Exit da 30 milioni per la parmense VisLab, comprata da Ambarella (USA)

E’ l’exit più grossa del 2015 arriva da uno spinoff universitario di Parma: la società fondata dal professor Alberto Broggi è stata venduta per 30 milioni ad una società americana.

Una macchina che si guida da sola progettata prima che Google si lanciasse nel progetto Google Car. VisLab, gioiello dell’Università di Parma, è stata comprata da Ambarella Inc. società americana quotata al Nasdaq specializzata nello sviluppo di compressioni video e immagini attraverso semiconduttori. L’acquisto è stato annunciato il primo luglio. VisLab, Vision e intelligent systems laboratory di Parma, ha elaborato un sistema di controllo video delle auto che si muovono senza pilota in grado di competere con il sensore a 64 fasci laser che invece muovono la Google Car. Per efficienza e economicità. Fondata nel 2009 come spinoff universitario dal professor Alberto Broggi, di VisLab si è parlato tanto quando nel 2010 ha portato a termine con un’auto un viaggio con veicoli a guida autonoma di 13 mila chilometri tra Parma e Shangai.

Vislab-

La cosa più bella che si legge nel comunicato di Ambarella è nelle parole del Ceo Wang, che ha definito l’operazione qualcosa che farà fare alla big company americana un salto in avanti nella ricerca e nello sviluppo di soluzioni innovative di 20 anni. 20 anni nel futuro scovati in Italia, a Parma. Si tratta dell’exit con il valore più altro del 2015, e una delle più alte negli ultimi 5 anni. 

«Il nostro interesse è integrare le nostre soluzioni con quelle dell’automotive» ha detto Fermi Wang, CEO of Ambarella. «E’ per questo che siamo felici di dare il benvenuto al professor Broggi al suo team di  VisLab in Ambarella per cercare di sviluppare le future generazioni di soluzioni di computer vision». Gli fa eco il Broggi che ha detto come «La combinazione unica della nostra computer vision con le alte performance delle soluzioni di Ambarella potranno dare soluzioni potentissime al settore». Come parte dell’accordo, i 27 ricercatori di VisLab si uniranno alla sezione di ricercatori di Ambarella dedicati allo sviluppo della computer vision.

Una bella vittoria per l’ecosistema di Parma, dove sono nate diverse applicazioni e progetti anche grazie al programma incubatore di imprese b-ventures.  Lo stesso Mauro Del Rio, fondatore di b-ventures, a marzo ha celebrato l’ultimo prototipo di VisLab su Twitter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

46 milioni investiti, 180 posti di lavoro creati: tutti i numeri del 2014 dell’angel investing in Italia

Tutti i numeri del 2014 degli investimenti dei business angel, che diminuiscono in numero ma aumentano per investimenti medi (300K). E i primi numeri dei posti di lavoro creati

7 exit, 34 milioni investiti e altri fatti da ricordare dei primi 6 mesi del 2015

Il riassunto dei primi sei mesi del 2015: exit, investimenti, politica, innovazioni. Ecco tutto quello che è successo, numeri e storie, nel mondo delle startup italiane.

All of Italy’s million euro exits from 2012 to the present

2.5 billion euros invested (this is the official data, but the overall estimate is plus 4 billion), 9 times out of 10 by foreign companies: here below the complete list of the top exits for innovative Italian startups

Clovis Acquires EOS. The Greatest Exit Ever

It’s the greatest exit for an Italian startup. Ethical Oncology Science, founded by Silvano Spinelli at the aim to fight cancer, is acquired by Clovis for 350million

Exit per Tilt, l’app di social payment comprata da Airbnb per 12 milioni

Airbnb ha versato 12 milioni in cash nelle casse startup che facilita lo scambio di soldi tra persone via mobile, ma tra decine in bonus per i fonunders e scambi di quote l’ammontare totale dell’operazione ammonterebbe a 60 milioni

«Più sei popolare su Facebook più ti facciamo risparmiare su quello che compri»

Il potere degli influencer applicato all’eCommerce: fare un post su Facebook dicendo cosa compri può valere dai 5 ai 10 euro. E’ l’algoritmo della startup italiana Worldz. Dopo il round da 150K abbiamo intervistato il founder e Ceo, Joshua Priore

Disney ha acquisito MakieLab, la startup della prima bambola stampata in 3D

MakieLab dal 2012 produce giocattoli con la fabbricazione digitale. La famosa casa di intrattenimento per bambini l’aveva già accolta nel suo programma di accelerazione nel 2015 e ora ne assorbirà tecnologia e piattaforma

Perché per un mese, ogni martedì, siamo usciti dalla nostra redazione (e non finisce qui)

Siamo bravi con le parole, ma ci piace di più fare: così è nato un format di networking “leggero” e anche un po’ “carbonaro”. Le quattro colazioni The Next Tech a Milano con le startup sono state utili? Chiedete pure feedback a chi c’era