E’ il giorno di Marco Bicocchi Pichi (e della nuova Italia Startup)

Live blogging dall’assemblea di Italia Startup dove oggi sarà eletto il nuovo presidente delle startup italiane

Oggi il consiglio direttivo di Italia Startup darà il via libera alla presidenza di Marco Bicocchi Pichi che prenderà il posto di Riccardo Donadon, che come largamente anticipato non si ricandiderà per dedicarsi alla sua H-Farm che ha deciso di quotare in borsa. Seguiremo la diretta dell’assemblea da Milano. Gli interventi, gli umori, le posizioni che emergeranno dalla riunione saranno raccontate su StartupItalia! dalle 11.00

CIvJKVNVAAAguK0

L’assemblea del 30 giugno di Italia Startup

Cosa succederà oggi? Tra i componenti del nuovo consiglio sarà identificato il futuro presidente e la convergenza (come anticipato da StartupItalia! lo scorso 11 giugno) si è trovata su Bicocchi Pichi. All’assemblea del 30 giugno l’associazione delle startup italiane è arrivata completando il pacchetto post Donadon: nuovo consiglio, nuovo presidente, nuovo vicepresidente. Per questa posizione il candidato Bicocchi Pichi ha indicato Antonio Perdichizzi, presidente dei Giovani di Confindustria Catania. Sarà la prima volta che il vice presidente sarà eletto, nonostante anche sotto la presidenza di Riccardo Donadon questa figura, seppur prevista dallo statuto, non sia mai stata individuata. Qui intanto tutto ciò che è successo prima dell’assemblea, i candidati, chi ha chiesto di rinnovare il mandato e chi ha lasciato l’associazione.

Report dall’assemblea di Italia Startup 
(a cura di Martina Pennisi) 

Comincia oggi a Milano il nuovo corso di Italia Startup. Alla Blend Tower di Milano l’associazione nostrana per il sostegno dell’ecosistema delle giovani imprese si riunisce per eleggere il nuovo consiglio direttivo e, soprattutto, per nominare il successore del presidente Riccardo Donadon, che come anticipato da Startupitalia! lascia il timone. La mattinata inizia propria con l’intervento di Donadon che auspica una facilitazione del dialogo fra le startup e le industrie e gli stakeholders internazionali. L’obiettivo dichiarato, e condiviso dagli interventi successivi, è di allargare l’ecosistema.

Barberis: «Un miliardo di investimenti entro due anni»

Il ruolo delle aziende viene citato come cruciale in un contesto in cui scardinare la finanza per accelerare le iniziative per il cambiamento si rivela troppo macchinoso e in definitiva poco efficace. Il consigliere per l’innovazione della Presidenza del Consiglio Paolo Barberis fissa un obiettivo preciso: nel giro dei prossimi due anni bisogna portare a un miliardo di euro di investimento in capitale di rischio. All’associazione il compito di raccogliere le idee necessarie all’esecutivo per migliorare la condizione delle startup.

L’introduzione della categoria delle Pmi innovative dimostra come ci sia stia occupando anche delle fasi successive all’early stage. L’auspicio per i prossimi mesi è anche un intervento normativo in questa direzione. Barberis, tornando agli investimenti, auspica anche un eventuale comunicazione trimestrale dei risultati, come accade nel Regno Unito. Sempre il consigliere di Renzi fa riferimento alla necessità di sostenere chi investe nelle startup.

Rendere Italia Startup meno Nord-Centrica

Prima del voto del nuovo consiglio e della nuova presidenza è stato approvato il bilancio del 2014. Lo scorso anno è stato definito “il primo di vero assestamento” con 145mila euro di giro d’affari. La perdita registrata è stata di 12mila euro. Il 2015 sembra confermare questi dati, tenendo conto del fatto che dovrà fare a meno delle quote associative delle StartUp early stage. Risultano attualmente 200 startup seed iscritte, 7 consolidate (oltre il milione di euro), 28 incubatori, 6 investitori, 24 abilitatori e 18 aziende. Viene proposto un sito internet in lingua inglese e la presenza fisica nazionale per regioni per non essere troppo nord centrici.

Bicocchi Pichi eletto presidente di Italia Startup

Marco Bicocchi Pichi è stato eletto presidente di Italia Startup. Candidato unico alla presidenza, ha sottolineato la la necessità di raccogliere risorse per l’associazione come primo obbiettivo. Nel suo discorso di insediamenti ha inoltre accennato all’importanza delle sfide del Fintech e dell’equity crowdfunding per l’Italia.

 

Request a Woman Scientist: il database che raccoglie oltre 10mila scienziate

Secondo uno studio, nei contesti accademici gli uomini parlano in media il doppio rispetto alle donne. Con il portale Request a Woman Scientist non ci sono più scuse: più di 10K esperte per oltre 200 discipline scientifiche, a disposizione per convegni, seminari e interviste

Fintech italiano 2019: l’anno da incorniciare tra round, exit e IPO

Una nuova barca di soldi nel fintech britannico, ma anche nel nostro Paese il 2019 per le startup della finanza tecnologica è iniziato con il migliore degli auspici. Ripercorriamo tutti gli eventi più importanti dell’anno in corso.

Un drago virtuale sorvola uno stadio in Corea del Sud grazie al 5G. Video

Lo scorso 23 marzo l’ologramma di un essere alato ha lasciato a bocca aperta il pubblico coreano con una performance di realtà aumentata resa possibile dalla connessione ad altissima velocità

Food trend, siete pronti per i cocktail alla carne?

Per chi non si accontenta di mangiarla, la bistecca finisce anche nel bicchiere. Ecco l’ultima tendenza della mixology nata sui tavoli americani e approdata nello storico ristorante monzese Bove Lover

Torino, siglato l’accordo per un hub internazionale dell’innovazione alle OGR

Stimolare la ricerca ma anche attrarre startup e investimenti in fondi tech: questi gli obiettivi dell’accordo siglato da Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Intesa Sanpaolo Innovation Center.