Il 10 luglio a Expo si parla di startup, innovazione e agroalimentare del futuro

Startup, innovazione e agroalimentare in un forum a Expo

Il 10 luglio, presso il Conference Centre di Expo 2015 a Milano si terrà il forum Start-Up e Innovazione.

I lavori inizieranno alle 10 e saranno articolati in due momenti principali:

Il dibattito “Le opportunità per l’Italia che innova” a cui parteciperanno come relatori: Domenico Arcuri – Amministratore Delegato Invitalia, Paolo Barberis – Consigliere per l?innovazione del Presidente del Consiglio, Marco Bicocchi Pichi – Presidente Italia Startup, Raffaele Borriello – Direttore Generale ISMEA, Stefano Firpo – Direttore Generale per la politica industriale, competitività e Pmi del MISE, Federico Florà – Presidente Fondazione Italiacamp, Riccardo Luna – Digital Champion per l’Italia, Giovanni Sabatini – Direttore Generale ABI.

A moderare l’incontro sarà Monica Maggioni, Direttore RaiNews24

La seconda parte sarà invece dedicata a “L’agroalimentare del futuro” e interverranno Michiel Bakkier – Director Global Google Food e Maurizio Martina – Ministro politiche agricole, alimentari e forestali.

Calenda: “Tassare i robot? Bisogna governare la rivoluzione” I temi del G7 e dell’I-7 di Torino

Si apre il sipario sulla “Innovation Week italian”: sei giorni alla Reggia di Venaria, nei quali i ministri si trovano per parlare di industria, scienza e lavoro. Parallelemente al G7 si è aperto anche l’I-7 il summit guidato da Diego Piacentini e che riunisce 48 esperti di innovazione provenienti da tutto il mondo

Blockchain, tutto quello che c’è da sapere sulla tecnologia alla base dei bitcoin

Anche chi non condivide fino in fondo l’entusiasmo dei due autori canadesi, non può essere cieco di fronte alla capacità della tecnologia di adattarsi a un’infinità di usi in campi diversissimi tra loro: dalla finanza, al retail, passando per assicurazione e sanità. Ecco una guida per capire cos’è la blockchain e perché rappresenta il futuro della Rete

Parole O_stili, il manifesto per la cultura digitale arriva in classe

In pochi mesi è nato un movimento virale che vuole cambiare il modo di comunicare in rete. Il Manifesto si sta diffondendo nelle classi anche grazie alle agende che Mondadori Education ha realizzato in collaborazione con Parole O_stili