nei prossimi 5 anni. Si stima inoltre che il numero di test condotti presenterà nello stesso periodo un tasso di crescita annuale (CAGR) superiore all’8%, passando da 1,78 a 2,62 miliardi di test condotti all’anno (*fonti: IndustryARC Analysis, Expert Interviews, MarketsAndMarkets).

Parallelamente, DNAPhone sta portando avanti lo sviluppo di strumenti di analisi in ambito education come nuovo metodo didattico per materie scientifiche per università, istituti superiori tecnici e licei sperimentali. (comunicato stampa)

Ti potrebbe interessare anche

5 milioni per Musement! Il 2015 ancora nel segno di food e del turismo digitale

La startup del turismo annuncia la raccolta di 5 milioni di euro nel suo secondo round di investimento. Su #VeryBello aveva detto: «Pronti a condividere con il ministero la nostra tecnologia, anche gratis»

50mila euro a chi innova davvero l’agricoltura e altri 4 bandi di in scadenza a giugno

I principali bandi di giugno, due riguardano l’agricoltura, poi c’è il bando di Papa Francesco e altre cose da tenere d’occhio

BuzzMyVideos ottiene un round da 2,5 milioni da United Ventures

Un round dal fondo di investimenti italiano United Venture. BuzzMyVideos ora può puntare in alto

Chi sono e cosa fanno le 24 startup italiane scelte per #Expo2015

Ecco chi sono, cosa fanno e da dove vengono le 24 startup scelte per far parte del Padiglione Italia all’Expo Milano 2015

Allo #StartupDay in Bocconi trionfa il robot per operazioni chirurgiche non invasive

Value Biotech si aggiudica il premio come “Migliore Startup del 2017”. Gloria anche per Kopjra e Jointly nelle categorie Millennials e Social Innovation. Presenti speaker e angel investor interessati alle nuove imprese italiane

FICO, il parco enogastronomico di Eataly, sceglie la digitalizzazione con Websolute

A Bologna è nato il primo parco didattico-enogastronomico del mondo. Le sue attrattive sono acquistabili solo online o attraverso info point, partners, tour operator esterni che utilizzano la piattaforma digitale di FICO

AXA Italia inaugura una nuova sede a Roma e scommette sullo smart working

Il gruppo assicurativo dà la possibilità ai suoi dipendenti di lavorare da remoto due giorni alla settimana. La struttura si adatta alla nuova filosofia che cerca il benessere dei suoi lavoratori