Una startup paga 100mila ragazzi africani per imparare a programmare

Andela aiuta i giovani nigeriani a trovare lavoro, risolvendo al contempo uno dei problemi del “Primo mondo”: la mancanza di programmatori di valore.

Il talento è equamente distribuito, le opportunità no. Sa un po’ di frase fatta, stile baci Perugina, ma non è per questo meno vera. Basta guardare ai paesi emergenti, dall’Africa al Sud America: quante persone brillanti che faticano a farsi strada, e non certo per cattiva volontà, quanto per l’assenza di sostegno e instrastrutture.

Uno dei punti deboli di queste economie è spesso quello dell’istruzione e della formazione, ed è su questo che si è concentrata Andela, una startup con sede sia a Lagos (Nigeria), che a New York.

La società intende migliorare le possibilità economiche e di carriera dei giovani nigeriani, risolvendo al contempo uno dei problemi del “Primo mondo” in piena rivoluzione digitale: la carenza di programmatori di valore.

Nei soli Stati Uniti, vi sono cinque volte più offerte di lavoro nel settore, che sviluppatori. La Nigeria è uno degli stati più ricchi, in senso relativo, del Continente africano, ma sconta ritardi nel sistema educativo ed occupazionale che fan sì che il 50% dei giovani siano disoccupati. E i giovani sono tantissimi, in un Paese di 178 milioni di abitanti, in cui l’età media è poco meno di 18 anni.

andela-women

Perciò ecco l’idea: selezionare, a Lagos, i giovani migliori (a seguito di test durissimi; tasso di accettazione: meno dell1%), pagarli per imparare e, dopo un primo, intensissimo periodo di formazione, metterli direttamente a lavorare sul campo, per conto di alcune delle maggiori aziende americane.

La paga iniziale è sui 500 dollari, pochi per uno statunitense, ma sufficienti a porre chi li percepisce, all’interno del 5% di lavoratori meglio pagati della Nigeria. Poi, con l’esperienza, il salario aumenta.

Dietro Andela ci sono due cervelli. Il primo è quello dell’americano Jeremy Johnson, imprenditore cosiddetto “seriale”, con già alle spalle il lancio di due startup del settore ed-tech (tecnologia applicata all’istruzione); una delle quali, 2U di recente quotata in Borsa, a una valutazione di 100 milioni di dollari.

L’altro appartiene invece a un 23enne nigeriano trapiantato a Toronto, Iyin “E” Aboyeji, anche lui con già alcune startup alle spalle. Sua l’idea originale e la voglia di fare qualcosa per i coetanei e compatrioti che non hanno avuto la fortuna, come lui, di potersi permettere un’istruzione all’estero. Chi ha avuto che fare con gli americani lo sa: non importa se non sei amico di amici, non importa la tua età; se hai una buona idea e dimostri di poterla realizzare, è facile che ti diano fiducia.

Così, da una semplice email inviata da “E”, a “freddo”, senza conoscersi, al più navigato Johnson, è partito tutto. Poi l’incontro faccia a faccia, la decisione di fare qualcosa insieme, e l’arrivo, nella squadra, di professionisti di spicco come Christina Sass, già nella squadra di Bill Clinton alla Clinton Global Initiative.

Andela è partita da poco – il lancio è del settembre 2014, ma il modello piace e sembra funzionare. Non solo sul lato della domanda: a fine giugno la startup aveva ricevuto già 16.000 candidature da parte di potenziali programmatori. Anche le aziende americane, fra cui figurano anche grossi nomi, come Microsoft e Udacity, sembrano soddisfatte.

“Nel complesso, crediamo che il nostro rapporto qualità-prezzo sia il migliore al mondo, punto e basta – ha detto Johnson al magazine VenturesAfrica – Non vogliamo essere un fornitore di servizi a basso costo. Quello non è il nostro obiettivo. Il nostro obiettivo è combinare insieme qualità e convenienza”.

Non importa se non sei amico di amici, non importa la tua età; se hai una buona idea e dimostri di poterla realizzare, è facile che ti diano fiducia

La fame – di soldi, ma anche semplicemente di un lavoro che consenta di mettere a frutto le proprie conoscenze – è tanta, e questo fa sì che chi accede ai programmi di Andela sia oltre che brillante, fortemente motivato. Ad Andela si lavora molto duramente: l’orario ufficiale è dalle 9 alle 5, ma è puramente indicativo, le opportunità offerte sono pressoché uniche, o comunque molto rare, per un giovane nigeriano.

Il vantaggio del business model della startup risiede anche nel fatto che la programmazione, a differenza di altre attività, è un linguaggio “universale”, una volta imparato a scrivere AngularJS o JavaScript, non ha molta importanza che tu lo faccia dalla Corea, o dall’Italia.

In questo senso, l’attività di Andela è facilmente esportabile, e infatti l’azienda sta già aprendo un ufficio anche in Kenya. È facile immaginare che, condizioni socio-politiche permettendo, altri paesi seguiranno. Lo scopo, dichiarato, è quello di formare 100.000 programmatori in Africa entro i prossimi dieci anni. E appaltarli in Occidente.

Blockchain per i rifugiati: ecco come la usa (bene) la Finlandia

Il progetto con la startup locale Moni coinvolge migliaia di persone: una carta-conto e un’identità digitale memorizzate su blockchain pubbliche lavorano per l’inclusione sociale dei migranti

Lo Zaino Digitale | Cos’è e come funziona lo spazio virtuale per studenti voluto dagli editori

Un unico punto di accesso per poter consultare da pc, tablet o smartphone libri di testo e materiali digitali integrativi. L’intervista al presidente dell’Associazione Italiana Editori, Ricardo Franco Levi

Una startup slovacca produce su ordinazione case trasportabili. Ecocapsule

Questi moduli abitativi producono energia pulita e filtrano l’acqua piovana. Possono essere posizionati dovunque e offrono una soluzione a chi non vuole rinunciare né alla comodità né all’avventura dell’esplorazione

Con l’#AXAChallenge gli studenti della Bocconi progettano l’assicurazione del futuro

Cento universitari parteciperanno alla competizione lanciata dal gruppo assicurativo per elaborare un progetto di impresa nel settore. I vincitori saranno premiati a febbraio 2018 con uno stage in azienda