Una startup paga 100mila ragazzi africani per imparare a programmare

Andela aiuta i giovani nigeriani a trovare lavoro, risolvendo al contempo uno dei problemi del “Primo mondo”: la mancanza di programmatori di valore.

Il talento è equamente distribuito, le opportunità no. Sa un po’ di frase fatta, stile baci Perugina, ma non è per questo meno vera. Basta guardare ai paesi emergenti, dall’Africa al Sud America: quante persone brillanti che faticano a farsi strada, e non certo per cattiva volontà, quanto per l’assenza di sostegno e instrastrutture.

Uno dei punti deboli di queste economie è spesso quello dell’istruzione e della formazione, ed è su questo che si è concentrata Andela, una startup con sede sia a Lagos (Nigeria), che a New York.

La società intende migliorare le possibilità economiche e di carriera dei giovani nigeriani, risolvendo al contempo uno dei problemi del “Primo mondo” in piena rivoluzione digitale: la carenza di programmatori di valore.

Nei soli Stati Uniti, vi sono cinque volte più offerte di lavoro nel settore, che sviluppatori. La Nigeria è uno degli stati più ricchi, in senso relativo, del Continente africano, ma sconta ritardi nel sistema educativo ed occupazionale che fan sì che il 50% dei giovani siano disoccupati. E i giovani sono tantissimi, in un Paese di 178 milioni di abitanti, in cui l’età media è poco meno di 18 anni.

andela-women

Perciò ecco l’idea: selezionare, a Lagos, i giovani migliori (a seguito di test durissimi; tasso di accettazione: meno dell1%), pagarli per imparare e, dopo un primo, intensissimo periodo di formazione, metterli direttamente a lavorare sul campo, per conto di alcune delle maggiori aziende americane.

La paga iniziale è sui 500 dollari, pochi per uno statunitense, ma sufficienti a porre chi li percepisce, all’interno del 5% di lavoratori meglio pagati della Nigeria. Poi, con l’esperienza, il salario aumenta.

Dietro Andela ci sono due cervelli. Il primo è quello dell’americano Jeremy Johnson, imprenditore cosiddetto “seriale”, con già alle spalle il lancio di due startup del settore ed-tech (tecnologia applicata all’istruzione); una delle quali, 2U di recente quotata in Borsa, a una valutazione di 100 milioni di dollari.

L’altro appartiene invece a un 23enne nigeriano trapiantato a Toronto, Iyin “E” Aboyeji, anche lui con già alcune startup alle spalle. Sua l’idea originale e la voglia di fare qualcosa per i coetanei e compatrioti che non hanno avuto la fortuna, come lui, di potersi permettere un’istruzione all’estero. Chi ha avuto che fare con gli americani lo sa: non importa se non sei amico di amici, non importa la tua età; se hai una buona idea e dimostri di poterla realizzare, è facile che ti diano fiducia.

Così, da una semplice email inviata da “E”, a “freddo”, senza conoscersi, al più navigato Johnson, è partito tutto. Poi l’incontro faccia a faccia, la decisione di fare qualcosa insieme, e l’arrivo, nella squadra, di professionisti di spicco come Christina Sass, già nella squadra di Bill Clinton alla Clinton Global Initiative.

Andela è partita da poco – il lancio è del settembre 2014, ma il modello piace e sembra funzionare. Non solo sul lato della domanda: a fine giugno la startup aveva ricevuto già 16.000 candidature da parte di potenziali programmatori. Anche le aziende americane, fra cui figurano anche grossi nomi, come Microsoft e Udacity, sembrano soddisfatte.

“Nel complesso, crediamo che il nostro rapporto qualità-prezzo sia il migliore al mondo, punto e basta – ha detto Johnson al magazine VenturesAfrica – Non vogliamo essere un fornitore di servizi a basso costo. Quello non è il nostro obiettivo. Il nostro obiettivo è combinare insieme qualità e convenienza”.

Non importa se non sei amico di amici, non importa la tua età; se hai una buona idea e dimostri di poterla realizzare, è facile che ti diano fiducia

La fame – di soldi, ma anche semplicemente di un lavoro che consenta di mettere a frutto le proprie conoscenze – è tanta, e questo fa sì che chi accede ai programmi di Andela sia oltre che brillante, fortemente motivato. Ad Andela si lavora molto duramente: l’orario ufficiale è dalle 9 alle 5, ma è puramente indicativo, le opportunità offerte sono pressoché uniche, o comunque molto rare, per un giovane nigeriano.

Il vantaggio del business model della startup risiede anche nel fatto che la programmazione, a differenza di altre attività, è un linguaggio “universale”, una volta imparato a scrivere AngularJS o JavaScript, non ha molta importanza che tu lo faccia dalla Corea, o dall’Italia.

In questo senso, l’attività di Andela è facilmente esportabile, e infatti l’azienda sta già aprendo un ufficio anche in Kenya. È facile immaginare che, condizioni socio-politiche permettendo, altri paesi seguiranno. Lo scopo, dichiarato, è quello di formare 100.000 programmatori in Africa entro i prossimi dieci anni. E appaltarli in Occidente.

Aumento di capitale di 9 milioni per BeMyEye. FII Tech Growth ne mette più di 6

Si tratta del primo investimento del nuovo fondo FII Tech Growth. L’operazione prevede un investimento di 6,3 milioni di Euro, a fronte della sottoscrizione di una quota di minoranza, nell’ambito di un aumento di capitale per complessivi 9 milioni

Seedcamp lancia un nuovo fondo d’investimenti per startup da 46 milioni

Per festeggiare il decimo anniversario ecco un nuovo progetto che raccoglie 60 soggetti pronti a puntare sulle imprese innovative. Il nostro Paese si affida al fondo Italia Ventures I che ha da poco ricevuto 20 milioni di euro dalla BEI

Xtribe, la startup dell’ecommerce social e geolocalizzato

Le nuove tecnologie a vantaggio della piccola e media impresa. Si possono vendere, comprare, noleggiare e barattare prodotti e servizi con chi è realmente vicino e può anche essere incontrato di persona

AXA Italia inaugura una nuova sede a Roma e scommette sullo smart working

Il gruppo assicurativo dà la possibilità ai suoi dipendenti di lavorare da remoto due giorni alla settimana. La struttura si adatta alla nuova filosofia che cerca il benessere dei suoi lavoratori